Con reportage fotografico

Il porto di Vlissingen riceve la prima portacontainer di Chiquita

Lunedì 18 febbraio 2019, la nave Chiquita Trader è attraccata al porto di Vlissingen (Paesi Bassi). Le gru hanno prelevato i container dalla nave e li hanno collocati su un rimorchio. I container refrigerati sono stati poi trasportati in una zona di stoccaggio. 

La Chiquita Trader è la prima portacointainer Chiquita a essere giunta al porto di Vlissingen, che si trova lungo la costa della provincia olandese della Zelanda. La nave è stata accolta calorosamente dalla società olandese Kloosterboer. "E' l'inizio di una nuova era", hanno sottolineato Stefano Di Paolo, presidente di The Great White Fleet (la divisione di spedizione di Chiquita Brands International), e Jack Kloosterboer di Kloosterboer.

Clicca qui per vedere il reportage fotografico

Di Paolo ha affermato: "Negli anni '60, Chiquita aveva la flotta di navi reefer più grande al mondo. Tuttavia, ci siamo adeguati ai cambiamenti sul mercato". Tali mutamenti hanno comportato che Chiquita cominciasse a seguire la tendenza verso la containerizzazione.

In passato, tutto il trasporto di Chiquita verso gli Stati Uniti è stato containerizzato. A partire da quest'anno, anche le navi della società dirette in Europa hanno subito lo stesso destino. Per fare sì che ciò accadesse, Chiquita ha investito in due nuove navi container refrigerate. Queste navi a totale capacità refrigerata si chiamano Chiquita Trader e Chiquita Express. Per la rotta verso l'Europa, ne sono state noleggiate altre tre.

Queste salpano secondo un calendario che garantisce arrivi settimanali a Vlissingen. Il cambiamento di programma significa che, al posto di arrivi bisettimanali, le banane ora arrivano su base settimanale. Le navi container hanno la capacità di due navi reefer. Questo assicura che il volume totale fornito rimanga immutato.

Clicca qui per vedere il reportage fotografico

"Non abbiamo investito solo in nuove navi. Abbiamo investito anche in 7.000 nuovi container ad atmosfera controllata, la maggior parte dei quali sono container MCI". Questi container sono equipaggiati di tecnologia all'avanguardia per il trasporto refrigerato. Questa nuova generazione di reefer utilizza un terzo di energia in meno rispetto ai suoi predecessori. Ogni container offre spazio per 1.080 cartoni di banane.

"Siamo l'unica società bananiera che ha containerizzato completamente il suo trasporto". Le navi viaggiano tra Costa Rica, Panama e il porto di Vlissingen. Dopodiché le banane vengono trasportate dal porto olandese, utilizzando servizi marittimi a corto raggio Unifeeder e Samskip. Vengo spedite a Sheerness in Regno Unito e a Oslo, in Norvegia. Inoltre, arrivano anche al porto svedese di Helsingborg e a Helsinki, in Finlandia.

Clicca qui per vedere il reportage fotografico

Banchina automatizzata
Di Paolo ha spiegato: "Al terminal utilizziamo meno spazio refrigerato, perché possiamo stoccare le banane meglio nei container ad atmosfera controllata". Ciò offre opportunità per Kloosterboer. Ora, infatti, possono attrarre nuove attività per l'utilizzo di questo spazio refrigerato. La containerizzazione richiede investimenti da parte di questa società, oltre che dal porto.

Secondo Kloosterboer, le vecchie navi reefer hanno tutto un loro fascino. "Tuttavia, dobbiamo adeguarci a questa nuova era". Nei piani presentati da lui, sembra che l'azienda Kloosterboer sia passata direttamente al futuro con il suo deposito container automatizzato.

"Tenere le banane nei container CA il più a lungo possibile richiede un nuovo modo di pensare". La società ha investito in un nuovo magazzino container. L'area quasi totalmente automatizzata potrà essere usata per conservare container pieni. Secondo i piani di Jack, i container scaricati saranno riposti su rimorchi. Questi container saranno poi trasportati automaticamente al deposito.

Una volta lì, i reefer saranno riposti nel magazzino da quattro gru. Saranno alimentati elettricamente in modo che i motori di raffreddamento possano restare in funzione. Kloosterboer ha aggiunto: "Vogliamo automatizzare il più possibile. Il tutto richiederà un investimento massiccio di diverse decine di milioni".

Clicca qui per vedere il reportage fotografico

Il porto specializzato in reefer
Questi piani non sono ancora stati messi in pratica. Per il momento, i container vengono immagazzinati, connessi a prese elettriche. Lo spazio disponibile ammonta a 1.000 container. Per immagazzinare quelli vuoti sono stati preparati altri 5 ettari di terreno. Kloosterboer e North Sea Port vogliono trasformare il porto in un terminal reefer specializzato.

Con l'aiuto di CMA CGM, vengono spedite cipolle in Africa in container. Ci sono stati anche arrivi di uve sudafricane e agrumi latinoamericani. Daan Schalck, di North Sea Port, ha affermato: "Vogliamo diventare un porto specializzato per la frutta e i succhi di frutta".

I dati dell'anno scorso relativi a questo porto hanno mostrato una forte crescita. Nel 2015, il North Sea Port ha trattato meno di 1 milione di tonnellate di prodotto. L'anno scorso, questa cifra è salita a circa 1,4 milioni di ton. La società portuale investirà nell'espansione del porto. Ciò comprenderà lo spazio per due ulteriori navi al terminal. Questi programmi sono stati messi in pratica per tenersi al passo con le ambizioni di crescita di Kloosterboer.

Per questa espansione, sono stati assegnati ulteriori 3,6 ettari di terreno. Daan ha concluso: "Non vogliamo competere con le grandi strutture portuali. Preferiamo essere un porto specializzato in container reefer".

L'arrivo della nave Chiquita Transfer è stato celebrato con un rinfresco. Durante un tour del terminal, gli ospiti hanno potuto vedere con i proprio occhi il processo logistico delle banane. Chi si è avventurato fuori, si è trovato direttamente sulla banchina, dove la nave Chiquita Trader continuava a essere scaricata.

Con un movimento fluido, la gru posiziona il container su un rimorchio, che poi viene portato nella zona di stoccaggio. Nel giro di qualche giorno, queste banane si troveranno sugli scaffali di qualche negozio da qualche parte in Europa. Ieri, 20 febbraio 2019, la nave è ripartita per l'America Latina per caricare altre banane fresche.

Clicca qui per vedere il reportage fotografico.

Per maggiori informazioni:
Nicole Coens
Kloosterboer Vlissingen
10 Finlandseweg
4455 TE Nieuwdorp - Paesi Bassi
Tel.: +31 (0) 118 486 200
Web: www.kloosterboer.com  

Chiquita Nederland
35 Franklinweg
4207 HX Gorinchem
Tel.: +31 (0) 183 692 333
Web: www.chiquita.nl


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2019

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto