Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Lamponi olandesi in Tanzania

Un vivaio di lamponi vicino al Parco Nazionale di Arusha in Tanzania, con vista sui monti Meru e Kilimanjaro. Sembra un sogno, ed è esattamente così per Erik Koster che presto però tornerà nei Paesi Bassi.

Era molto probabile che Erik non rimanesse nei Paesi Bassi dopo aver preso il diploma in agricoltura tropicale. Negli anni Ottanta, lavorò per cinque anni per la società Hazera che si occupava del miglioramento della sementi in Tanzania e si innamorò del Paese. "Non appena i bambini furono in età scolare, ci trasferimmo nei Paesi Bassi, ma non fu un trasferimento stabile. Non mi piaceva la vita frenetica, e volevo cominciare da me stesso. Mia moglie capì e quando i nostri figli arrivarono al college, ci trasferimmo in Tanzania".

In Tanzania Erik entrò in contatto con Geert de Weert di Kwekerij de Westerbouwing, che creava varietà adatte a climi più caldi con il suo programma di miglioramento delle sementi. "La sua esperienza ci permise di diventare più esperti nelle coltivazioni in ambiente africano".



Erik gestisce il vivaio di lamponi Kilihortex, nel quale sono azionisti Geert e Fruit World Breda. Attualmente il vivaio è costituito da 16 ettari di coltivazione in tunnel dotati di irrigazione a goccia. La stagione dura da fine settembre a giugno. Il produttore di lamponi ci dice che i mesi da marzo a giugno, sono i migliori. "A dicembre e gennaio fa davvero troppo caldo qui e la nostra produzione diminuisce. Attualmente stiamo lavorando alla creazione di una seconda azienda agricola, per espanderci anche nel nord del Paese". Ormai i figli seguono le sue orme. Quello maggiore lavora per una società americana di miglioramento del seme in Kenya; la figlia più giovane ha iniziato nell'azienda familiare e in futuro avrà la gestione dell'attuale vivaio di lamponi.

Prodotto di lusso
Circa 120 tanzaniani sono impiegati nel vivaio. Durante la stagione, la cifra raddoppia. "La sarchiatura e la raccolta sono attività portate avanti soprattutto da donne. Gli uomini non le vogliono fare, mentre le donne sono felici di contribuire al reddito familiare". Spesso le donne pagano l'istruzione dei figli con i loro salari. "Lavoriamo principalmente con un gruppo fisso di dipendenti e ormai sono diventati esperti. Il magazzino è stato gestito da due donne del luogo per anni. E' veramente meraviglioso vedere come sono riusciti ad alzare il livello". Gran parte della produzione è destinata all'esportazione. Erik spiega che i costi salariali bassi superano i costi del trasporto aereo. "Vendiamo i lamponi anche sul mercato locale, specialmente nel periodo in cui l'Europa ha la propria produzione sul mercato. Eppure il frutto risulta essere ancora un prodotto di lusso".



La famiglia Koster vive a est di Arusha, ai piedi del Monte Meru. "Viviamo nel mezzo della nostra azienda, un posto meraviglioso per vivere - ha dichiarato Erik - Con parchi come il famoso parco Serengeti, l'Oceano Indiano e Zanzibar nelle vicinanze, c'è sempre qualcosa da fare. Gli amanti della natura, in particolare, possono divertirsi molto qui. Oltre a un bel paesaggio, anche il clima è molto piacevole. Una sorta di primavera perenne, con qualche eccezione durante l'anno quando diventa molto caldo. Tutto sommato la qualità della vita è molto più alta qui".

Inoltre, i tanzaniani sono molto amichevoli e molto meno aggressivi degli abitanti di altri Paesi africani, secondo lui. "Sono meno orientati al successo. Questo a volte rende difficile ottenere le cose. Eppure è encomiabile che siano molto soddisfatti, soprattutto dei beni materiali. Non hanno molto, ma continuano a sorridere. Noi Europei sicuramente avremmo qualcosa da imparare da loro".

Il figlio più giovane di Erik prenderà la direzione l'anno prossimo. Il produttore di lamponi ha oggi 67 anni e pensa che sia il momento di fare un passo indietro, considerando i problemi di salute. "Potremmo tornare nei Paesi Bassi. Mia moglie vorrebbe ritornare. Anche perché l'assistenza sanitaria qui non è buona. Io sono seguito da un neurologo olandese. Non sarà facile lasciare la Tanzania, ma ho un bel ricordo degli anni vissuti qui. Sono contento che la nostra azienda andrà avanti e spero in futuro di tornare a visitarla".

Per maggiori informazioni:
Erik Koster
Email: kilihortex@habari.co.tz

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto