Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Dopo hanno recuperato

A maggio, i prezzi dei pomodori hanno registrato il calo maggiore nei Paesi Bassi

Come previsto, a maggio, i prezzi dei pomodori hanno continuato a scendere. Tuttavia, rimangono ancora sopra la media. Nei Paesi Bassi, i prezzi sono diminuiti più della media. In Spagna, invece, sono leggermente diminuiti. Un nuovo aggiornamento del dashboard sui pomodori della Commissione europea mostra che, in entrambi i Paesi, un chilogrammo di pomodori ha prodotto meno della media europea.

In un precedente aggiornamento del dashboard, ci si chiedeva cosa sarebbe successo ai prezzi dei pomodori, una volta che la produzione dei raccolti tardivi avesse iniziato ad accumularsi. A giudicare dal dashboard, il prezzo al chilogrammo è più alto di quasi il 50%.


Clicca qui per ingrandire l'immagine.

Questo, a metà giugno, non è ancora successo. Osservare i prezzi alle aste belghe è sempre un riferimento importante. Dopo un forte calo della quotazione nella settimana 17, il prezzo ha recuperato. Da allora, è ancora ben al di sopra della media quinquennale di circa 0,50 euro/kg.


Dati VBT, dalla pagina sui dati agricoli del Dipartimento fiammingo dell'agricoltura e della pesca.

Inoltre, sui mercati all'ingrosso tedeschi, il prezzo è ben al di sopra della media quinquennale, secondo il rapporto di mercato BLE. Intorno alle settimane 17 e 18, si nota un calo delle quotazioni, ma seguito da un recupero. Nel caso dei pomodori tedeschi, i prezzi, dopo essersi leggermente avvicinati alla media quinquennale di maggio, a giugno sono addirittura risaliti.


Prezzo medio al chilo per i pomodori a grappolo in Germania. Grafico del rapporto di mercato BLE.

Sui mercati all'ingrosso, i pomodori a grappolo dei Paesi Bassi e del Belgio differiscono di poco, in termini di prezzo. Il prodotto tedesco è pagato molto di più ma ha registrato una quota di mercato di solo il 5,1% nella settimana 24, rispetto al 41,6% in Belgio e al 52,6% nei Paesi Bassi. Anche per i pomodori ciliegino, i prezzi nella settimana 24 sono stati superiori alla media quinquennale. Con il 53,6%, i Paesi Bassi hanno registrato di gran lunga la quota maggiore di mercato nella settimana 24, seguiti dal Belgio con il 20,5% e dall'Italia, al terzo posto, con il 14,3%.


Quote di mercato dei pomodori a grappolo sul mercato all'ingrosso tedesco nella settimana 24. Diagramma del rapporto di mercato BLE.

I prezzi dei pomodori, sebbene ancora su livelli elevati, a maggio sono scesi. I dati europei di un rapporto di mercato del 16 giugno mostrano in dettaglio che questo è il caso dei pomodori ciliegino, in tutti i Paesi citati. Con un calo dei prezzi del 57% rispetto ad aprile, quello nei Paesi Bassi è il più deciso. Questo calo è più del doppio del calo di quello del 25% registrato nell'Unione Europea nel suo insieme. Un chilogrammo di pomodori ciliegino olandesi ha raggiunto un prezzo medio di 1,26 euro.


Clicca qui per ingrandire l'immagine.

Il prezzo dei pomodori a grappolo è sceso in media del 39% in tutta l'Unione europea. I Paesi Bassi hanno registrato un calo del 59%. Il prezzo medio di 1,85 euro/kg si è ridotto di oltre 1 euro, a 0,76 euro. Con 0,71 euro, il prezzo è più basso solo in Spagna. In termini percentuali, i prezzi sono diminuiti del 53%, mentre in Belgio sono diminuiti del 54%. In questi casi, un chilogrammo rende 0,94 euro.


Clicca qui per ingrandire l'immagine.

Ancora più forte è il calo del prezzo medio dei pomodori tondi sfusi olandesi, con il 61%. Anche per questa varietà si sono distinti i Paesi Bassi, rispetto al calo medio del 30% nell'Unione europea, ma anche rispetto, ad esempio, al Belgio (-49%).


Clicca qui per ingrandire l'immagine.


Clicca qui per ingrandire l'immagine.

L'estate è ancora incerta
Il fatto che il mercato del pomodoro abbia trovato rapidamente un nuovo equilibrio, dopo il calo dei prezzi di inizio maggio, non esclude che possa ancora essere un'estate difficile. È ancora possibile un aumento della produzione di pomodori, come descritto in un recente rapporto del WUR. Tanto più che, durante l'estate, arrivano sul mercato anche i pomodori provenienti da Paesi con serre meno high-tech. Inoltre, anche il meteo gioca un ruolo nei consumi. E poi c'è l'inflazione, che colpisce le tasche dei consumatori. Anche questo può avere un impatto.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto