L'Associazione dei produttori di frutta e verdura della Val Venosta lancia "VIP Academy"

La solidità di un'organizzazione emerge nei momenti più difficili

"Ci siamo da sempre preparati per affrontare un mercato in continua evoluzione. Oggi la situazione generale è davvero incerta, a causa delle gravi tensioni internazionali, dei forti disagi nel settore della logistica, dell'esplosione dei costi e della volatilità dei mercati (vedi news correlata). Ma siamo certi di superare questo momento difficile e uscirne rafforzati. Ogni azienda deve ritrovare il proprio solido spazio in questo nuovo e difficile contesto, e noi siamo pronti".

Così Martin Pinzger (nella foto sotto), direttore generale di VIP, l’Associazione dei produttori ortofrutticoli della Val Venosta, una realtà leader di settore in Europa grazie alla qualità e alla varietà dell’assortimento, al ruolo che si è conquistata nella produzione biologica, alle tecnologie e ai servizi d'avanguardia offerti ai partner della distribuzione.

VIP significa tante cose: 1.600 frutticoltori appassionati ed esperti, una produzione che sfiora complessivamente le 340mila tonnellate di mele, un territorio omogeneo che esprime le caratteristiche ambientali del contesto delle Alpi. La Val Venosta è quindi considerata a buon diritto in Europa il Paradiso delle Mele.

"Ogni azienda di successo - sottolinea Pinzger - produce rispondendo alle necessità del proprio mercato di riferimento, e da decenni il nostro Consorzio con le sue cooperative e i suoi coltivatori opera con un unico obiettivo: proporre al proprio target i giusti prodotti. Abbiamo la giusta posizione geografica rispetto al contesto europeo, un mercato di oltre 500 milioni di consumatori raggiungibili con logistica su strada in tempi gestibili. Le mele della Val Venosta diventano pertanto 'di prossimità' rispetto alla concorrenza dall'oltremare, che subisce le conseguenze di prezzi della logistica alle stelle e difficoltà di gestione dei flussi commerciali globali".

Ma non c’è solo il vantaggio logistico. "VIP dispone del giusto assortimento per il futuro, tra varietà tradizionali per i mercati classici e quelle innovative/club per i consumatori premium più esigenti - afferma Pinzger - A questo si aggiunge l'accesso a programmi di ricerca globali per nuove mele buone, resistenti alle fitopatologie, sostenibili, adatte al cambiamento climatico".

Confermata la leadership nel biologico a livello europeo (vedi news correlata). "Oggi siamo all'avanguardia rispetto agli obiettivi della strategia europea del Green Deal e della Farm to Fork". Non dimentichiamo che VIP ha scoperto la sostenibilità quando ancora nessuno ne parlava. Da 20 anni l'Associazione collabora con gli apicoltori. Per un terzo dell’intera produzione non vengono utilizzati diserbanti e questo riguarda anche una parte della lotta integrata; nei prossimi anni sono inoltre in programma ulteriori misure operative per la salvaguardia globale della biodiversità nei frutteti della Val Venosta.

Infine, ma non meno importante, VIP è leader tecnologico grazie ai forti investimenti effettuati negli ultimi decenni e ha un continuo sguardo innovativo verso la ricerca e sviluppo nella lavorazione e nella gestione della qualità del prodotto. Parimenti a ciò ha sviluppato servizi di grande efficienza rivolti ai partner della distribuzione, da vero First Class Apple Partner.

La nuova app VIP Academy
"Dopo l'iniziativa TrovaMela e il progetto category per il consumatore La Saporeria, abbiamo deciso di focalizzarci sui reparti ortofrutta principalmente della Distribuzione organizzata e della Grande distribuzione organizzata. E lo facciamo con la nostra innovativa app di formazione VIP Academy, con la quale intendiamo trasmettere importanti conoscenze sulle mele e sull'area di coltivazione della Val Venosta al personale specializzato dei reparti ortofrutta. Sarà online nei prossimi giorni", spiega Benjamin Laimer (nella foto a lato), responsabile marketing di VIP.

L'applicazione VIP Academy è un corso di formazione online auto-guidato per i venditori di mele nei negozi al dettaglio. È suddiviso in cinque aree tematiche e trasmette su: informazioni sulle singole  varietà, il percorso di una mela, i valori del "Paradiso delle Mele" della Val Venosta, i metodi di coltivazione (lotta integrata e bio) e la perfetta presentazione della mela sul punto vendita. La ricchezza di informazioni è presentata per mezzo di video, immagini e testi di facile comprensione. Dieci domande a scelta multipla su ogni argomento aiutano l'utente dell'applicazione a testare le conoscenze appena acquisite. L'iniziativa è collegata a un concorso. Con ogni risposta corretta, infatti, l'utente riceve un punto, e con un numero sufficiente di punti, riceve un premio (clicca qui per un video).

Nell'area tematica "La presentazione della mela perfetta", il venditore al dettaglio è anche incoraggiato a mettere in pratica ciò che ha imparato sulle caratteristiche del prodotto. Per ogni foto caricata che documenta una presentazione attraente del prodotto, l'utente riceve fino a 10 punti. Si possono presentare fino a cinque foto diverse. I punti raccolti dalle domande e dalle foto vengono poi sommati e con l'aiuto di 3 livelli di punti, l'utente riceve il premio corrispettivo. Se le domande a risposta multipla vengono gestite automaticamente dal sistema, le foto della messa in opera sul punto vendita viene giudicata dal personale interno di VIP. 

"La nuova app di formazione di VIP supporta i dipendenti dei reparti ortofrutta a diventare dei veri intenditori di mele e ad essere in grado di comunicare abilmente i valori delle mele della Val Venosta agli amanti di queste pomacee. Il concetto base è trasmettere emozione. Se la formazione raggiunge questo obiettivo, tutto è stato fatto nel modo corretto - continua Laimer - Queste persone sono in contatto e scambio quotidiano con i consumatori. Sono un importante portavoce di VIP, raccontano ai consumatori i nostri valori. Questa app innovativa permette di formare un numero illimitato di persone e può trasformarle in entusiasti sostenitori dei nostri prodotti della Val Venosta". 

Riguardo alla possibilità e alla fattibilità di implementare una app simile anche per il comparto all'ingrosso o canali specializzati, Laimer non esclude che un qualcosa di più specifico e tecnico possa essere adattato.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto