Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Dopo il consumo di energia, si affrontano altri costi della maturazione

"Abbiamo visto che si vuole investire di più nel settore. Poiché l'economia sta andando meglio, le aziende del settore ora hanno i soldi, ad esempio, per nuove celle di maturazione.In generale, il mercato va bene". Ad affermarlo Chris Maat di Interko.

Nei Paesi Bassi vengono sostituiti soprattutto i vecchi sistemi di maturazione. "Ad esempio, abbiamo verificato un calo del 60% del consumo di energia rispetto a 20 anni fa - ha sottolineato Chris riguardo ai progressi degli ultimi anni - Ora abbiamo un consumo di energia inferiore a 100 watt per pallet". Quanto una società effettivamente riesca a risparmiare, dipende anche dalle scelte che fa. "Alcune aziende vogliono rischiare, altre mettono al primo posto la stabilità del sistema. Ci muoviamo a seconda della richiesta del cliente e adeguiamo il prodotto. Ecco perché alcuni anni fa, abbiamo trasferito il nostro reparto ingegneristico alle vendite".



Oltre agli impianti a basso consumo energetico, si presta maggiore attenzione anche alle altre voci di costo all'interno del sistema di maturazione, compresa la pulizia e la manutenzione. Ora che i costi energetici possono essere notevolmente abbassati, è interessante affrontare questi ulteriori fattori. Per esempio, Interko sta cercando di applicare rivestimenti anti-fungini nei sistemi.



La maturazione dei frutti esotici è un lavoro pioneristico
"I grandi ordini per le celle di maturazione provengono ancora dagli impianti di maturazione delle banane. Aumenta anche la maturazione di mango, avocado e pera, ma si tratta ancora di lavori pionieristici" ha spiegato Chris. Ad esempio, per le banane è praticamente normale costruire una cella di maturazione a tre piani, con i piani superiori inaccessibili al personale. Negli ultimi decenni è stata acquisita una vasta conoscenza sulla maturazione delle banane, quindi non è più necessario accedere a tutti i pallet per monitorarne il processo.

"Per i frutti esotici, i maturatori vogliono essere in grado di monitorare tutto, ecco perché ogni pallet deve essere accessibile" ha continuato Chris spiegando che le banane mature sono come una ferrovia. I sistemi sono stati sviluppati in modo tale che si conosca ogni fase del processo. La maturazione dei frutti esotici è più simile ad un'autostrada. "Puoi sterzare a sinistra o a destra e, durante il processo, devi considerare eventuali imprevisti accidentali".



Come già detto, questo è meno importante per le banane. I sistemi di maturazione sono così ben sviluppati che un maturatore non deve più tenere d'occhio tutti i pallet. Sebbene un gran numero di maturatori esperti stia raggiungendo l'età pensionabile, Chris non si aspetta che i sistemi subentrino del tutto al processo di maturazione. Egli ha utilizzato una metafora: "Sarebbe come fornire un'auto con ogni funzione, senza dare lezioni di guida, e l'auto che guida da sola non è stata ancora inventata". Eppure crede che non ci dovremmo sorprendere se, in futuro, i sistemi di maturazione sostituissero il lavoro. "Se siamo in grado di far guidare una macchina da sola, dovrebbe essere possibile anche per la maturazione. Oltretutto sulle strade i bambini possono trovarsi accidentalmente in pericolo, invece la maturazione avviene in un ambiente controllato".

Il settore europeo è stato notevolmente consolidato. Il numero dei piccoli operatori sta diminuendo sempre di più. "Quest'anno abbiamo costruito 150 celle di maturazione per tre diversi operatori in Germania - ha dichiarato Chris - L'efficienza è complicata quando si tratta di piccole quantità e le fluttuazioni sul mercato sono facilmente rilevabili".

C'è molta richiesta di nuovi impianti di maturazione all'estero, soprattutto in Asia. La sfida sta nel modo in cui è stato sviluppato il resto della catena logistica. "Possiamo costruire una bella cella di maturazione, ma sarebbe pressoché inutile se le banane fossero trasportate su un camion aperto - ha concluso Chris - E' difficile, perché dipendiamo da come si muove il resto della catena di approvvigionamento. A volte anche in Occidente qualcosa va storto nella filiera, ma se la logistica è buona, i nostri sistemi sono un'aggiunta importante alla qualità del frutto".

Per maggiori informazioni:
Chris Maat
Interko
Email: c.b.maat@interko.com
Web: www.interko.com

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto