Primo paese consumatore di kiwi in Europa

Spagna in controtendenza: negli ultimi 7 anni consumi di ortofrutta in aumento

Per il settore ortofrutticolo spagnolo, il periodo che va dai giorni che precedono il Natale all'Epifania, non è positivo per le vendite. "In generale, la Spagna ha un elevato consumo pro capite di frutta e verdura, durante tutto l'anno. I consumatori spagnoli tendono a mangiare frutta e verdura spinti da motivi salutistici che, durante le festività, vengono un po' messi da parte, a differenza di altri Paesi europei dove i frutti vengono perfino presentati in dono", afferma Christophe Laffon, direttore commerciale della Hnos Fernández López.

Crescita costante del settore della grande distribuzione, rispetto al mercato all'ingrosso
L'azienda è concentrata per oltre il 95% sul mercato spagnolo, dove rifornisce sia i grandi rivenditori sia i mercati all'ingrosso, con punti vendita nei mercati di Barcellona, Sabadell, Lleida, Tarragona, Alicante / Cox, Madrid, Siviglia e Tenerife.

Secondo Christophe Laffon, in Spagna il settore della grande distribuzione, la cui quota aumenta ogni anno di circa l'1%, continua a guadagnare terreno sull'ingrosso. "Circa il 27% del nostro fatturato proviene dalle vendite al dettaglio, attraverso la nostra rete nei mercati all'ingrosso, mentre circa il 45% proviene dalla grande distribuzione. Negli ultimi anni, il nostro impegno maggiore è stato volto a incrementare le vendite nelle grandi catene di supermercati, e la crescita del business attraverso questo canale negli ultimi 5 anni lo dimostra, rappresentando, in generale, la crescita maggiore per l'azienda. Sebbene gli acquisti da parte dei consumatori spagnoli nei supermercati siano comparabili a quelli di altri Paesi europei, non è stato così per frutta e verdura, reparto che negli ultimi 7 anni ha assistito a un notevole aumento nell'assortimento e nelle quantità offerte sugli scaffali".

Secondo Christophe, è la frutta ad aver registrato il maggiore aumento nelle vendite, nel settore retail spagnolo, anche in termini di valore. "In generale, i prodotti di alto valore come i frutti subtropicali, piccoli frutti, uva da tavola senza semi e frutti con marchi riconosciuti, sono quelli che hanno acquisito maggiore slancio. Nell'area del Mediterraneo, i consumatori tendono a vivere in verticale, in città con un'alta concentrazione di abitanti per metro quadrato. Questo spiega perché le vendite nei supermercati sono cresciute così tanto, poiché le persone tendono ad acquistare frequentemente, ma in piccole quantità. Penso che la Spagna, in un futuro non troppo lontano, potrebbe persino diventare uno dei Paesi con le maggiori vendite online dei supermercati, soprattutto per i beni primari".

"Le vendite di banane importate continuano a crescere senza danneggiare l'offerta delle Canarie"
L'attività principale dell'azienda riguarda ancora le banane delle Canarie/banane, oltre a quelle d'importazione. "Le banane delle Canarie sono il prodotto più importante, in termini di fatturato. E' vero che in Spagna la quota di mercato delle banane importate continua a crescere, ma questo non significa che vi sia stata una riduzione del consumo di banane delle Canarie. Finora, le banane d'importazione sono cresciute senza incidere sulla quota di quelle fornite dalle Canarie, mentre queste ultime, sostenute anche da forti investimenti, mantengono un differenziale di prezzo abbastanza elevato rispetto alle merci importate", afferma Laffon.

 

Allo stesso tempo, il Grupo Fernández López continua a crescere con il kiwi, il suo secondo prodotto per importanza, con il Sungold della Zespri che spicca su tutti, poiché garantisce sia proprietà salutari che gusto, grazie alle sue caratteristiche organolettiche.

Vale la pena ricordare che la Spagna è il più grande consumatore di kiwi in Europa, e il terzo nel mondo, dietro solo a Cina e Giappone. Nel frattempo, anche per la gamma dei frutti tropicali i risultati sono positivi, anche se forse non proprio come ci si aspettava; nel 2020, comunque, si prevedono maggiori investimenti in questo settore.

Maggiore presenza nel sud della Spagna e impegno nella produzione biologica
Dopo l'acquisizione della Servimpor, la Hnos Fernández López ha anche rilevato un magazzino di 7.000 metri quadrati nel comune di Dos Hermanas, a Siviglia, che fungerà da piattaforma per fornire servizi di maturazione per le banane e proporre ai supermercati sia i prodotti locali che quelli importati (dal Nord Africa o Sud America).

"Riteniamo che sia le banane delle Canarie sia quelle importate debbano maturare in prossimità dei punti vendita. I supermercati tendono a preferire quei fornitori che sono in grado di offrire loro una logistica migliore, a prezzi più competitivi. Questo investimento ci consentirà di aumentare la nostra presenza nel sud della Spagna", dice il direttore commerciale.

L'azienda vuole anche rafforzare la sua linea di prodotti biologici e, a tal fine, ha già ottenuto un posto in un magazzino di distribuzione Bio Market, in costruzione a Mercabarna. "Il mercato biologico in Spagna sta crescendo e stiamo sviluppando una gamma completa, che comprende prodotti come ananas, kiwi, banane importate o, in particolare, banane delle Canarie. In effetti, nelle Isole Canarie ci sono già piantagioni in fase di conversione al biologico".

Per maggiori informazioni:
Hnos. Fernández López, S.A
T: (+34) 93 262 66 90
info@grupofernandez.es
www.grupofernandez.es


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto