Il sistema di tracciabilità si adatta perfettamente al mercato biologico

Bio Freshi è un'azienda olandese che rifornisce sia il mercato del fresco sia quello industriale. Tre anni fa, dietro richiesta dei suoi coltivatori e acquirenti, ha ampliato il portafoglio con le cosiddette "verdure verdi".

"Stanno crescendo meravigliosamente. Coltivare per l'industria è un'attività completamente diversa", afferma Gerrit Jan Roza. "I volumi sono decisamente superiori, così come il valore. Il mercato del fresco è stabile. Quindi, abbiamo osato ampliare ulteriormente questo ramo della nostra azienda. Inoltre, questi obiettivi di coltivazione si integrano perfettamente".

Valore
Nel 2017, l'azienda ha iniziato il processo di creazione di una filiera biologica per queste verdure. La prima raccolta commerciale si è avuta nel 2018. Gerrit Jan è da anni impegnato nel settore del biologico e col tempo, ha sviluppato una vasta rete di coltivatori e altri operatori del settore. "Abbiamo iniziato con le verdure industriali, basandoci sulla nostra esperienza e sui contatti acquisiti". La Bio Freshi fornisce il canale di vendita al dettaglio insieme alla Jansen-Dongen.

Da questa collaborazione sono partite le prime consegne. Non per sbarazzarsi dei lotti, ma per ottenere il valore per determinati calibri, qualità o altre variabili. Questa gamma di verdure industriali ora include spinaci, piselli, fagioli e carote, ma anche sedano rapa, cavolfiore, porri, cipolle e barbabietole. In questa stagione saranno aggiunte diverse varietà di fagioli e cavoli.

"La crescita del mercato biologico è di circa il cinque per cento l'anno, a seconda del prodotto. La nostra è molto più alta. Ogni stagione, nuovi coltivatori e clienti si uniscono a noi", afferma Gerrit Jan.

Nel 2020, questa crescita sembrava essersi stabilizzata, grazie alle sufficienti forniture europee e alle buone rese del 2019. Tuttavia, la crescita è continuata, anche a causa della crisi pandemica.

"Quest'anno abbiamo seminato il 40% in più. Abbiamo persino avuto bisogno di maggiori superfici per alcuni gruppi di prodotti. Inoltre, alcuni coltivatori hanno adottato un atteggiamento flessibile, cercando delle opportunità nei loro piani di espansione".

Autonomia gestionale
Negli ultimi anni, la Bio Freshi ha attirato agricoltori da tutti i Paesi Bassi, sia quelli che hanno convertito le colture sia coloro che erano già operativi nel settore. La provincia olandese di Groningen ha lanciato un'iniziativa per sviluppare l'agricoltura bio in questa regione. La Bio Freshi ha firmato l'accordo nel 2018. Pertanto, ha contattato i coltivatori del nord del Paese. "Nell'Olanda settentrionale, i coltivatori che in precedenza non coltivavano nulla per questo settore, hanno iniziato a lavorare con noi".

"Ci incontriamo due volte l'anno. In primavera ci vediamo sul campo, e in inverno per discutere della coltivazione", continua Roza.

Martin de Vries è il supervisore alle colture e alla raccolta della Bio Freshi. Vede i coltivatori molto più di frequente. "In autunno discutiamo di come sono andate le varie colture. Raccogliamo le richieste dei clienti per la prossima stagione, elaboriamo un piano di semina e consegniamo le sementi. Una volta effettuata la semina, ci vuole un po' di pazienza per vedere se le piante germinano o se dobbiamo riseminare da qualche parte, o fare qualcos'altro".

"Durante questo periodo, visitiamo il campo circa una volta ogni tre settimane. Quando è quasi il momento della raccolta, andiamo più spesso per verificare i valori dei diversi indicatori per coltura, e per decidere quando raccogliere", spiega Martin.

La raccolta viene effettuata per regione. La Bio Freshi gestisce autonomamente le macchine. "Siamo completamente indipendenti e possiamo raccogliere esattamente quando vogliamo", aggiunge Gerrit Jan. "In questa stagione lavoreremo con una macchina per la raccolta dei fagioli, in stretta collaborazione con Kees van Dun della Rutto", un'agenzia olandese di fornitura di servizi agricoli.

Visione
L'azienda rifornisce il mercato del fresco da un sito produttivo e gli ortaggi industriali da un altro. E' fortemente orientata al mercato del Nord Europa.

Gerrit Jan prevede delle opportunità di espansione ancora maggiori. "C'è un chiaro aumento della domanda di prodotti biodinamici, soprattutto dalla Germania, dove queste referenze a marchio di qualità Demeter si vendono meglio nel settore retail". Cita i legumi come esempio di potenziale di crescita. "I legumi sono ricchi di proteine e c'è un forte interesse in questo tipo di prodotto".

"Possiamo dare a questo flusso di prodotti una nuova valenza. Bisogna considerare diversi clienti e mercati". La Bio Freshi continuerà a puntare su una filiera trasparente. "Il nostro obiettivo è sempre stato consentire al coltivatore di avere un'idea chiara della sua area di vendita e ai clienti di sapere da dove provengono i prodotti, fino al lotto di coltivazione. Siamo il collegamento tra coltivatori e acquirenti. Non ci sono altri partner commerciali. La tracciabilità è un must in questo settore. Questo metodo, quindi, si adatta particolarmente bene al mercato biologico", conclude Gerrit Jan.

Bio Freshi
Gerrit-Jan Roza
4814 RN Breda
06 51617021
gerritjan@biofreshi.com 
www.biofreshi.com 


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto