Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Nils Riel, della Fruchthandel Riel

Per gli asparagi, le importazioni dall'estero sono necessarie per soddisfare tutta la domanda europea

La stagione europea degli asparagi sta accelerando: ci sono già cospicue importazioni anche dalla regione spagnola di Granada, come ci dice Nils Riel, specialista di prodotto presso l'omonima azienda di commercio di frutta con sede a Kehl am Rhein, in Germania. "A causa dell'ondata di freddo nell'Europa meridionale, quest'anno la stagione spagnola sta iniziando un po' più lentamente ma, per il resto, è simile agli inizi degli anni passati".

Oltre ai primi lotti provenienti dalla Spagna, continuano ad essere commercializzati gli asparagi messicani aviotrasportati. Dall'11 marzo, devono essere pagati i dazi all'importazione, sottolinea Riel. "Le forniture messicane ora stanno finendo, come di consueto nella stagione, e prevediamo le ultime consegne fra circa 2-3 settimane. A seconda della tipologia dei clienti di ciascun acquirente, verranno commercializzati asparagi dall'estero o dall’Europa. In ogni caso, è più conveniente per noi fornirsi da entrambe le origini contemporaneamente, perché potremmo passare a un altro Paese, in caso di carenza di approvvigionamento in una nazione d’origine. Pertanto, attualmente le importazioni all'estero sono necessarie per soddisfare la richiesta europea, anche se non c'è ancora una carenza di prodotto".


Asparagi verdi spagnoli a marchio Espaceite, in mazzi da 500 grammi. I prodotti spagnoli vengono venduti a oltre 3,00 euro/mazzo, mentre i prodotti messicani a 2,50-2,70 euro/mazzo.

A causa della sua vicinanza agli Stati Uniti, una parte significativa del raccolto di asparagi messicani continua ad essere esportata nel Paese vicino, come Riel sa bene. "A causa delle difficoltà logistiche, quest'anno anche in Messico si è registrato un volume inferiore, quindi la quota esportabile verso il mercato europeo è stata inferiore rispetto agli altri anni". In linea con il difficile contesto, dice Riel, anche i costi di trasporto e aerei sono risultati significativamente più alti. "E' così da diversi anni. La pandemia ha inoltre eliminato una quota significativa della capacità di volo. Di conseguenza, anche i prezzi commerciali degli asparagi d'oltreoceano sono aumentati".

Contemporaneamente all'inizio della stagione spagnola, arrivano sul mercato tedesco anche i primi asparagi italiani, greci e, presto, ungheresi. Riel afferma: "Negli ultimi anni, abbiamo osservato più una complementarietà reciproca, piuttosto che una concorrenza. Ogni Paese di origine ha i suoi periodi in cui le sue merci vengono maggiormente vendute. Di norma, queste merci di origine diversa possono essere commercializzate senza problemi. Infatti, a parte che per una o due settimane durante la stagione europea degli asparagi, non si riscontrano grandi eccedenze, né per gli asparagi verdi né per quelli bianchi".

Dai mercati all'ingrosso ai retailer
È noto che la pandemia ha avuto un impatto sui comportamenti d’acquisto dei consumatori e, quindi, sulle strutture della vendita al dettaglio. "La conclusione è che abbiamo venduto più asparagi nella scorsa stagione, perché le persone cucinavano di più a casa. In generale, c'è stato un notevole spostamento dai mercati all'ingrosso al settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari", Riel ripercorre l'anno passato, dominato dalla pandemia. Secondo lui, gli asparagi sembrano essersi trasformati da prodotto premium a prodotto per le masse.

Scioperi nel sud della Spagna
Nonostante l'aumento dei costi logistici, Riel ha detto di aspettarsi una buona stagione degli asparagi, quest'anno. "Quello che potrebbe incidere sono gli scioperi attualmente in corso, non solo in Andalusia ma anche negli aeroporti, ad esempio a Francoforte. Quando gli scioperi vengono annunciati, si possono prendere i provvedimenti necessari. Ma ,nel caso di scioperi spontanei, questo non è sempre possibile".

Per maggiori informazioni:
Nils Riel
Riel Fruchthandel
Hauptstraße 95
D - 77694 Kehl
Tel.: 0049- 7851 / 9110
Fax: 0049- 7851 / 911200
Mail: info@rielfruchthandel.com 
www.rielfruchthandel.com   


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto