Australia: aumento significativo per le importazioni di ortaggi provenienti dall'Europa

I nuovi dati forniti dall'Ufficio Statistico australiano rivelano che le importazioni nel continente di ortaggi provenienti dalle nazioni europee sono aumentate significativamente. Dalla campagna 2007/08, le importazioni da Italia, Paesi Bassi, Belgio, Spagna e Francia sono aumentate, complessivamente, di un sorprendente +289%, per un valore di 45 milioni di dollari.

Le importazioni di ortaggi dal Belgio sono quelle che hanno mostrato l'aumento maggiore in termini percentuali, cioè quasi il 100%, per un valore di 10 milioni di dollari dalla stagione 2007/08, mentre le importazioni dai Paesi Bassi sono cresciute maggiormente in termini di valore con 21 milioni di dollari (o l'82% in più).

La maggior parte delle importazioni di ortaggi provenienti dall'Europa viene trasformata o surgelata; include pomodori in scatola e concentrato di pomodoro dall'Italia, patate pronte all'uso (per esempio patatine fritte) da Paesi Bassi e Belgio e ortaggi in scatola dalla Spagna.

"L'incremento delle importazioni di ortaggi dalle nazioni europee non è cosa inaspettata per il settore orticolo australiano, in particolare visto il livello di supporto finanziario che questi paesi ricevono dalla Politica Agricola Comune" ha riferito Andrew White, manager per lo sviluppo industriale e delle comunicazioni per AUSVEG.

In base ai dati della Commissione Europea, la spesa PAC ha totalizzato 58 miliardi di euro nel 2011, rappresentando il 43% del budget annuale dell'Unione Europea. Concentrandoci su uno dei tre elementi di supporto agli agricoltori, i pagamenti diretti agli ortofrutticoltori in Italia hanno totalizzato 247 milioni di euro; in Spagna il valore è stato di 224 milioni di euro, nei Paesi Bassi parliamo di 102 milioni di euro, Francia e Belgio hanno ricevuto rispettivamente 100 e 55 milioni di euro. Nel 2011, le spese PAC combinate (per tutti gli elementi) di queste cinque nazioni hanno totalizzato circa 25 miliardi di euro.

"Questo tipo di supporto ai coltivatori crea un campo di confronto non equo e rende i produttori australiani meno competitivi. Questo tipo di misure di supporto, insieme agli elevati costi operativi presenti in Australia, ha già contribuito in parte alla rovina dell'industria australiana delle verdure trasformate", ha riferito White.

Le grandi società di trasformazione di ortaggi come McCain Foods e Heinz hanno spostato gli impianti di produzione dall'Australia alla Nuova Zelanda, rispettivamente nel 2010 e 2011. "Le esportazioni australiane di ortaggi surgelati sono crollate del 35% dalla stagione 2009/10" ha riferito White.

Traduzione FreshPlaza Italia. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto