La domanda di prodotti egiziani e' piu' elevata che mai

L'Egitto potrebbe emergere dopo che la pandemia sarà diventata un lontano ricordo. Secondo un esportatore egiziano, la domanda di tutti i tipi di prodotti locali è ai massimi storici, il che fa ben sperare per la crescita della sua attività.

Gli egiziani si stanno divertendo molto in termini di affari, secondo Amr Kadah, Ceo della Fruit Kingdom. "In Egitto ci sono molti prodotti di stagione, come uva, melagrane, mango, patate dolci, carote, cipolle, aglio, ma anche fragole congelate. Dal rapporto del nostro ministero dell'agricoltura e dalle previsioni per il prossimo periodo, è evidente che abbiamo ottenuto un significativo incremento delle esportazioni ortofrutticole a livello nazionale. Si prevede una crescita ancora maggiore nel programma surgelati. Questo riflette lo stesso sentimento che provo per la mia azienda", spiega Kadah.

"Nonostante i tempi difficili della pandemia, non abbiamo mai fatto meglio di quest'anno. E non intendiamo fermarci qui. Lavoriamo sui nuovi prodotti, sul packaging, sugli standard di qualità e soprattutto sulla gente. I miei collaboratori sono la chiave del successo e, insieme a me, tutti, dai lavoratori agricoli ai dirigenti, stanno lavorando sodo per coltivare un prodotto di alta qualità e trovare nuovi clienti".

Ora che il business è in piena espansione, Kadah sente di doverne trarre il massimo vantaggio, creando un marchio solido intorno ai suoi prodotti. "Il nostro obiettivo più importante è quello di creare un brand per tutti i nostri prodotti e posizionarci in mercati mirati, oltre a presentarci nei nuovi. A causa della pandemia, i modi attuali e convenzionali per raggiungere questi obiettivi risultano obsoleti. Fruit Kingdom si è quindi adattata al nuovo modo di fare business e anch'io non vedo l'ora di imparare cose nuove".

Le spedizioni per via marittima e aerea sono state difficili in questi ultimi mesi, per diversi mercati. Kadah non ha avuto troppi problemi, a parte quelli di sempre, ovvero di molto prima della pandemia. L'importanza di un trasporto senza intoppi è diventata evidente per il Ceo in questo periodo.

"Ci sarà sempre un problema con la logistica. Almeno è quello che pensavo prima che arrivasse il coronavirus. Ho utilizzato il trasporto su strada, marittimo e aereo. Alcuni Paesi stanno ancora chiudendo le frontiere. Questo naturalmente ostacola il trasporto su strada e il trasporto aereo è molto costoso, al momento. Solo ora mi rendo conto che i problemi che abbiamo o che avremo in Egitto sono insignificanti rispetto a quello che può succedere se i processi logistici non sono gestiti nel modo giusto. Basta trovare i partner adeguati per i servizi logistici sia in Egitto che nel Paese di destinazione o di riesportazione, e la vita sarà molto più semplice".

"L'Egitto è un'opzione interessante sia per gli investitori di capitali stranieri sia per gli esperti agricoli. Ma è l'elevata richiesta di frutta e verdura egiziana, molto più alta del previsto, che mi ha portato a trovare persone che la pensano come me e che mi completano come proprietario e capo agronomo della mia azienda. Le persone di cui mi sono circondato sono anch'esse esperte e hanno una vasta esperienza nel lavoro ortofrutticolo. In poche parole, l'aumento della domanda è la ragione di una svolta globale per Fruit Kingdom", conclude Kadah.

Per maggiori informazioni
Amr Kadah
Fruit Kingdom for Export Egypt
Tel.: +20 100 928 8377
Email: amr.kadah@mail.ru


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto