Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

L'inchiesta di Altroconsumo

Supermercati, scegliere bene per risparmiare

Anche quest'anno l'inchiesta prezzi di Altroconsumo (alla 29esima edizione) svela che fare la spesa in un certo modo e in uno specifico supermercato fa davvero la differenza. Un esempio: ipotizziamo di essere una famiglia media che spende, come sostiene l'Istat, in media 6.300 euro ogni anno di spesa. Se potessimo idealmente recarci sempre nel supermercato risultato meno caro d'Italia nella nostra inchiesta, sborseremmo 5.400 euro, ben mille euro in meno ogni anno.

Più di un milione di prezzi analizzati
Per l'inchiesta sono stati ipotizzati quattro modi diversi di fare la spesa, simulando i criteri tipici con cui si sceglie un prodotto sugli scaffali, e per ognuno è stata stilata una classifica che mette in evidenza il supermercato più conveniente.



Al nord più possibilità di risparmio
L'area del nord-est, con il Veneto in testa, si conferma la più interessante per poter approfittare della guerra dei prezzi tra insegne e punti vendita. Insieme a Pordenone, si compra bene a Treviso e Vicenza dove si spende in media 5.900 euro, al di sotto della media nazionale. Se pensare di recarsi a Fiume Veneto dal resto della penisola per fare la spesa è poco realistico, ipotizzare invece di cambiare punto vendita all'interno della stessa città si può e si deve fare. A Cuneo se si va nel super più conveniente anziché in quello più caro si possono risparmiare 1.284 euro in un anno; a Torino 1.246 euro; a Roma 1.200; mille euro a Milano.

Più punti vendita, forbice dei prezzi che si amplia. Situazione opposta a Reggio Calabria, dove non solo il risparmio massimo è di poco superiore a 200 euro, ma nel punto vendita più economico si spendono quasi 6.400 euro in un anno, di più rispetto alla media nazionale. Non solo al Sud: ad Aosta, la spesa minima in città è di 6.500 euro e le possibilità di risparmio sono ridotte a 365 euro. Qui qualunque supermercato si scelga, la spesa resta carissima. Scarsa concorrenza significa sempre poca scelta e prezzi allineati.

Per maggiori informazioni: www.altroconsumo.it

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto