La speculazione ha causato il calo dei prezzi delle verdure spagnole

In Spagna, il settore ortofrutticolo ha attraversato momenti molto difficili nelle ultime settimane: soprattutto i produttori, che stanno ottenendo prezzi bassi, ben al di sotto dei livelli di redditività. La scorsa settimana, ad Almería, parte della produzione di ortaggi in serra, compresi cetrioli, melanzane, peperoni o pomodori, è stata distrutta. La situazione ha iniziato a colpire anche le verdure a foglia come lattuga e spinaci, così come broccoli e cavolfiori, prodotti principalmente nella regione di Murcia e a sud di Alicante, le maggiori aree di fornitura europea nei mesi autunnali e invernali.

Sebbene non vi sia sovrapproduzione, le temperature insolitamente calde di questo autunno hanno anticipato la raccolta di 10-15 giorni, con qualche occasionale sovrapposizione con le produzioni dell'Europa settentrionale e centrale. Inoltre, la domanda ha risentito della seconda ondata della pandemia e della chiusura del settore della ristorazione, che lavora a circa il 10% della sua capacità abituale.

Tuttavia, il fatto che si paghino fino a 0,08 euro per un cespo di lattuga, 0,20 euro per un chilo di zucchine, o 0,15 euro per i broccoli è direttamente correlato alla speculazione effettuata da alcune agenzie intermediarie con un grande potere d'acquisto, che lavorano per la grande distribuzione in Europa, in Paesi come la Germania.

La denuncia arriva da Fernando P. Gómez, direttore generale dell'Associazione dei produttori ed esportatori di frutta e verdura della regione di Murcia, Proexport. "I prezzi stanno scendendo a livelli che non vedevamo da decenni. Molti produttori hanno smesso di raccogliere per non perdere ancora più soldi. Sebbene si possa dire che prodotti come pomodori o cetrioli stanno affrontando in Europa la pressione di una fornitura sempre maggiore proveniente da Paesi terzi come il Marocco, questa concorrenza non esiste nel caso di verdure a foglia, broccoli o cavolfiori".

"Quello che sta succedendo è che gli intermediari che lavorano per la grande distribuzione stanno approfittando di questa situazione per speculare e fare pressione sui produttori. Abbiamo visto fatture di acquisto che, se rese pubbliche, farebbero vergognare alcune catene di supermercati, poiché cozzano apertamente con quello che dovrebbe essere un comportamento etico, di cui spesso si vantano tanto. Ci sono agenzie che hanno abbandonato ogni etica. Questi prezzi di acquisto sono così bassi da influenzare negativamente la reputazione dei fornitori, nonché la loro credibilità e immagine, sapendo che stanno speculando sulla disperazione dei coltivatori. Abbiamo osservato che, nei supermercati per i quali lavorano queste agenzie, i prezzi al dettaglio rimangono gli stessi, quindi l'unico risultato è stato un notevole aumento dei margini di profitto per i distributori, a scapito dei produttori", afferma Fernando P. Gomez.

Il rappresentante di questa associazione ricorda che il settore ha dovuto fare i conti con i maggiori costi derivanti dallo pandemia, per evitare possibili infezioni. "Sebbene la perdita del canale della ristorazione si sia tradotta in maggiori profitti, con record di vendite per la grande distribuzione, va ricordato che i produttori e gli esportatori di ortaggi hanno contribuito notevolmente a far sì che la fornitura non si interrompesse, grazie al loro maggiore impegno. In tempi così difficili, il produttore, anello fondamentale della filiera, non può essere abbandonato così".

"Chiediamo solo che sia rispettata un’etica commerciale, perché si mantengano dei prezzi equi. Ci sono alcune catene e discount che stanno operando bene, pagando prezzi adeguati affinché i produttori possano sopravvivere. Non dovremmo essere trattati come produttori di Paesi terzi. Noi siamo europei e produciamo con i più severi standard di qualità, sicurezza alimentare e sostenibilità, quindi se queste politiche di acquisto continueranno, questo modo di produrre scomparirà", afferma il direttore generale di Proexport.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto