Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Dall'orto un pronto soccorso per i piccoli grandi inconvenienti dell'estate

Non si tratta di un ricettario e nemmeno di una pozione magica, ma più semplicemente di "una sorta di valigetta di pronto soccorso che si può definire "orto-soccorso" da portare in vacanza, soprattutto quando la farmacia è lontana o chiusa nelle vicinanze" come consiglia Fabio Firenzuoli, direttore del Centro di medicina naturale dell'ospedale di Empoli.

Si sa che d’estate le vacanze si possono trascorrere al mare, in montagna, in campagna e che dovunque si fanno incontri ravvicinati non solo con il caldo sole e da qui le scottature, ma anche con ben più fastidiosi insetti, pesci che pungono, meduse e allora è forse quanto mai utile sapere bene cosa fare di fronte a questi piccoli inconvenienti e quanto possono essere d’aiuto gli alimenti dell’orto e non solo.

La cipolla, per esempio, non serve solo per il soffritto, ma anche quale rimedio immediato per le punture d'insetti, incluse vespe, api e tafani: basta una fettina sottile sulla parte colpita per dare un effetto sia di sedazione che antidolorifico. Si può passare poi anche alla menta, riducendo una foglia in poltiglia da strofinare sulla pelle, quando il dolore e il gonfiore sono più forti.

Va comunque ricordato che, in assenza di questi due ottimi rimedi naturali, anche il semplice freddo è molto d'aiuto per lenire gonfiore e dolore e se manca anche il classico cubetto di ghiaccio, va bene qualsiasi altra cosa si trovi nel frigo, dai ghiaccioli al gelato fino alla polpa di un frutto, come quella del melone, che è anche un ottimo rimedio per le scottature.

Dal freddo al caldo per gli animali del mare: la maggior parte dei veleni dei pesci è termolabile e per questo l’eventuale incontro, per esempio, di un piede su una tracina, in mancanza d’altro nella borsa o su una spiaggia deserta, si può risolvere camminando nella sabbia calda, che aiuta a lenire gli effetti del veleno in attesa degli oli essenziali che sono un toccasana in generale, ma sono davvero eccellenti analgesici naturali come l’olio di canfora o quello di menta, ottimo perfino contro il mal di testa per massaggi sulle tempie.

Caldo acido invece o la semplice acqua di mare stessa se si viene sfiorati da una medusa, a parte quelle velenose che causano delle vere e proprie ustioni chimiche sulla pelle e vanno curate da un medico: l’importante è non grattare mai la parte toccata per non allargare il campo alle cellule urticanti. Un buon rimedio da tenere a portata di mano può essere un gel di aloe, o anche una foglia di questa pianta succulenta, aperta e passata delicatamente sull'arrossamento.

Passando all’orto semplice di casa, sempre ottimo per la cucina, è bene sapere che la salvia è un antibatterico naturale efficacissimo sia per ulcerazioni nella bocca, ma anche per mal di gola e tonsilliti, mentre il rosmarino ha un effetto rapido quando si mangia troppo oppure quando rimane qualcosa sullo stomaco: basta preparare un decotto, che risulta anche gradevole di sapore.

Il sedano infine ha davvero mille qualità: innanzitutto è un cicatrizzante importante che agisce anche rapidamente, però può anche essere frullato ed applicato in loco ed a questo punto è un eccellente rimedio contro arrossamenti, ulcerazioni, piccole ferite, mentre in decotto è perfino un antico rimedio per i geloni. Per non parlare poi dell’insospettabile foglia del cavolo: cruda, ridotta in poltiglia e applicata come impacco, aiuta a ridurre gli edemi ed è un buon antinfiammatorio in tutti i casi di stiramenti, dolori articolari ed infiammazioni degli arti in generale.

Fabio Firenzuoli suggerisce anche una ricetta naturale per la diarrea del viaggiatore con il : "Mettere le foglie di té a freddo nell'acqua e portare ad ebollizione per un minuto. Aggiungere un chiodo di garofano e corteccia di cannella e lasciare mezz'ora in infusione. Anche per la camomilla, utile contro la gastrite, è fondamentale mettere sempre i fiori nell'acqua a freddo per meglio trarne le qualità benefiche. Un infuso di fiori di ibisco, noto anche come karkadé, è invece un buon rimedio contro l'ipertensione e lo stress da viaggio. Scegliere però solo i fiori rossi o di altro colore scuro ricchi di antiocianine: sono loro che fanno bene".

Ultimo prezioso consiglio del dottore riguarda la propoli: "Non dovrebbe mai mancare nella valigetta dell'"orto-soccorso", in tintura da applicare come disinfettante e antibatterico naturale là dove ve ne sia bisogno e magari anche sull'erpes che vi è tornato sulle labbra per le fatiche della villeggiatura".

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto