Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Analizzato il rischio di fumonisina B2 per le noci del Brasile

La noce del Brasile (Bertholletia excelsa) è di grande importanza per l'economia agricola brasiliana. E' il principale prodotto non forestale estratto dalla foresta pluviale amazzonica ed è collegato alle comunità che utilizzano questi alberi come fonte di cibo e di reddito. Il Brasile fornisce il 75% del mercato mondiale e produce circa 38.300 tonnellate di noci del Brasile che vengono prevalentemente esportate.

Le noci del Brasile sono considerate un alimento ricco di proteine, lipidi e vitamine oltre ad essere un'ottima fonte di selenio. Tuttavia, il basso livello tecnologico della filiera produttiva, nonché la gestione inadeguata della materia prima favoriscono la creazione di punti di contaminazione, con conseguente rischio per la salute dei consumatori e perdite economiche in tutte le fasi.

I tecnologi dell'Istituto di Tecnologia degli Alimenti di Campinas, in collaborazione con i ricercatori dell'Università di San Paolo, dell'Università Statale di Londrina e dell'Università Tecnica della Danimarca hanno valutato la presenza di Aspergillus sezione Nigri in campioni di noci del Brasile nelle diverse fasi della catena produttiva e verificato il potenziale tossinico della produzione di fumonisina B2 (FB 2) di questi isolati, insieme alla presenza di tale micotossina nelle noci campionate.

Un totale di 100 campioni di noci del Brasile in guscio e sgusciate (circa 2 kg ciascuno) sono state raccolte dalla regione amazzonica (nella foresta pluviale, in mercati rionali, negli impianti di lavorazione) e nei supermercati nello stato di San Paolo.

"Dalle analisi – riferiscono i ricercatori - è emerso che l'infezione fungina variava da 0 a 80% nelle diverse fasi della produzione e trasformazione e l'attività dell'acqua libera da 0,273 a 0,994. Un totale di 1052 ceppi di A. sezione Nigri sono stati isolati dalle noci del Brasile e sono stati testati 200 ceppi per la loro capacità di produrre FB2. Di questi isolati, 41 ceppi (20,5%) erano produttori di FB2 con concentrazioni da 0,09 a 37,25 mg/kg; 2 ceppi (1%) hanno mostrato tracce di FB2, inferiori al limite di rilevazione (0,08 mg/kg); e 157 ceppi (78,5%) non erano produttori di FB2. Pertanto, sebbene diversi campioni abbiano mostrato un'alta contaminazione da parte di A. sezione Nigri, nessun campione è stato contaminato da FB2".

Fonte: Larissa S. Ferranti, Benedito Correa, Maria Helena P. Fungaro, Beatriz T. Iamanaka, Fernanda P. Massi, Christopher B. W. Phippen, Jens C. Frisvad, Marta H. Taniwaki, 'Occurrence and fumonisin B2 producing potential of Aspergillus section Nigri in Brazil nuts', 2017, Mycotoxin Research, Vol. 33(1), pag. 49-58.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto