Jamiee Burns - JR’s Orchards

"Le condizioni di coltivazione quasi perfette hanno fatto aumentare i calibri di tutte le varietà di mele"

L'esportatore neozelandese di mele e pere, JR's Orchards, ha iniziato la sua stagione più promettente da due anni a questa parte, sostenuto da condizioni ideali pre-stagionali e dalla sua tenacia nel fornire mercati chiave, in un contesto di pandemia.

Il direttore operativo, Jamiee Burns, ha dichiarato che la JR's Orchards esporterà circa 255mila cartoni di mele durante il suo programma di 14 settimane, con un aumento del 25% rispetto alla stagione del 2020. Il suo marchio ECCO è noto a livello globale per la fornitura di mele e pere di qualità, mentre il suo marchio Capital è stato sviluppato per le mele, per consentire una differenziazione strategica sul mercato. Commercializzerà 10.000 cartoni di pere, la sua seconda linea, tra marzo e maggio.

JR's Orchards coltiva e commercializza quattro varietà di pere e sei di mele in Asia, Europa e Medio Oriente.

La stagione delle pere è iniziata il 28 febbraio e quella delle mele il 3 marzo, con le prime Royal Gala.

"Le condizioni di coltivazione quasi perfette hanno fatto aumentare di due i calibri di tutte le varietà di mele. Abbiamo avuto una primavera mite e un'estate calda. Le precipitazioni hanno aumentato i calibri e la qualità dei frutti. Dopo le ultime due stagioni secche, questo è stato un piacevole cambiamento", ha detto Jamiee.

Inoltre, continua Jamiee, la stima di JR era leggermente superiore a quella della NZ Apples and Pears, che prevedeva un aumento del 17% nella stagione 2020.

"Nel 2021, avevamo frutta ma solo 17 lavoratori (su 70 necessari) per raccoglierla. Abbiamo esportato 175mila cartoni di mele e il settore ha registrato un calo del 25%. Quest'anno, siamo tornati a pieno regime con i nostri dipendenti stagionali riconosciuti (RSE), abbiamo ampliato i nostri mercati e non vediamo l'ora di avere una stagione eccellente".

Il 35% della frutta è stato esportato in Europa, il 30% nel Regno Unito, il 25% in Asia. Il resto è andato in Medio Oriente e in India, un mercato in via di sviluppo che ora è tornato a crescere, dopo il lockdown.

Tuttavia, mentre la pianificazione anticipata aveva consentito alla JR's Orchards di sviluppare i suoi mercati, nonostante due anni di interruzione globale, il conflitto russo-ucraino rappresenta ora una nuova e difficile sfida, secondo Jamiee.

"Con la Russia chiusa al commercio, la frutta e verdura di tutto il mondo sbarcheranno a Rotterdam. Ciò causerà pesanti interruzioni alle linee di fornitura e ridurrà i prezzi. La nostra frutta è attualmente in viaggio e dovrebbe sbarcare nelle prossime settimane. Lavoreremo per espandere la nostra base di clienti in Asia e, fino a quando la situazione non migliorerà, ci concentreremo su Vietnam, Thailandia e Malesia".

Nel 2023, la JR's Orchards raccoglierà la sua prima mela Lady in Red, una cultivar Cripps Pink molto colorata (commercializzata come mela Pink Lady®). La pandemia ha anche costretto l'azienda a valutare nuove tecnologie di confezionamento, come i sistemi robotici.

La JR's Orchards è un’azienda di produzione, confezionamento ed esportazione a conduzione familiare, integrata verticalmente, di base vicino a Wellington, in Nuova Zelanda. Ha 90 ettari di mele e otto ettari di pere ed esporta varietà premium in Europa, Asia e Medio Oriente, da marzo a maggio.

Per maggiori informazioni
Jamiee Burns
JR’s Orchards
+64 2 7415 4556
jrs@jrs.co.nz


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto