Il 20 per cento in meno con un software basato sull'Intelligenza artificiale

Automatizzare il controllo della qualità riduce gli sprechi ortofrutticoli

Le differenze qualitative durante la selezione causano uno spreco di centinaia di tonnellate di prodotti ortofrutticoli all'anno. È in questa fase critica della catena di fornitura che il software per il controllo della qualità basato su cloud di Clarifruit può ridurre gli sprechi dei fornitori fino al 20%.

La Clarifruit, che utilizza la tecnologia di visione computerizzata per valutare la qualità di un'ampia varietà di ortofrutticoli, sta già producendo effetti quantificabili sui profitti di alcuni dei principali coltivatori ed esportatori di frutta e verdura in tutto il mondo.

"Lo spreco di ortofrutta è principalmente dovuto alla mancanza di un codice standardizzato in termini di classificazione, alla soggettività per quanto riguarda colore, forma e categorizzazione dei difetti e alla mancanza di dati in tempo reale", dice Elad Mardix, amministratore delegato di Clarifuit.

Nell'industria ortofrutticola, non esistono standard concordati per ciò che costituisce un prodotto di Classe I, II o III. La mancanza di un codice standardizzato significa che ogni stakeholder ha una sua idea di ciò che costituisce frutta di alta qualità. Ogni acquirente sviluppa le proprie specifiche di qualità che devono essere interpretate dal venditore. Un acquirente potrebbe considerare un raccolto di Classe I, mentre un altro no. La mancanza di standardizzazione si traduce in spedizioni scartate, che incidono sui profitti del venditore e lasciano vuoti gli scaffali dell'acquirente.

Il controllo della qualità della frutta e verdura fresca non riguarda solo la classe, ma dozzine di parametri, da calibro e colore ai numerosi difetti che si differenziano a seconda dei diversi tipi di frutta e verdura. Per uno stakeholder, un pomodoro sarà grande o presenterà difetti minori, mentre per un altro sarà di calibro medio e i difetti saranno più evidenti. Lo stesso vale quando si tratta di una visione obiettiva del colore o della forma del prodotto, ad esempio se è rosso o arancione. Tutte queste valutazioni soggettive, di solito eseguite manualmente, danno luogo a costosi disallineamenti.

Anche i processi di raccolta, lavorazione, conservazione e trasporto di frutta e verdura possono creare problemi. Gli stakeholder hanno bisogno di visibilità in tempo reale su dove si verificano i problemi, ad esempio riconoscendo che la cella refrigerata ha danneggiato una selezione di pallet, o che la qualità si riduce dopo aver utilizzato una determinata azienda di trasporto o magazzino, al fine di ottimizzare la corrispondenza della qualità dei prodotti.

"Sono queste le sfide che la nostra tecnologia affronta con successo, attraverso la standardizzazione dei codici, l'aggiunta di informazioni obiettive e la visibilità dei dati in tempo reale", spiega Mardix. Durante il controllo qualità, gli ispettori scattano una foto dei prodotti, utilizzando l'app mobile di Clarifruit, che fornisce una classificazione oggettiva delle caratteristiche esterne, che non cambia da ispettore a ispettore, aggirando così il problema dell'obiettività. Creando specifiche digitali all'interno del software della Clarifruit, i fornitori possono tradurre il codice dell'acquirente o del venditore ad altri stakeholder, consentendo loro di confrontare i sistemi di classificazione.

"In qualità di venditore, puoi eseguire un'ispezione su una resa di pomodoro e ottenere un prodotto di Classe I. Utilizzando il software della Clarifruit, puoi visualizzare automaticamente i tuoi risultati insieme alle specifiche dell'acquirente, e vedere se corrisponde alla Classe I dell’acquirente", spiega Mardix. "Ciò consente ai fornitori di ottenere un prezzo migliore per il raccolto, sicuri che non ci saranno rigetti né rinegoziazioni. Poiché ciò può essere effettuato su larga scala, i fornitori possono vedere rapidamente cosa una specifica spedizione significherebbe per ogni potenziale acquirente, e quindi prendere una decisione informata".

Poiché le ispezioni possono essere eseguite con la frequenza necessaria, il personale può essere incaricato di effettuare ispezioni nelle fasi critiche della catena, dalla pre-raccolta allo stoccaggio, al trasporto e altro, consentendo ai fornitori di ottenere informazioni più dettagliate sulla produzione, di capire quando e come si verificano i problemi, apportare modifiche intelligenti al processo e ottenere risultati migliori in futuro.

"In sostanza, stiamo consentendo l’oggettivizzazione del controllo qualità, ottenendo ispezioni più obiettive su dati più accurati rispetto ai parametri chiave della produzione", osserva Mardix. La tecnologia della Clarifruit offre vantaggi significativi lungo l'intera catena del valore, e può evitare lo spreco eccessivo di frutta e verdura ogni anno.

Unisciti alla Clarifruit per un webinar il 13 settembre (9:00 EST) e scopri come aumentare la produttività e massimizzare i profitti con il controllo qualità basato sull'intelligenza artificiale. Registrati qui.

Per maggiori informazioni:
Elad Mardix
Clarifruit
Tel.: +972 543 666838
Email: elad@clarifruit.com   
Web: www.clarifruit.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto