Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale delle patate dolci

Sebbene le patate dolci rimangano un prodotto sempre più popolare in molti Paesi, quest'anno alcuni mercati hanno faticato a trarre profitto dal raccolto a causa dell'aumento dei costi di produzione, degli effetti dell'invasione dell'Ucraina e della carenza di manodopera e acqua. Nei Paesi Bassi, gli importatori ritengono che i prezzi debbano aumentare per rendere conveniente la vendita. Anche i coltivatori sudafricani risentono dell'aumento dei costi di coltivazione e i coltivatori nordamericani lamentano un eccesso di offerta sul loro mercato. Diventano sempre più popolari le patate dolci coltivate a livello locale nei Paesi Bassi e in Germania.

Paesi Bassi: le rese devono aumentare per coprire i costi
Secondo un importatore olandese di patate dolci nordamericane, l'aumento dei costi sta rendendo l'annata difficile, indipendentemente dal Paese di origine. "È quindi difficile realizzare raccolti economicamente vantaggiosi per tutti i coltivatori di patate dolci. Inoltre, la qualità di questa stagione non è la migliore che abbiamo mai visto e il raccolto è piuttosto abbondante, il che crea anche una certa pressione per svuotare i magazzini prima dell'inizio della nuova campagna. Una cosa certa è che nella prossima stagione ci sarà molta meno disponibilità, perché c'è poca capacità di produrre a causa dei prezzi bassi".

Un venditore olandese di patate dolci portoghesi è più positivo. "Poiché ci sono stati meno blocchi rispetto agli anni precedenti, mi aspettavo un anno di stabilizzazione, ma siamo riusciti a ottenere un risultato positivo. Anche le vendite di patate dolci biologiche stanno andando molto bene. Il settore della vendita al dettaglio di lingua tedesca, in particolare, è molto affezionato alle patate dolci portoghesi; le vendite nei supermercati olandesi sono ancora in ritardo. Inoltre, nell'Europa meridionale è stato venduto il 20% in meno di piante di patate dolci e l'Egitto ha il 40% in meno di superficie, quindi ci avviamo alla nuova stagione con fiducia".

Anche un coltivatore olandese vede grande potenziale in questa coltura relativamente nuova. "L'unico problema è che questa coltura non può essere coltivata su pochi ettari. L'anno scorso abbiamo ottenuto una resa di 40-45 tonnellate lorde per ettaro, ma le rese devono aumentare ulteriormente per coprire i costi. Non siamo preoccupati per le vendite. Abbiamo notato che la domanda di patate dolci coltivate nei Paesi Bassi è in aumento".

Germania: la patata dolce sta diventando sempre più popolare
Secondo un grossista biologico della Germania meridionale, la coltivazione di patate dolci sta diventando sempre più popolare nel Paese. Egli riconosce inoltre che ora c'è più richiesta di patate dolci europee che di prodotti stranieri, ad esempio provenienti dalla regione andalusa della Spagna.

I prezzi e la domanda sono rimasti stabili rispetto all'anno precedente e hanno registrato oscillazioni minime. All'inizio della stagione, le quotazioni erano un po' alte, ma sono scese leggermente nel corso della stagione per poi risalire a fine stagione.  

Mentre qualche anno fa venivano importati soprattutto prodotti d'oltreoceano, da Paesi del Sud America o dagli Stati Uniti, ora l'offerta di prodotti europei è sufficiente, tanto che a livello nazionale si utilizzano sempre più prodotti europei, afferma l'esperto. Sebbene esistano diverse varietà sul mercato, la varietà arancione Beauregard rimane la più popolare.

Francia: buone vendite per le patate dolci locali
La stagione delle patate dolci si è conclusa a metà marzo. Alcuni produttori con sede nel sud della Francia hanno sofferto la stagione di piogge, che ha causato alcune perdite e costretto alcuni coltivatori a scartare una piccola parte del loro raccolto. Attualmente sugli scaffali francesi troviamo l'origine spagnola che ha preso il sopravvento. La patata dolce è un prodotto che si consuma in inverno o a metà stagione, la domanda è ancora presente e le vendite sono piuttosto buone.

Italia: campagna volatile della patata dolce
"Quest'anno, come non mai, la campagna della patata dolce presenta molte incognite. Stiamo iniziando con le prime semine, ma non sappiamo ancora quanti ettari in totale coltiveremo, a causa dell'aumento dei costi. Dovremmo iniziare la raccolta a fine agosto. L'anno scorso avremmo potuto anticiparla, ma non l'abbiamo fatto perché le temperature erano troppo alte", riferisce un produttore pugliese.

Spagna: la produzione diminuirà in questa campagna
Tutto indica che in questa stagione la combinazione di vari fattori potrebbe far contrarre la produzione iberica.

"In Spagna e Portogallo si prevede una significativa riduzione del raccolto per la campagna 2022/23", spiega un rappresentante del settore. "L'anno scorso c'è stata una grande offerta di prodotto che ha avuto un impatto sui prezzi. La concorrenza extra-europea è stata agguerrita, e non solo dall'Egitto; ci sono stati anche arrivi di prodotto dal Sud America e dal Sudafrica che non soddisfano nemmeno i requisiti che ci vengono richiesti in Europa. Sono Paesi in cui la manodopera è anche molto più economica e posizionano il loro prodotto in Europa a un prezzo che rende impossibile la concorrenza delle patate dolci spagnole o portoghesi".

"D'altra parte, c'è la questione della siccità. Il cambiamento climatico ha fatto sì che le patate dolci possano essere piantate in molti luoghi, ma non dobbiamo dimenticare che sono un ortaggio di origine tropicale e hanno bisogno di condizioni adeguate per crescere. Negli anni '90 l'Andalusia era la regione che dominava la coltivazione delle patate dolci in Spagna e quasi in tutta Europa; in passato si seminava la varietà California, ma a partire dal 2003 c'è stato un cambio di tendenza e si è diffusa la coltivazione della patata dolce Beauregard, la varietà che attualmente è commercializzata in tutto il mondo. Ma quest'anno la siccità nei campi andalusi ha ridotto la superficie coltivata".

"Anche la guerra ha influenzato questa campagna, e in modi diversi", afferma. "Da un lato, nei Paesi produttori come l'Ungheria, la forza lavoro disponibile per questa campagna è diminuita. Dall'altro lato, quando le forniture di cereali dalla Russia e dall'Ucraina sono state interrotte a causa del conflitto, il prezzo del grano, dell'orzo o del malto è aumentato a tal punto che molti agricoltori, in coincidenza con la data di semina, hanno deciso di piantare queste colture nei loro campi".

"La raccolta inizierà in Spagna a metà agosto/inizio settembre, ma a causa di tutti questi fattori, stimiamo che in questa campagna il raccolto di patate dolci spagnolo potrebbe diminuire fino al 40% rispetto all'anno scorso".

Egitto: pressione sui profitti
La stagione delle patate dolci in Egitto è appena iniziata. Gli agricoltori egiziani hanno iniziato a coltivarle con il forte timore di una stagnazione del mercato europeo, come accaduto nella scorsa stagione. È da notare che nella campagna precedente si sono verificati enormi aumenti dei prezzi dei fertilizzanti e degli agrofarmaci, così come dei materiali di imballaggio e dei prezzi dei trasporti interni e marittimi, e questi aumenti non sembrano arrestarsi. La situazione è resa ancora più difficile dalla guerra in corso tra Russia e Ucraina. 

La domanda è molto tranquilla, poiché i prezzi al consumo sono elevati a causa dei costi di trasporto e anche i materiali di imballaggio sono diventati più costosi. Il prezzo della spedizione di un container refrigerato verso i porti europei ha raggiunto i 4.000 dollari e il prezzo di una scatola di cartone da 6 kg è arrivato a 0,80 euro. Si prevede che quest'anno le aree coltivate diminuiranno in modo significativo, circa il 40% rispetto all'anno scorso. Ciò è dovuto al fatto che gli agricoltori non hanno ottenuto alcun profitto nella scorsa stagione, poiché i costi sono aumentati senza un pari incremento del prezzo di vendita del prodotto sui mercati europei. Ciò ha spinto gli agricoltori a cercare altre colture in grado di generare un reddito migliore per loro e per le loro famiglie, come il cotone egiziano e il riso.

Sudafrica: l'aumento dei costi colpisce duramente i coltivatori
I coltivatori sudafricani di ortaggi, compresi quelli di patate dolci, sono stati colpiti duramente dall'aumento dei costi di produzione e dai prezzi del carburante che hanno subito un ulteriore rincaro.

Attualmente le patate dolci sudafricane vengono esportate all'ingrosso per essere riconfezionate dai rivenditori dell'Ue, del Regno Unito e del Medio Oriente, un commercio giovane guidato da un piccolo numero di coltivatori che hanno imparato il processo di stoccaggio delle patate dolci per una lunga conservabilità.

Gli esportatori sudafricani di patate dolci sono desiderosi di dimostrare la qualità e il valore nutrizionale della patata dolce sudafricana, dove c'è una crescente attenzione all'applicazione di pratiche agricole rigenerative. Nel Paese sono in corso prove con la patata dolce a pasta viola.

Il mercato locale è abbastanza tranquillo perché l'economia è sotto pressione. Sul mercato locale il prezzo medio è di R4,30 (0,25 euro)/kg per il prodotto offerto in confezione da 2 kg. Circa il 70% della patata dolce sudafricana viene coltivata nel nord del Sudafrica (soprattutto nella Provincia del Nord-Ovest e nel Limpopo) e in parte nel Capo Occidentale.

Nord America: l'offerta supera la domanda
Ci sono troppe patate dolci nella Carolina del Nord, secondo un coltivatore-spedizioniere. "È una differenza sostanziale rispetto all'anno scorso in questo periodo. Se si passa dalla superficie del 2020 a quella del 2021, l'aumento è notevole".

Altre regioni di coltivazione delle patate dolci sono Mississippi, Arkansas, Louisiana e California. Il coltivatore-spedizioniere nota anche che le esportazioni africane di patate dolci sono forti quest'anno, il che influisce anche sulle opportunità di esportazione per la Carolina del Nord.

Per quanto riguarda la domanda? Si augura che sia più forte, anche se sembra simile a quella dell'anno scorso. "Si sta solo cercando di vendere le patate a un prezzo decente, ma la quotazione non è sufficiente", dice. 

L'esperto osserva che i prezzi erano più forti all'inizio della stagione per le patate dolci, ma poi, nel momento di massima richiesta, si sono ridotti. "La quotazione era già un po' più bassa dell'anno scorso e non è aumentata di molto", afferma. "E poi i costi di coltivazione sono aumentati - in alcuni casi sono raddoppiati e triplicati - e i costi di manodopera sono aumentati ancora in questa stagione".

A sua volta, l'esperto ritiene che i prezzi si manterranno o cederanno ancora di più da qui in avanti. "Soprattutto perché i coltivatori stanno piantando ora e devono fare spazio per il nuovo raccolto", afferma. 

Cosa significa questo per la stagione di semina 2022/23? "Stiamo riducendo le superfici e anche tutti i nostri coltivatori stanno riducendo le superfici nella speranza che il prezzo salga", dice. "Deve essere così, altrimenti molti andranno in bancarotta, venderanno o smetteranno di coltivare".


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto