Uno strumento digitale consente una gestione più accurata della resa

Un nuovo strumento digitale che raccoglie i dati sulla posizione, consente per la prima volta agli agricoltori di determinare facilmente il numero di frutti prodotti in un'area specifica di un frutteto, per quasi ogni albero.

Il PickLogger™, sviluppato dall'azienda agricola globale Agri Technovation, ha recentemente vinto l'Innovation Award al Biostimulants World Congress. Lo strumento viene montato sulle cesoie utilizzate dalle raccoglitrici e raccoglie i dati sulla posizione, mentre i lavoratori raccolgono manualmente i frutti dall'albero.

Le coordinate GPS, raccolte a ogni taglio, vengono inviate al cloud e integrate con i dati sul peso, per produrre mappe di avanzamento della raccolta. I dati accumulati aiutano gli agricoltori a prendere decisioni difficili, durante la stagione.

Alla fine della raccolta, le mappe delle rese sviluppate dai dati registrati dal dispositivo, vengono confrontate con altre informazioni agricole disponibili come, fra le altre, la classificazione e l'analisi chimica del suolo, i dati sulle foglie, sull'irrigazione e i sui parassiti, per consentire di poter prendere una decisione consapevole e formulare strategie correttive.

Secondo Erald Smith, portfolio manager della Agri Technovation, il PickLogger è il primo strumento per la raccolta della frutta che raggruppa dati molto accurati sulla posizione e li integra nelle mappe della resa.

Finora, i produttori potevano analizzare la resa di un frutteto solo in una prospettiva media assoluta, con i dati forniti dall’impianto di confezionamento e da altri sistemi di monitoraggio del raccolto, ottenendo, in altre parole, un valore di x ton/ha per il frutteto A e y ton/ha per il frutteto B.

Il PickLogger consente invece un’analisi delle rese dei frutteti a un livello molto più profondo di quanto fosse possibile prima. I suoi set di dati e termini di paragone sono disponibili attraverso l'innovativa piattaforma MyFarmWeb™ della Agri Technovation.

“Il più grande vantaggio o valore aggiunto è che questo dispositivo consente all'agricoltore, in collaborazione con il produttore, di concentrarsi sugli scostamenti di ciascuno dei frutteti e di sviluppare di conseguenza strategie di gestione correttiva. Il risultato finale è una maggiore resa del raccolto nel tempo", afferma Smith.

Il livello avanzato di misurazione dei dati sul campo raccolti da PickLogger, consente di sviluppare anche altre informazioni. Un tag di identificazione a radiofrequenza (RFID) che collega ogni raccolta del frutto a una cassa o un bins utilizzato nel processo di raccolta, consente al PickLogger di integrarsi con i sistemi di confezionamento.

Tracciabilità più accurata
L'utilizzo del PickLogger con tag RFID facilita l’elaborazione di statistiche e indicatori sull'efficienza dei dipendenti che possono essere utilizzate durante la stagione per una maggiore produttività dei dipendenti. Con un'applicazione completamente integrata, il dispositivo consente anche una tracciabilità più accurata per risalire dal frutto sullo scaffale del rivenditore fino quasi all’albero.

"Attualmente il dato sulla tracciabilità si ferma al livello del frutteto, ma il PickLogger può superare questo livello consentendo di collegare il frutto sullo scaffale all'albero che ha prodotto il frutto".

Smith aggiunge che quando si esaminano le rese ci sono alcune questioni generali che dominano gli sviluppi e le discussioni, che il PickLogger affronta:

  • puntare verso unità di gestione più uniformi, attraverso una riduzione della variazione delle rese dei frutteti nel tempo. In questo modo si aumenta la resa, si riducono i costi e si ottimizzano i profitti.
  • quantificazione dei parametri di qualità. Combinando le informazioni sui fattori di scarto, dal moderno impianto di confezionamento al frutteto, per generare preziose informazioni e consentire un miglioramento continuo.
  • c'è una maggiore attenzione sull'ottimizzazione dei valori nutrizionali e sul dare agli alberi solo ciò che è necessario per produrre il raccolto desiderato. Il rischio di una fertilizzazione eccessiva ha effetti gravemente dannosi sull'ambiente.
  • "più raccolto per goccia". Le mappe del PickLogger aiutano a identificare le aree dove sussistono problemi di irrigazione, per garantire un uso ottimale dell'acqua.
  • efficienza e ottimizzazione della manodopera – Considerato l'aumento dei costi della manodopera nella maggior parte dei Paesi, il PickLogger, combinato con la tecnologia RFID, consente una migliore gestione della manodopera.

PickLogger è utilizzato per agrumi, avocado, frutto della passione e altre referenze
Smith afferma che il nuovo dispositivo di raccolta è già stato introdotto in Sudafrica, California, Australia, Nuova Zelanda e Perù. Presto sarà lanciato anche in Spagna.

Attualmente viene utilizzato principalmente su agrumi, avocado, uva da tavola, mango e frutto della passione. Tuttavia, le capacità di raccolta del PickLogger includono altri frutti che vengono raccolti con cesoia, forbice o potatore.

Agri Technovation sta anche sperimentando verdure, come peperoni e cetrioli.

Dopo il lavoro svolto dal creatore del PickLogger, Albert Bijker, questa soluzione molto innovativa è stata lanciata sul mercato nel 2019, e le vendite sono cresciute di oltre il 400% nel 2021.

Per maggiori informazioni:
Agri Technovation
www.agritechnovation.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto