Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Mancanza di compattezza nelle organizzazioni

Ad Almeria ortaggi gettati via a causa dei prezzi bassi

Mercoledì 8 gennaio 2020, melanzane e pomodori perfettamente commestibili sono stati gettati via a La Cañada, Almería. "Melanzane e pomodori continuano a perdere valore. La produzione marocchina sta mettendo a dura prova i nostri prodotti", ha dichiarato Joaquín López, presidente dell'Unione dei produttori agricoli indipendenti (UAI), noto a tutti come Bernabé.

"Abbiamo ricevuto una chiamata dalla Germania perché, dopo aver analizzato i pomodori importati, ritengono che non siano di origine spagnola. I commercianti li acquistano dal Marocco e poi li etichettano nuovamente. Vogliamo indagare e, in tal caso, denunciare queste pratiche. L'Unione europea non può permettere questo", ha detto Bernabé.

"Gli aiuti delle OPFH (Organizzazioni di produttori di frutta e verdura) sono destinati ai produttori che fanno parte di cooperative. I produttori che non sono membri di una cooperativa, non riceveranno questi aiuti. Il risultato è che in Spagna le sovvenzioni non raggiungono chi ne ha più bisogno".

"L'Europa non è interessata a sapere cosa sta succedendo in Spagna. Si parla di eccesso di fornitura quando l'Europa consuma meno del solito, a causa dei prezzi. I costi aumentano. Ad esempio, spedire un chilo di peperoni da Almeria alla Germania è di circa 15 centesimi più costoso e di circa 5 centesimi quando si passa attraverso i canali di vendita e distribuzione; pertanto, non ha senso vendere sugli scaffali un chilo di peperoni a 5 €, mentre il coltivatore riceve 30 centesimi", sottolinea il sindacalista.

"Il risultato è che il produttore produce di più per coprire i costi e il consumatore acquista meno, a causa dei prezzi elevati. Il consumatore europeo che compra in media due peperoni, lo fa a fronte di un importo con il quale potrebbe acquistarne un'intera cassa. Se il consumatore fosse incentivato all'acquisto, si limiterebbe l’eccesso di fornitura".

Attualmente gli Emirati Arabi Uniti hanno già migliaia di produttori associati e continuano ad aumentare. "Il produttore deve agire un po' più come imprenditore, quando si tratta di commercializzare i prodotti, e quindi non va lasciato nelle mani degli intermediari", ha affermato il presidente UAI.

Per maggiori informazioni:
Joaquín López, president
Union of Independent Agricultural Producers
agricultoresindependientes


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto