Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Bologna: sequestrati 650 kg di pistacchi iraniani contaminati

L'azienda Usl di Bologna ha sequestrato 650 chilogrammi di pistacchi di provenienza iraniana perché risultati positivi ai controlli sulla presenza di sostanze contaminanti. I controlli, effettuati dagli operatori del dipartimento di sanità pubblica dell'Ausl distaccati presso il CAAB (Centro Agro Alimentare di Bologna), hanno riscontrato un valore quasi 100 volte superiore al limite di legge previsto per le aflatossine del gruppo B, sostanza contaminante classificata come potenzialmente cancerogena dall'Agenzia internazionale per la ricerca contro il cancro.

"Oltre a procedere al sequestro, i tecnici del dipartimento sanità pubblica hanno informato l'autorità giudiziaria - si legge in una nota - e attivato le procedure di allerta europee che prevedono il recupero del prodotto già in distribuzione presso grossisti, negozi al dettaglio e l'individuazione di tutta la filiera distributiva dal momento dell'ingresso in Italia".

Le aflatossine sono un gruppo particolare di contaminanti ambientali che possono svilupparsi sia nei campi di coltivazione sia, successivamente, nelle fasi di trasporto e trasformazione del prodotto. Queste sostanze - informa la nota Ausl - agiscono sul fegato come un potente agente cancerogeno e mutageno (sono in grado, cioè, di provocare mutazione del Dna).

Il dipartimento di sanità pubblica dell'Azienda Usl di Bologna esegue ogni anno oltre 1.600 campioni di alimenti. Nel corso del 2010 sono state riscontrate irregolarità nello 0,4% dei campioni analizzati. Nel 2010, inoltre, il dipartimento ha effettuato oltre 6.000 controlli di vigilanza che hanno interessato 3.039 strutture di produzione, commercializzazione e vendita di alimenti. In 806 di queste, pari al 26%, sono state riscontrare irregolarità normative che hanno originato 775 prescrizioni, 93 sanzioni amministrative e 10 comunicazioni all'autorità giudiziaria. In 27 casi si è resa necessaria la temporanea sospensione dell'attività. 

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto