Avvisi



Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Il peggio deve ancora arrivare

Piogge torrenziali e forti venti a Valencia, Murcia e Almeria

Il maltempo continua a colpire il Levante spagnolo. Le forti piogge, con oltre 350 litri al metro quadrato nelle ultime 24 ore, hanno causato lo straripamento di fiumi, alcuni tornado e inondazioni. Due persone hanno già perso la vita nella città di Caudete, Albacete. Una prima stima dei danni è ancora al vaglio.

La regione di Valencia, le Isole Baleari e Murcia sono le regioni più colpite, al momento. Tuttavia, il peggio deve ancora arrivare fino a domenica a Valencia, Alicante e Murcia. Per la prima volta nella storia, nella regione di Murcia è stato emesso un avviso meteorologico di livello rosso per le piogge, che verrà mantenuto fino a stamattina (si legga 13 settembre 2019, ndr). Potrebbero esserci fino a 70 litri di pioggia al metro quadrato in un'ora e fino a 200 litri in dodici ore. Nel frattempo, ad Almeria, viene mantenuto l'allerta di livello arancione.

Situazione del binario del treno a Font de la Figuera, nella provincia di Valencia. Più di 200 litri per metro quadrato si sono accumulati in 10 ore.

Al momento, nonostante il maltempo, l'associazione dei produttori La Unió de Llauradors riferisce che vi è stato un impatto limitato sulle colture della regione di Valencia, con alcune eccezioni.

"La pioggia è buona per le clementine e mandarini a Castellon, dove la raccolta inizierà tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre. Queste piogge aiuteranno il frutto a crescere di dimensioni", ha affermato Carles Peris, segretario generale de La Unió de Llauradors. "Il danno potrebbe essere più importante nella provincia di Valencia, soprattutto per i cachi, a causa dei forti venti. Per quanto riguarda gli agrumi, i primi Satsuma non sono stati ancora raccolti. Questi potrebbero essere colpiti se l'acqua rimane stagnante nelle piantagioni e le temperature rimangono alte, in quanto ciò faciliterebbe la diffusione di patologie fungine".

"Ad Alicante, le colture più colpite saranno uva da tavola e melograni, che probabilmente subiranno danni sulla buccia. Ma i danni più importanti si registrano al momento per le infrastrutture, comprese le strade. L'aspetto positivo di questa situazione è che si riempiranno i bacini di acqua per l'irrigazione e per la produzione di energia elettricità".

Secondo i produttori murciani, "il peggio deve ancora venire". Per colture come lattuga e altri ortaggi a foglia, come broccoli e cavolfiori, non è stata ancora piantata nemmeno la metà della superficie destinata alla prossima campagna di esportazione. Tuttavia, lo stato in cui i campi saranno probabilmente lasciati dopo la tempesta farà ritardare la semina e, di conseguenza, la campagna comincerà in ritardo con buoni volumi.


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto