Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

USA: come sono cambiati frutta e verdura negli ultimi 60 anni

Frutta e verdura sono cambiati radicalmente negli ultimi 60 anni. Negli anni cinquanta i prodotti ortofrutticoli erano più nutrienti: si pensi solo che una singola pesca nel 1950 aveva lo stesso quantitativo di vitamina A di 53 pesche biologiche di oggi!

Il terreno, in America, contiene meno sostante nutritive a causa delle sostanze chimiche, dei fertilizzanti e dei pesticidi utilizzati nel corso dei decenni. Il sistema di coltivazione odierno non aiuta e necessita di un cambiamento.

Nel 2004, l'Università del Texas aveva preso in esame i dati dell'USDA (Dipartimento di agricoltura degli Stati Uniti) e aveva pubblicato i risultati sul Journal of the American College of Nutrition. Le scoperte facevano quanto meno riflettere.

Un team di ricercatori aveva studiato 43 tipi diversi di frutta e verdura nel 1950 e poi nel 1999, trovando che i quantitativi di proteine, calcio, fosforo, ferro e riboflavina (vitamina B2) erano calati considerevolmente.

Donald David, capo ricercatore, aveva così commentato: "Gli sforzi per creare varietà che producano di più e siano più resistenti e adattabili al clima hanno portato a colture che crescono maggiormente e più in fretta, ma la loro capacità di produrre sostanze nutritive non va di pari passo con la loro rapidità di accrescimento".

Anche la Organic Consumers Association conferma questo dato e si chiede se la situazione non possa portare a un aumento delle malattie croniche. E' molto raro trovare dei coltivatori che usino tecniche tradizionali senza impoverire il suolo con sostanze chimiche. 

Nonostante sia sempre più difficile trovare terreni di buona qualità, non significa però che dobbiamo rinunciare ai prodotti vegetali. David spiega infatti che "frutta e verdura sono comunque molto ricchi di sostanze nutritive e fitochimiche, e quindi restano molto importanti".

Fonte: therawfoodworld.com

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto