Importazioni di frutta stagnanti, meno riesportazioni nel Regno Unito

Crescita delle vendite per gli esportatori olandesi sui mercati italiano e irlandese

In Europa, i Paesi Bassi hanno guidato il commercio di frutta e verdura fresca nel 2021, nonostante gli elevati costi di trasporto e la carenza di container per il trasporto marittimo. Poi c'è stata la Brexit e i lockdown. Le vendite di frutta e verdura fresca all'estero sono salite a 13,1 miliardi di euro (+1%). Il valore delle esportazioni di frutta è stato elevato come nel 2020. Quello della verdura è aumentato del 2%. Una percentuale leggermente inferiore (-1%) di questi prodotti è stata venduta oltre i confini olandesi. Lo si legge nel rapporto 2021 del Fresh Produce Center.

La maggior parte di tutta l'ortofrutta commercializzata dai Paesi Bassi è stata destinata a nazioni vicine. Il 95% è rimasto in Europa. I coltivatori e le società commerciali olandesi sono partner europei per la vendita al dettaglio e i servizi di ristorazione. Forniscono una gamma completa di frutta e verdura. La Germania (4,9 miliardi di euro) è il mercato di vendita più importante. Seguono il Belgio (1,2 miliardi di euro) e il Regno Unito (1,1 miliardi di euro). Le vendite di frutta e verdura fresca ai clienti belgi sono cresciute del 7%, mentre le esportazioni nel Regno Unito sono diminuite del 12% rispetto al 2020.

9,2 miliardi di euro di importazioni da 120 Paesi. 3,8 miliardi di euro di produzione. 13,1 miliardi di euro di esportazioni in 145 Paesi.

Meno riesportazioni nel Regno Unito
L'anno scorso, i prodotti coltivati nei Paesi Bassi hanno mantenuto il loro forte ruolo commerciale nel Regno Unito. Ma gli olandesi hanno perso terreno come partner commerciali nelle riesportazioni. Rispetto all'anno precedente, il fatturato dei primi cinque prodotti venduti nel Regno Unito è rimasto abbastanza stabile. Si tratta di pomodori, peperoni, cetrioli, fragole e cipolle di origine olandese. Il calo degli scambi verso il mercato inglese riguarda principalmente i prodotti che vengono importati nei Paesi Bassi e poi riesportati nel Regno Unito.

Ciò ha significato che sono arrivate nelle isole britanniche quantità inferiori di avocado, mango, mirtilli, agrumi e banane. Non ci sono dazi sull’importazione nel commercio reciproco Regno Unito/Ue. Questo, tuttavia, non si applica ai prodotti provenienti da Paesi terzi. Il risultato di questi dazi all'importazione è che le società britanniche, ad esempio, acquistano meno frutta tropicale dall'America centrale attraverso i Paesi Bassi, ma lo fanno invece commercializzando direttamente con queste nazioni.A sinistra: forte crescita delle importazioni da Perù, Brasile e Colombia. A destra: la crescita delle esportazioni olandesi.

Aumento delle vendite
Le vendite in Italia e Irlanda sono cresciute maggiormente rispetto al 2020, rispettivamente del 13 e del 16%. Questo aumento riguarda soprattutto la frutta importata e rivenduta e i prodotti coltivati nei Paesi Bassi. Avocado e mango sono in parte responsabili dell'aumento delle vendite in entrambi i Paesi. Ma all'Italia è stato destinato anche un numero maggiore di pomodori. E l'Irlanda ha importato più cipolle e banane. In aumento, inoltre, le vendite di frutta e verdura sul mercato olandese. Nel 2021, il consumo di ortofrutta fresca olandese è aumentato del 3%.

Le prime 10 vendite di frutta e verdura fresca olandese all'estero, in milioni di euro. Dall'alto verso il basso: Germania. Belgio, Regno Unito, Francia, Polonia, Svezia, Spagna, Danimarca, Italia, Norvegia. Fonte: Fresh Produce Center/Eurostat/Fruit & Vegetable Facts; R = Stima.

Le vendite di frutta e verdura dei Paesi Bassi verso nazioni lontane sono state generalmente difficili, a causa degli alti costi logistici. Le tariffe del trasporto aereo sono arrivate alle stelle e ci sono stati meno voli di linea, che spesso trasportano peperoni quadrati nella loro stiva. Nel 2021, le esportazioni di peperoni quadrati olandesi negli Stati Uniti (USA) si sono praticamente fermate, raggiungendo solo 1.000 tonnellate, se paragonate al 2019, prima della pandemia, quando i Paesi Bassi vendevano negli Stati Uniti oltre 16.000 ton.

Le cipolle olandesi, tuttavia, rimangono popolari in tutto il mondo. Le vendite sono cresciute in Paesi come Costa d'Avorio, Regno Unito, Gambia e Nicaragua.

Situazione stagnante per le importazioni di frutta
Nel 2021, le società commerciali olandesi hanno importato frutta e verdura fresca per un valore di 9,2 miliardi di euro (+3%). Le importazioni di frutta crescono più di quelle di ortaggi. Ma questa tendenza non è proseguita nel 2021. Le importazioni di ortaggi sono aumentate del 9%, quelle frutticole solo dell1%.

Tuttavia, le importazioni di frutta fresca rappresentano più di tre quarti delle importazioni totali. I primi cinque prodotti d’importazione sono avocado, banane, uva da tavola, mirtilli e arance. Le verdure importate che sono aumentate sono pomodori, peperoni quadrati, cipolle e patate dolci. Per la frutta, gli aumenti riguardano uva da tavola, mele e mirtilli.

Il Perù guadagna terreno
Spagna, Perù e Sudafrica sono i primi tre Paesi di origine di frutta e verdura fresca. In particolare le importazioni dal Perù continuano a crescere notevolmente. Tra il 2016 e il 2021 sono più che raddoppiate, raggiungendo 1,1 miliardi di euro. I principali prodotti del Perù sono avocado, mirtilli e mango. Brasile (+19%) e Colombia (+32%) sono i Paesi che più sono cresciuti nelle importazioni di frutta olandese.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto