Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Fred Eickhorst (Associazione dei coltivatori di asparagi e piccoli frutti) sulla stagione degli asparagi:

"Siamo impotenti davanti al crollo dei consumi, causato dalla guerra"

L'umore dei coltivatori tedeschi di asparagi è molto basso. A causa della guerra, non ci sono segnali di miglioramento nemmeno nella commercializzazione. A riferirlo è Fred Eickhorst, amministratore delegato e portavoce del consiglio di amministrazione della Vereinigung der Spargel- und Beerenanbauer e.V., l’Associazione dei coltivatori di asparagi e piccoli frutti.

"La produzione locale di asparagi non è al 100% della sua capacità perché i volumi esistenti difficilmente si venderanno. Quindi c'è ovviamente più offerta che domanda".


Fred Eickhorst. Foto: Eickhorst Farm

Livello basso dei prezzi
Eickhorst ha anche affermato che i prezzi sono scesi da 20 euro/kg a 10 euro/kg in tre settimane. "Di tanto in tanto arrivano anche segnali positivi, ad esempio dal settore della gastronomia. Tuttavia, va detto che la stagione in corso non va paragonata a quelle degli ultimi due anni, quando il settore Horeca era per lo più chiuso. Molte aziende riferiscono di non essere riuscite a raggiungere i livelli pre-pandemia. Finora non c’è stata una forte accelerazione del consumo di asparagi".

Focus sulle importazioni degli asparagi verdi
Nel caso degli asparagi verdi, si aggiunge anche il fatto che i rivenditori di generi alimentari commercializzano principalmente merci più economiche provenienti dall'estero. "La vendita al dettaglio si è nuovamente concentrata sulle merci importate, anche se bisogna ammettere che, ad esempio, le merci italiane sono di qualità soddisfacente. Semplicemente, con i nostri costi di produzione, non abbiamo scampo su quel mercato", dice Eickhorst. La Spagna, in particolare, è un concorrente molto forte nel settore degli asparagi verdi.

Domanda in calo per i prodotti olandesi
Secondo Eickhorst, la domanda di asparagi dai Paesi Bassi ha registrato un forte calo, perché anche i prezzi delle materie prime, provenienti dalla Spagna e da altri Paesi, sono inferiori a quelli dei prodotti olandesi. "I prodotti olandesi sono stati spesso concorrenziali ai prodotti tedeschi, soprattutto nel segmento premium. Non appena la qualità dei prodotti tedeschi si è abbassata, sono arrivati sul mercato i prodotti olandesi. Ma quest'anno questo non sta accadendo. L'umore tra gli olandesi è pessimo quanto quello dei nostri coltivatori di asparagi".

Concentrati sugli alimenti base
Anche se l'asparago bianco rimane nella fascia più alta, l'Associazione dei coltivatori di asparagi e piccoli frutti registra una crescita in particolare per gli asparagi verdi, insieme a un trend sempre più negativo. "Dopo quest'anno, molte aziende, soprattutto quelle piccole, probabilmente interromperanno del tutto la produzione, mentre le grandi aziende ridurranno la loro superficie di coltivazione. Il crollo dei consumi, a cui si è appena aggiunta la guerra in Ucraina, rappresenta una situazione estrema contro la quale siamo praticamente impotenti", osserva Eickhorst.

La situazione è uguale anche per le fragole. In generale, i consumatori in questo Paese sembrano concentrarsi sugli alimenti base, escludendo molti prodotti dei segmenti premium e ortofrutticoli.

Problemi con gli asparagi precoci
Ma Eickhorst ammette anche gli errori fatti dall'associazione: "Probabilmente abbiamo iniziato la stagione con prezzi troppo alti. Nonostante la produzione sia aumentata di 1 euro/kg, a causa dell'aumento salariale di oltre il 25%, gli asparagi sono attualmente più economici rispetto agli anni precedenti. Ma i consumatori si accorgono solo che gli asparagi sono diventati più costosi".

Secondo Eickhorst, l'associazione potrebbe anche aver sbagliato i calcoli nella raccolta precoce: "Il cambiamento climatico, tra le altre cose, ci ha costretto a fornire alcune varietà in anticipo. Abbiamo anche migliorato il sistema di coltivazione e abbiamo dovuto adattarlo di conseguenza. Abbiamo quindi commercializzato gli asparagi fino a tre settimane prima, motivo per cui siamo stati in grado di sostituire in gran parte anche la fornitura proveniente dalla Grecia. Tuttavia, non siamo riusciti a comunicare ai consumatori che gli asparagi sarebbero arrivati ​​​in anticipo sul mercato, motivo per cui i prezzi bassi non possono più essere adeguati".

Maggio, mese di cambiamenti
In questo momento, Eickhorst vede anche pochi impulsi positivi provenienti dal settore del retail alimentare perché la situazione cambi. "Ma, come che ho detto ultimamente, maggio porterà dei cambiamenti. Il tempo è stato bellissimo ultimamente, favorendo sia i raccolti di asparagi che di fragole. All'inizio di maggio, si è più disponibili all’acquisto. Si consumano ancora asparagi e fragole, anche se a un livello molto più basso. Inoltre, anche la siccità rimane un problema per tutte le aree".

Dopo un incontro tra il settore della vendita al dettaglio e l'associazione di asparagi e piccoli frutti, si prevede di ampliare l'etichettatura dei prodotti tedeschi. Eickhorst è convinto, ad esempio, dell'etichetta "Harvested in Germany", su cui si può vedere la mappa di contorno della Germania, insieme alla bandiera. "Non è detto che i retailer accettino, dal momento che il prezzo dipende dall'intercambiabilità dei prodotti, tra le altre cose".

Decisioni dei consumatori
Eickhorst pensa che queste sfide riguarderanno principalmente le piccole aziende agricole della Germania meridionale. "Il sud ha sempre beneficiato del fatto di avere buone vendite e buoni volumi all'inizio della stagione. È come con le fragole: le aziende della Germania meridionale sono in grado di ottenere buoni risultati, soprattutto all'inizio della stagione, prima che arrivino i nostri prodotti dal nord. Ma questa pianificazione quest'anno non ha funzionato, perché abbiamo iniziato la stagione con prezzi bassi. Quest'anno, anche i prezzi delle fragole olandesi in serra non sono stati invitanti. Alla fine, sono i consumatori a determinare quali merci si vendono e quali no", conclude Eickhorst.

Per maggiori informazioni:
Fred Eickhorst
Vereinigung der Spargel- und Beerenanbauer e.V.
Steinstraße 14
26209 Sandhatten - Germania
+49 4482 9082130
kontakt@spargelundbeerenanbauer.de 
www.spargelundbeerenanbauer.de


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto