Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Accortezze, attenzioni e analisi

Come garantire il Residuo zero

Il Residuo zero, ormai, è all'attenzione di tutti. Molte aziende lo offrono come valore aggiunto, ma molte catene della GDO sia italiane, sia estere, lo chiedono con insistenza crescente. Ma per fare le cose seriamente occorre essere seguiti da un Laboratorio accreditato e con esperienza in materia. Il laboratorio Sicural svolge ogni giorno analisi per dare riscontri su questo tema. 

"Si parla di Residuo zero - spiega la responsabile Silvia Zuccherelli - quando nel prodotto ortofrutticolo analizzato i principi chimici rilevati sono al di sotto della soglia di rilevabilità strumentale dello 0,01 mg/kg. Quindi di gran lunga al di sotto dei limiti di legge. Come Sicural, siamo in grado di rilevare le tracce anche al di sotto della soglia di  0,01 mg/kg, utilizzando strumentazione all'avanguardia, frutto degli investimenti effettuati negli ultimi anni".

C'è chi fa confusione, ma va chiarito che Residuo zero non significa biologico: nel bio sono ammessi solo certi principi, non di sintesi. Il consumatore potrebbe essere indotto in errore perché, leggendo Residuo zero, potrebbe credere che su quei prodotti non siano stati effettuati trattamenti.

"Nel residuo zero, invece, possono essere stati effettuati trattamenti con molecole ammesse per legge - spiegano Maverik Bezzi e Giusy Riciputi - ma in modo tale che, adottando tecniche e tempistiche di decadimento, i principi attivi non lascino residui rilevabili dagli strumenti. A seconda delle esigenze del cliente, e in base all'esperienza maturata dal laboratorio, possiamo studiare i tempi di decadimento di molte molecole".

Quello che è motivo di differenziazione, vale a dire utilizzare tecniche agronomiche per giungere al Residuo zero, potrebbe presto diventare un pre-requisito chiesto dalla GDO. Ma non è facile conciliare le esigenze colturali, specie in determinate annate, e le rese produttive limitando al massimo i trattamenti. 

Quello che è certo, è che occorre coltivare nelle zone adatte le varietà più resistenti/tolleranti, farsi seguire da tecnici qualificati e da un laboratorio analisi accreditato, con esperienza in materia e dotato di strumentazione di alto livello.

Contatti:
Sicural
Via Dismano 2855,
47522 Cesena (FC)
Tel.: (+39) 0547/377303
Email: mbezzi@sicural.it
Web: www.sicural.it


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto