Avvisi

La clessidra



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Angurie a 9 centesimi al chilogrammo, quando l'offerta supera la ragione

Al centro nord vi è una catena di supermercati che ha iniziato un'offerta a dir poco "civetta". Si tratta di angurie vendute a 9 centesimi al kg, una cifra che lascia pochi margini di guadagno.

La foto è stata scattata il 27 luglio 2020 in un supermercato del centro-nord Italia

Volendo fare una media generale, i costi di produzione sono attorno a 15 centesimi al kg. Già con liquidazioni a 20 centesimi gli agricoltori faticano a far quadrare i conti. Con 9 centesimi, tutti lavorano in rimessa, ovviamente.

Ma l'aspetto più grave è far pensare al consumatore che 9 centesimi sia un prezzo ragionevole. Perché anche la Gdo è in rimessa con una cifra del genere, ma ha il vantaggio di attirare a sè frotte di clienti che, almeno per uno o due giorni, faranno la spesa nei punti vendita con tale offerta. Si tratta di una fascia di consumatori che possono essere definiti "i transumanti della spesa" o anche "i cacciatori di offerte" o gli "appassionati del volantino". 

In fin dei conti, chi fa la spesa spende poco e si accaparra 2 o 3 angurie da 12 kg l'una spendendo due o tre euro; il supermercato lavora in rimessa sull'articolo ma porta gente nel punto vendita. L'anello più debole della filiera, l'agricoltore, è quello che ne paga le spese: se anche gli fosse pagata 15 cent/kg, quell'anguria gli resta indigesta, perché passa al consumatore passa il messaggio che il prodotto non vale nulla. 


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto