Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Wim van de Ree, direttore generale della Nedato

I prezzi alti del grano causeranno una minore produzione di patate?

L'Ucraina è considerata il granaio d'Europa sebbene, al momento, il Paese non può esportare il suo grano e difficilmente gli agricoltori ucraini potranno seminare. Pertanto, si prevede che i coltivatori del resto d'Europa, attratti dai prezzi elevati, riserveranno parte della loro superficie di coltivazione al grano, a scapito di altre colture, come le patate. "Tuttavia, la superficie coltivata a patate non si è ridotta troppo", esordisce Wim van de Ree, direttore generale della cooperativa pataticola olandese Nedato.


WIm van de Ree, direttore generale della Nedato

"La guerra in Ucraina ha acutizzato una situazione che già un anno fa aveva portato a una diminuzione del 6% della superficie di coltivazione della patata olandese. Questo calo è iniziato nella primavera del 2021, quando i pataticoltori hanno reagito con fermezza a un margine di guadagno troppo basso per coprire l'aumento dei costi di produzione, oltre a dover anche affrontare ulteriori rischi, come un clima secco, caldo o umido. Infatti, a dicembre 2020 e gennaio 2021, i prezzi dei contratti delle patate da industria sono nuovamente scesi, una situazione che i coltivatori non sono stati più disposti ad accettare. La distribuzione del margine di profitto della catena si è pertanto alterata".

Dall'inizio della pandemi, sono aumentati non solo i prezzi del gasolio, ma anche quelli di macchinari, agrofarmaci e inibitori dei germogli, soprattutto a partire dal 2020, dopo che è stato bandito l'antigermogliante Clorprofam (CIPC). Di fronte al calo dei prezzi contrattuali, i coltivatori dell'Europa nordoccidentale hanno deciso di piantare meno patate. Nel 2021, la riduzione è stata del 6% di circa 27 milioni di tonnellate.

Nel nord della Francia, i coltivatori hanno optato per il grano invernale
"I prezzi sono nuovamente aumentati quando, ad agosto dello scorso anno, l'economia ha avuto una ripresa e la domanda è aumentata vertiginosamente in tutti i settori. Il mondo intero aveva bisogno di risorse per il trasporto e la fornitura di energia, ma le carenze su questi mercati hanno causato un aumento dei prezzi che, a sua volta, ha spinto al rialzo i prezzi di tutte le materie prime. A settembre/ottobre, i coltivatori potevano ancora scegliere di seminare il grano invernale invece di continuare con i lotti di patate ma molti coltivatori, soprattutto nel nord della Francia, in quel momento hanno visto maggiori benefici nel grano", continua Wim.

Le aziende produttrici di patatine fritte aumentano i prezzi a contratto
Pertanto, oltre al calo dell'anno scorso, nel 2022 la superficie coltivata a patate è sotto pressione. "I dirigenti delle aziende produttrici di patatine fritte hanno iniziato a preoccuparsi della disponibilità delle materie prime. Questa è una situazione nuova per loro perché, per anni, c'è sempre stata una fornitura eccessiva. Hanno deciso di aumentare i prezzi contrattuali per incoraggiare i coltivatori a piantare le patate. Quei 0,03-0,04 euro in più significano un aumento del 20-25%, qualcosa che si può definire senza precedenti”.

"Il piano ha funzionato abbastanza bene. A quei prezzi, molti coltivatori si sono resi disponibili, a malincuore, a seminare patate da mensa. Ma poi la Russia ha invaso l'Ucraina. Il prezzo del gasolio è salito a 2,60 euro/litro e i costi dei fertilizzanti sono saliti alle stelle. Quell'aumento iniziale dei prezzi dei contratti non andava bene nella nuova situazione. E i coltivatori hanno avuto ancora tempo per scegliere i cereali estivi o il mais invece delle patate, cosa che hanno fatto in molti", spiega Wim.

Passaggio alle patate fritte
Considerati i dati sulle patate da seme della Nedato e quelli raccolti da altre società, Wim pensa che la superficie olandese coltivata a patate nel 2022 potrebbe essere, nella migliore delle ipotesi, la stessa dell'anno scorso, o potrebbe anche ridursi ancora. "Ciò significa il 94%, o meno, dell'area del 2021. Ma le cose stanno cambiando. Nel nord del Paese, ad esempio, i coltivatori coltiveranno più patate da industria a scapito delle patate da fecola, come accade nel sud-ovest ma a scapito delle patate da seme. Anche le patate da esportazione stanno perdendo terreno a favore della produzione di patatine fritte. Questi ovviamente non sono numeri da capogiro, ma sembra che i coltivatori stiano destinando più superficie per le patate da industria".

La coltivazione del mais è più redditizia
Tuttavia, secondo Wim, "in Belgio, diverse aziende più piccole, che normalmente affittano i loro terreni ai coltivatori di patate, ora su quei lotti coltivano mais. Ciò è dovuto in parte alle modifiche alla normativa belga sui sussidi - il locatore, non il locatario, deve richiedere e quindi ricevere i sussidi - e in parte perché i raccolti di mais superano attualmente il reddito della proprietà locativa. Questo influisce su ciò che sta accadendo in alcune zone dei Paesi Bassi, dove è disponibile meno terra per i coltivatori di patate. Pertanto, gli agricoltori che scelgono di coltivare il mais in queste aree annulla il trend in crescita degli ettari di patate da industria nel nord e nel sud-ovest dei Paesi Bassi".

Necessaria ridistribuzione dei margini di profitto lungo la catena
Sembra quindi che, per la prossima stagione, la dinamica del mercato delle patate sarà ben bilanciata tra domanda e offerta. Non è prevista la sovrapproduzione che ha interessato gli anni precedenti. Questa è la base per un mercato sano ed è una buona posizione di partenza per i coltivatori. "È una buona notizia. Si spera che i margini possano ora essere ridistribuiti lungo la catena. Ma ciò significa che le aziende di trasformazione, così come il mercato al consumo, dovranno seguire questa linea. Sono fiducioso. Sta già accadendo. Nei negozi, i prezzi delle patatine pre-fritte stanno già aumentando. Sembra che tutti si siano resi conto che i coltivatori devono godersi la loro parte dei profitti".

Aggiornamento dei prezzi contrattuali
Secondo Wim, agosto e settembre saranno altri due mesi cruciali per il mercato pataticolo. "Gli agricoltori dell'Europa nord-occidentale devono decidere tra seminare grano invernale o mantenere la superficie per le patate. E quel momento sta per arrivare, subito dopo la raccolta del 2022. Gli acquirenti di patate dovranno definire i possibili prezzi contrattuali del 2023, cosa che di solito si fa a Natale. Se i prezzi del grano rimarranno buoni, molti coltivatori saranno tentati di seminare subito grano invernale e l'industria delle patatine potrebbe trovarsi in una situazione di reale carenza di materie prime. Potremmo aspettarci un ulteriore aggiornamento dei prezzi contrattuali a settembre".

I prezzi elevati dei generi alimentari potrebbero voler dire cattive notizie per tutti, ma questo dimostra che è tempo che la produzione alimentare torni in cima all'agenda. La produzione e il blocco del mercato in Russia e Ucraina stanno influenzando pesantemente la produzione e le forniture alimentari in tutto il mondo. Le persone devono nuovamente concentrare la loro attenzione sul supporto attivo degli operatori che soddisfano i loro bisogni primari. E questo inevitabilmente significa valorizzare il settore che nutre il mondo. "L'importanza della produzione alimentare è tornata in primo piano. Questo, almeno, è una nota positiva in questi tempi bui", conclude Wim.

Per maggiori informazioni:
Wim van de Ree
wvanderee@nedato.nl
Nedato
info@nedato.com
www.nedato.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto