Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Kiwi giallo e batteriosi: siamo alla fine di un’era?

Era il frutto glamour del settore neozelandese del kiwi, rinomato per la favolosa polpa dorata, il gusto dolce, il vantaggio nutrizionale e il rendimento per i coltivatori, ma adesso, dopo quasi 20 anni dal suo debutto, la varietà di kiwi denominata Hort16A o Zespri Gold sembra essere destinata a scomparire dalle nostre tavole.

Kiwifruit Vine Health, l’organizzazione neozelandese incaricata di assistere il settore nella lotta contro la Psa-V (batteriosi virulenta) che sta sterminando i frutteti di kiwi, riferisce che è quasi sicuro che Hort16A non ha futuro in un ambiente contaminato dalla batteriosi virulenta e che questa cultivar alla fine dovrà essere sostituita.

Se fosse davvero questo il caso, sarebbe la fine di un'entusiasmante era per l’industria del kiwi neozelandese che era riuscita ad immettere sul mercato mondiale uno dei pochi frutti innovativi del ventesimo secolo.

Il frutto dalla polpa dorata è stato creato naturalmente alla fine degli anni '70 dagli scienziati dell'allora HortResearch (ora conosciuta come Plant and Food) nel frutteto di sperimentazione di Te Puke, usando semi importati dalla Cina. Hort16A è il risultato di un incrocio tra una pianta femmina che produceva frutti dalla polpa gialla e una cultivar maschile conosciuta per i suoi frutti grandi e succosi.

Il frutto è stato commercializzato con il brand Zespri Gold ed ha trovato riscontri positivi specialmente in Asia e in Giappone dove, grazie al sapore più dolce, è stato preferito al cugino dalla polpa verde.

Il frutto è stato talmente redditizio che molti frutteti sono stati convertiti nella nuova varietà e Hort16A è stato piantato in interi nuovi appezzamenti di terreno, specialmente a Te Puke.

Con l’uscita di scena di Hort16A, l’industria neozelandese e Zespri in particolare cercheranno un modo per promuovere e migliorare il rendimento dei coltivatori della variante dalla polpa verde e far sì che l’industria possa rimanere a galla fino a che non venga trovata una soluzione per la Psa.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto