Coltivare gustosi pomodori antichi con le nuove tecnologie

La Rioja è famosa per essere la terra di alcuni dei migliori vini al mondo. Ma, accanto ai vigneti, ci sono anche altre coltivazioni, come i pomodori tradizionali, dove si utilizzano tecniche moderne come la coltura idroponica, in serre ad alta tecnologia.

I fratelli Marcos e Álvaro Pérez hanno studiato ingegneria agraria, ma invece di seguire la tradizione familiare di coltivare uva, hanno deciso di provare qualcosa di completamente diverso: "Volevamo metterci in gioco in qualcosa in cui poter applicare le nostre conoscenze e apprendere contemporaneamente altre tecniche".

Così, nel 2014, hanno creato la società Riojaselecto, con sede appena fuori Zarratón, negli altopiani della Rioja (Spagna), a 600 metri sul livello del mare. "Qui il clima è rigido, con inverni freddi, temperature fino a -10 °C, estati calde con giornate di 35-40 °C e venti forti – condizioni climatiche prevedibili, considerato che siamo situati su un altopiano", spiega Marcos.

Era necessario quindi progettare un impianto in grado di produrre in condizioni così estreme: doppia copertura in plastica, impianto di riscaldamento, nebulizzazione estiva, e altro ancora.

L'idea è stata chiara fin dall’inizio: il mercato era pieno di pomodori insipidi, quindi c'era un’evidente richiesta di prodotti gustosi e di alta qualità. "In Spagna, molte varietà locali vengono coltivate in estate in pieno campo, mentre quelle commerciali soprattutto in serra, perché ci sono elementi più importanti da considerare, come la durata di conservazione".

La Riojaselecto ha preso una di quelle gustose varietà e ha iniziato a coltivarla su substrato di perlite. "Siamo riusciti ad ottenere frutti altrettanto gustosi, prima e dopo la stagione in pieno campo".

Livelli di luce
Questa scelta significa produrre in primavera e in autunno, poiché non è interessante farlo in estate poiché ci sono molti pomodori coltivati in pieno campo e i prezzi sono più bassi, ma neanche in inverno, perché la luce è inferiore alle 20 moli/mq al giorno. Così è ad Almería, dove infatti è possibile produrre in inverno, senza luce artificiale. Tuttavia, non è così nel nord della Spagna, dove per almeno 3 mesi si hanno livelli di radiazioni inferiori alle 20 moli. Se li confrontiamo con quelli dei Paesi Bassi ad esempio, ovviamente il periodo con livelli di luce più bassi, è ancora più lungo.

Confronto fra i livelli di luce nei Paesi Bassi, nella Spagna settentrionale e ad Almería

Luce insufficiente
Non avere abbastanza luce per produrre pomodori invernali non significa che non sia possibile coltivarli. La Riojaselecto inizia la semina il 15 dicembre per poi raccogliere all'inizio di marzo. La produzione primaverile prosegue fino all'inizio di luglio, e il 15 luglio la serra viene ripiantata.

I pomodori autunnali vengono raccolti dall'inizio di settembre fino all'inizio di dicembre, quando la serra viene svuotata e disinfettata per la nuova stagione. "In questo modo possiamo offrire un prodotto di alta qualità fuori stagione, e con una produzione notevole di 30 kg/mq per una varietà antica" spiega Marcos, soprattutto considerando che non c'è produzione durante i mesi estivi.

Crisi energetica
Dall'inizio della stagione, la Riojaselecto deve fare i conti con le basse temperature, quindi si è dotata di uno schermo termico, una doppia copertura in plastica ("è vero che perdiamo un po' di luce, ma l'effetto isolante è ottimo) e una grande caldaia a biomassa. Il principale vantaggio di questa caldaia è la flessibilità: è possibile bruciare diversi tipi di prodotti, come bucce di mandorle, pellet di legno, pellet provenienti dall'industria olivicola, e così via. "Questo non significa che la crisi energetica non ci tocca ma, al momento, la situazione con questi prodotti non è così grave, come invece con il gas in Nord Europa".

Varietà di pomodoro tradizionale legata con il Tomsystem

Tuta absoluta
La coltivazione viene effettuata seguendo le più moderne tecniche di lotta integrata, come l'impollinazione dei bombi, e rilasciando antagonisti naturali come il Nesidiocoris Tenuis.

Il parassita più problematico è la Tuta absoluta, la tignola del pomodoro. "L'anno scorso, ne abbiamo avuto un'alta concentrazione sin dall'inizio del raccolto, ed è stato difficile tenerla sotto controllo. Abbiamo provato di tutto, ma poi abbiamo deciso di interrompere il raccolto un po' prima per ripulire la serra e iniziare la nuova stagione senza parassiti". Per questo, la Riojaselecto utilizza trappole d'acqua, trappole di plastica, confusione sessuale con feromoni e un nuovo sistema progettato da un'azienda di Almería che attira e cattura le falene della Tuta absoluta.

Trappole a feromoni per attirare e catturare le falene della Tuta absoluta

La macchina ha delle luci a led molto particolari che si accendono solo di notte, per evitare di attirare i bombi, in modo da richiamare le falene della Tuta absoluta e aspirarle in un collettore.

Macchina Biocaptur per attirare e aspirare le falene della Tuta absoluta

Manodopera
Nella serra, 17.000 piante di pomodori devono essere legate, potate e ridotte ogni settimana, oltre all’attività di raccolta e selezione, quindi l'operazione necessita di molta manodopera. Inizialmente, la legatura veniva fatta con delle clip in plastica mentre ora, grazie al Tomsystem, è più facile e veloce. "Prima avevamo bisogno di 4 persone per due giorni per tagliare tutte le piante, ora possiamo farlo con sole 2 persone", spiega Marcos.

Video che mostra come viene utilizzato il Tomsystem nella serra della Riojaselecto

La varietà antica di pomodori della Riojaselecto è disponibile nei mercati della Spagna settentrionale, di Madrid e di Barcellona in primavera e autunno, per la gioia degli amanti di questi gustosi pomodori.

Per maggiori informazioni:
Riojaselecto
www.riojaselecto.com

The Tomsytem 
thetomsystem.com 
alberto.lizarraga@agrifast.es 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto