Avvisi



















Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Una soluzione per rimuovere la polvere durante la selezione delle patate

In passato, durante la selezione delle patate ci si sporcava le mani. Oggi, durante questo processo, una nuvola di polvere sottile aleggia nell'aria come una nebbia grigia, rilasciata in grandi quantità durante la selezione automatica.

L'azienda olandese di coltivazione di patate, De Lugt, è stata recentemente sul mercato in cerca di una nuova linea di selezione. Hanno chiesto alla Jongejans di progettare una soluzione antipolvere, che ponesse fine a questo fenomeno.


Matthijs e Bart de Lugt

L'anno scorso, la De Lugt ha deciso di investire in un'ulteriore meccanizzazione. Questa decisione è stata presa a causa della carenza di manodopera. La De Lugt è una vera impresa familiare e risale a quasi 100 anni fa. Nel 1928, il bisnonno Cor de Lugt arrivò dall'Aia sull'isola olandese di Texel.

Inizialmente agricoltore, diventò un uomo d'affari intelligente e qualificato. “Costruì un grande magazzino che poteva contenere notevoli quantità di patate. Vantava la prima pesa a ponte dell'isola e il primo serbatoio di olio combustibile. Automatizzò diverse attività", secondo i cugini di quarta generazione, Matthijs e Bart.

L'azienda è specializzata, tra le altre cose, nella coltivazione di tuberi da seme. In questo segmento, ottenere delle rese dai calibri giusti e una coltivazione senza malattie, sono aspetti fondamentali.

All'inizio sviluppavano internamente delle macchine per lo smistamento. Nel 1983, la terza generazione della De Lugts passò a un metodo di selezione meccanico, allora innovativo. La macchina vibrava facendo cadere le patate attraverso delle aperture corrispondenti ai calibri corretti. Le patate però rilasciavano molta polvere sottile, durante la fase di calibratura. Dopo 34 anni, lo staff della De Lugt si era ormai abituato a questo fenomeno. Ma oggi usano una selezionatrice ottica, e la nuvola di nebbia grigia è solo un ricordo del passato.


Tramogge di ricezione incapsulate per evitare lo spargimento di polveri nell'aria

La vecchia generazione dei De Lugt era un po 'scettica su questo ultimo investimento. “Il sistema di selezione meccanico funzionava ancora bene. Mio padre non riteneva necessario innovare, ma ora è molto entusiasta. Ha cambiato completamente idea", dice Matthijs. Le patate non vengono più scosse.

Tuttavia, rimane ancora un po' di polvere fine mentre le patate si muovono lungo la linea di selezione. Questo causa alcuni problemi nella sezione ottica della macchina. Ecco perché è stata interpellata la Jongejans. Hanno dovuto prendersi cura della polvere e dello sporco che si accumulano durante i vari passaggi del processo di selezione, oltre a garantire una qualità dell'aria ottimale nel magazzino.

Processo di selezione senza polvere
Una volta raccolti, i tuberi vengono lasciati asciugare, poi imballati e conservati nelle celle frigo. Quando è necessaria un'ulteriore lavorazione, i bins vengono scaricati in una tramoggia e inviati, tramite un nastro trasportatore, a un cosiddetto nastro a spazzole. Questo rimuove lo sporco grossolano, la paglia e le zolle. Le patate vengono quindi trasferite alla selezionatrice ottica.

Jongejans ha incassato queste tramogge e il nastro a spazzole, al fine di schermare le fonti di polvere, e prevenire l'inquinamento dell'aria. Prima che le patate raggiungano la selezionatrice ottica, si utilizza una tecnica chiamata Windshifting. Questo metodo combina l'espulsione delle particelle più sottili al ricircolo dell'aria, dando come risultato un flusso di lavorazione prodotto estremamente pulito.

Nella selezionatrice ottica è fondamentale che l'aria sia priva di particelle di polvere. La macchina può quindi selezionare correttamente le patate. Una buona rimozione dello sporco è, quindi, fondamentale. Dopo che le patate sono passate dalle telecamere, un flusso d'aria le spinge verso l'uscita corretta. La polvere fine rilasciata in questo processo viene rimossa tramite un apposito sistema. Viene quindi restituita all'ambiente come aria pulita.

Questo garantisce sia un ambiente di lavoro piacevole che uno spazio senza polvere. I cugini considerano questo un miglioramento significativo. “La selezione meccanica è stata sempre molto rumorosa, con quella nuvola grigia sempre presente. Adesso è silenziosa e noi abbiamo aria fresca, nello stabilimento".

Silos di raccolta delle polveri

Polvere fine ridotta del 95%
La Jongejans ha fornito alla De Lugt un sistema di rimozione polveri completo per la sua linea di selezione ottica delle patate. Non solo una soluzione di rimozione centrale: il sistema vanta infatti anche schermi antipolvere, un filtro per il particolato, e utilizza la tecnologia Windshifting. Un'unità PGF filtra tutta l'aria in circolo. Questa unità è composta da filtri e da una ventola molto silenziosa e altamente efficiente. I filtri si puliscono automaticamente ad aria compressa.

L'aria pulita e filtrata viene immessa nuovamente nell'ambiente. Questo significa che il calore viene trattenuto. Questo tipo di aspirazione garantisce una riduzione del 95% delle polveri sottili e consente il funzionamento ottimale della selezionatrice. Se la polvere non venisse rimossa, ostacolerebbe l'acquisizione di buone immagini relative ai difetti delle patate. E quindi, sarebbe impossibile selezionarle otticamente.

Maggiori informazioni:
Jesse Vonk
Tel: +31 (0)223 660 666
J.vonk@jongejans-luchttechniek.nl  
www.jongejansluchttechniek.nl   

Matthijs de Lugt
Cv@delugt.com


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto