Gandini, produttore di pomodori, crede che l'epidemia Covid-19 possa offrire anche delle opportunita'

La crisi di Covid-19 è stata un evento scioccante, in tutto il mondo, per le persone, per i sistemi sanitari pubblici, per l'economia e per i consumatori. La filiera ortofrutticola ha reagito con responsabilità, consapevole del suo ruolo cruciale nella vita quotidiana delle famiglie; tuttavia, un evento così dirompente può offrire delle opportunità ai coltivatori che negli ultimi anni hanno investito nella giusta tecnologia, nella scelta della giusta genetica e nel consolidamento delle relazioni con i supermercati. Questa è l'opinione di Mattia Gandini, responsabile vendite della Gandini Antonio s.a.s. di Guidizzolo (provincia di Mantova), aderente alla OP Valleverde.

Più di un decennio fa, la famiglia Gandini si è concentrata sulle serre ad alta tecnologia come mezzo per produrre pomodori freschi tutto l'anno per i supermercati italiani. Quella scelta strategica ha aiutato l'azienda a ottenere una solida posizione nell'ambito del mercato del pomodoro fresco di alta qualità nel Nord e Centro Italia. Oggi il gruppo Gandini commercializza oltre 6 milioni di confezioni tra pomodoro ciliegino, mini plum e cocktail e oltre seimila tonnellate tra costoluto e cuore di bue. Tutto questo è stato possibile anche grazie a un paziente lavoro di selezione e collaborazione con altri produttori dalla grande professionalità, dislocati in varie regioni della penisola.

Pomodoro ciliegino prodotto e confezionato presso la Gandini Antonio s.a.s.

Il gruppo Gandini è composto non solo da una famiglia instancabile e da motivati dipendenti a Guidizzolo, ma anche da importanti partner come Isola Grande in provincia di Ragusa (anch'essa associata alla corposa OP Valleverde) e l'azienda agricola Orto Serre dei f.lli Della Spina a Melfi (provincia di Potenza). Aziende che si sono concentrate sulla tecnologia fuorisuolo per ottenere il massimo dalle varietà selezionate. Si tratta di aziende che sanno bene come l'igiene e le rigorose regole interne permettano di garantire la sicurezza dei loro lavoratori, limitando il rischio di contaminazioni incrociate. Insomma imprenditori agricoli che ormai da tempo hanno imparato a gestire il rischio dei fitopatogeni e, quindi, anche la comparsa del Covid-19 non li ha colti di sorpresa.


Serre presso Isola Grande (RG)

Tutti questi ingredienti hanno creato un rapporto di fiducia con i consumatori finali, che trovano nei pomodori a marchio "Gandini" un prodotto sempre di grande qualità, un elemento di stabilità certamente gradito dalle persone, specialmente in tempi di incertezza come questo. Negli ultimi mesi, i consumatori hanno cambiato le loro abitudini, modificato la tradizionale lista della spesa e ribaltato le certezze dei supermercati.

Alcuni prodotti sugli scaffali sono precipitati nelle vendite (ad es. la quarta gamma) mentre gli ordini presso Gandini continuano ad aumentare! Mattia ritiene che "in un certo senso, per un'azienda ben strutturata come la nostra, la crisi da Covid-19 può essere trasformata da minaccia in un'opportunità per consolidare la posizione sul mercato e stringere rapporti più solidi con distributori e consumatori".


Pomodoro in coltivazione presso Orto Serre Melfi (PZ)

Altro ingrediente essenziale di questa ricetta è la genetica; selezionare la varietà giusta può rispondere pienamente alle aspettative del consumatore: è essenziale dare un valore aggiunto unico. Fortunatamente, il gruppo Gandini ha scoperto TomaTech, un partner affidabile e creativo, in grado di creare prodotti innovativi e combinare nello stesso pomodoro costanza nel sapore, valori nutrizionali, buona resa e adattabilità alle diverse aree di coltivazione (Sud, Centro e Nord di Italia). 

Il ciliegino Pom Sweet Candy, con la sua caratteristica "puntina" è uno di questi; è per l'appunto uno dei prodotti che ha visto un significativo e costante aumento nelle preferenze dei consumatori, tra i pomodori a grappolo della gamma Gandini. Pom Sweet Candy è amato per il suo sapore e per il suo attraente colore rosso; inoltre mangiarlo regolarmente consente di beneficiare del suo alto contenuto in fitonutrienti come la vitamina C, vitamina E, vitamina A, potassio e zinco, insieme alle sue qualità antiossidanti e antinfiammatorie che possono contribuire a mantenere un sistema immunitario forte e sano.

Nonostante l'epidemia di Coronavirus abbia trovato il nostro e altri paesi impreparati, tuttavia ci auguriamo che l'Italia si riprenderà presto e che questa esperienza sia servita a capire che dobbiamo credere di più nelle persone, generando competenze e aumentando la nostra resilienza.


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto