Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Le valutazioni della direzione operativa di Legacoop Agroalimentare sulla comunicazione del commissario Ciolos sulla nuova Pac

Una valutazione dettagliata, settore per settore, della nuova Pac, la Politica agricola comunitaria, e alcune proposte che guardano al futuro: la direzione operativa di Legacoop Agroalimentare, riunita a Bologna, ha espresso le proprie valutazioni sulla comunicazione del Commissario europeo Dacian Ciolos e fissato un percorso di lavoro per i mesi a venire.

"Ci muoveremo ancora in sintonia con le altre centrali cooperative, cercando un’intesa anche con le organizzazioni professionali agricole – ha sottolineato il presidente dell’associazione, Giovanni Luppi – Ora, tuttavia, si tratta di mettere a fuoco quali potrebbero essere le conseguenze delle linee d’azione prospettate dalla Commissione comparto per comparto".

A mettere in allarme le cooperative italiane è la possibilità che gli aiuti diretti vengano distribuiti secondo un meccanismo che premia chi possiede più ettari di terreno, senza valutare cosa e come produca.

"Così si risponderebbe soprattutto a una esigenza, che riconosciamo, dei nuovi Stati membri e delle zone disagiate – ha osservato il direttore di Legacoop Agroalimentare, Giuseppe Piscopo – Ma non siamo d’accordo sul fatto che venga penalizzato l’agroalimentare di eccellenza, capace di competere anche sui mercati internazionali".

Al parametro "ettari" ne andrebbero dunque affiancati altri come, per esempio, l’intensità di impiego di manodopera, il rispetto di normative più stringenti in tema di tutela ambientale e di benessere animale, oppure la produzione di alimenti che hanno ottenuto i riconoscimenti di qualità europei.

"Inoltre – ha aggiunto Cristian Maretti, direttore del distretto Nord Italia – occorre che la nuova Pac elevi la quota di fatturato al di sopra della quale le imprese non possono ottenere finanziamenti per gli investimenti: sono quote stabilite molti anni fa, che non tengono conto dello sviluppo di aziende le quali, per dimensioni e qualità, oggi sono player importanti nel mercato globale. Se l’Europa rinuncia a sostenerle, rischiamo di arrivare stremati ad appuntamenti decisivi con la domanda mondiale".
Preoccupazioni e suggerimenti sono stati espressi anche dai responsabili dei diversi settori, dal vitivinicolo all'ortofrutticolo, dal lattiero-caseario allo zootecnico.

"Il percorso verso la nuova Pac è ancora lungo, ma presto metteremo a disposizione delle altre associazioni, del ministro Galan e del Commissario europeo le nostre proposte sulle quali – ha ricordato in conclusione Piscopo – stiamo cercando convergenze importanti anche con i colleghi di Spagna e Francia".

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto