Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'obiettivo di John Van Laethem, della Van Laethem

Raddoppiare il volume delle erbe aromatiche a residuo zero

Le erbe aromatiche continuano a essere un prodotto molto richiesto. Per questo la società belga Van Laethem sta assistendo a un crescente aumento della domanda. Tale incremento è risultato in una crescita del fatturato. "Abbiamo una gamma enorme, che espandiamo ogni anno". A sostenerlo è John Van Larthem, della società omonima.

"Quest'anno abbiamo aggiunto al nostro assortimento il coriandolo e l'erba di santa Barbara. Abbiamo notato che questi prodotti sono molto popolari. L'erba di santa Barbara è molto simile al crescione d'acqua. Tuttavia, non viene coltivata sull'acqua. E' piccante, croccante e ha una lunga shelf life. Può essere definita un'erba aromatica intensa".


Arnelle Moonens e John Van Laethem

"Questo è il secondo anno che coltiviamo erbe aromatiche a residuo zero. La domanda è grande. Le tecniche di coltivazione, inoltre, vengono affinate ogni anno. Per questa ragione potremo quasi raddoppiare i nostri volumi l'anno prossimo. Il nostro assortimento a zero residui resterà piuttosto stabile nei prossimi due anni - spiega John - Stiamo ancora testando alcune erbe aromatiche".

Van Laethem non sta solo riducendo l'uso di agrofarmaci, ma sta cercando anche di ridurre il consumo di carburante. "Con le erbe aromatiche, ci troviamo in un segmento di mercato specifico. Bisogna offrire valore aggiunto al prodotto. L'Europa sta diventando sempre meno attraente per i principali paesi produttori. Perciò, con residui zero e utilizzando meno carburante, possiamo realmente distinguerci".

"Il fattore zero residui è estremamente popolare in altri paesi europei, Francia compresa. Tuttavia, mi sono rivolto alla Federazione Europea Freshfel per cercare di inquadrare meglio la questione. Attualmente le indicazioni sono pochissime, ma il numero di prodotti e i produttori a zero residui continua a crescere".

"Dovremmo organizzare un'agricoltura a residuo zero così come è stato fatto con quella biologica. In tal modo, avremmo un punto di riferimento. Quello che notiamo, al momento, è che il residuo zero viene interpretato in maniera completamente sbagliata. Ognuno si fa le regole a modo suo".

Per maggiori informazioni:
John Van Laethem
Van Laethem
European Center 
M 27 112 Werkhuizenkaai
1000 Brussels, Belgium
Email: info@bellaroma.eu  
Web: www.bellaroma.eu 


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto