Georgi Bourdjanadze, Geobas:

"Il sapore insolito dei kaki dell'Azerbaigian è dovuto al particolare clima"

L’azienda d’importazione/esportazione Geobas vuole conquistare i mercati olandesi ed europei con i kaki essiccati e semi-essiccati dell'Azerbaigian. "I kaki sono frutti belli e salutari che, fino a poco tempo fa, non erano molto conosciuti nei Paesi Bassi", afferma Georgi Bourdjanadze.

"I nostri kaki dell'Azerbaigian hanno un sapore particolarmente unico. Nei Paesi Bassi, e ora anche in Germania e Belgio, le persone cominciano gradualmente a familiarizzare con questo frutto. Attraverso un processo di essiccazione lungo tre o quattro giorni, si estrae molto lentamente una certa percentuale di umidità dai kaki, preservandone così tutti i minerali e le vitamine. In questo modo si ottiene uno spuntino sano, economico, e senza zuccheri aggiunti".

Grande opportunità
Nel 2006, l’azienda olandese ha iniziato ad esportare i suoi prodotti in Paesi come Georgia, Armenia e Azerbaigian. "Abbiamo costruito rapporti commerciali solidi e sostenibili in nove Paesi dell'Asia centrale. Ma, nel 2016, le cose si sono complicate perché i prezzi del petrolio sono crollati e, con essi, l'intera economia. È stato allora che abbiamo deciso di puntare sulla stabilità e ci siamo concentrati sulle importazioni prima nei Paesi Bassi, poi nel resto d'Europa", spiega Georgi.

Attraverso i suoi rapporti commerciali, la Geobas ha stabilito un contatto con l'Università di Wageningen. "Hanno studiato la frutta e verdura azerbaigiana per otto mesi e hanno scoperto che avevamo tra le mani una fantastica opportunità. L'Azerbaigian è il quarto produttore mondiale di kaki ma, per molto tempo, solo il 30% era destinato ai retailer russi. Il restante 70% marciva sugli alberi".

"Abbiamo capito che avevamo a disposizione qualcosa di eccezionale e abbiamo deciso di metterci in gioco. Cinque anni fa, abbiamo fatto costruire un nuovo impianto nella regione del Balakan, dotandolo di tutte le necessarie attrezzature moderne e automatizzate, e tecnologicamente avanzate. Il clima unico di questo Paese consente di avere un kaki speciale che trasformiamo nel nostro impianto, grazie al nostro team di 150 persone", continua Georgi.

Geobas collabora con i coltivatori di questo Paese dell'Asia centrale. "Non ci sono cooperative che organizzano tutto. I coltivatori fanno tutto da soli. Noi collaboriamo investendo denaro e materiali nelle loro attività, in modo che possano garantirci volumi stabili e di qualità".

"Ad esempio, siamo passati da 200 tonnellate di produzione a 500, e vogliamo aumentarle a 1.500 l'anno prossimo. Anche i coltivatori ne sono sempre più convinti. Loro si concentrano sulla coltivazione e noi ci occupiamo di tutto il resto, dalla trasformazione alla logistica. È vantaggioso per tutti", spiega Bourdjanadze.

Varietà Hachiya
Attualmente, la maggior parte dei kaki inviati nei Paesi Bassi proviene dalla Spagna. Tuttavia, Georgi dice che la Geobas si distingue perché, insieme alle varietà Fuyu e Hyakume, produce soprattutto la varietà giapponese Hachiya.

"In Spagna coltivano soprattutto la varietà Rojo Brillante. Il clima del Paese non consente di coltivare la varietà Hachiya, che ha un sapore e una struttura completamente diversi".

"Lasciamo sempre che i nostri clienti provino il prodotto prima, in modo che farlo assaggiare ai loro clienti. Finora non abbiamo ricevuto feedback negativi. Inoltre, nel 2018, abbiamo vinto il premio per l'innovazione alla fiera francese SIAL. E quando i francesi ti apprezzano in ambito culinario, sai di avere un prodotto valido", dice Georgi.

L'azienda vendeva la maggior parte dei suoi kaki al canale Horeca. Tuttavia, quando è scoppiata la pandemia, hanno deciso di ampliare i propri orizzonti. "Siamo dovuti passare a canali come mercati (settimanali), negozi specializzati e al settore della gastronomia".

"Ora forniamo quasi tutti i venditori olandesi di frutta e frutta a guscio. Abbiamo anche stabilito un ottimo contatto con la Aartsen Fruit che ci ha aiutato in ambiti che non conoscevamo abbastanza, come la distribuzione", continua Georgi.

I prodotti della Geobas stanno diventando sempre più popolari anche in Germania e Belgio. "Dopo aver partecipato al Fruit Logistica e alla fiera Anuga, anche i consumatori tedeschi hanno iniziato ad apprezzare il nostro prodotto. Ora riforniamo due noti grossisti tedeschi e siamo presenti in diversi mercati all'ingrosso, in tutto il Paese. Stiamo gradualmente diventando l'hub di distribuzione europeo per i kaki azerbaigiani".

L'attuale situazione nell'Europa dell'est non ostacola i trasporti della Geobas. "Abbiamo ricevuto nuove scorte. Utilizziamo due rotte. Una attraversa Russia, Bielorussia, Polonia e Germania verso i Paesi Bassi. L'altra attraversa Georgia, Turchia e Bulgaria verso l'Europa occidentale. Cerchiamo di distribuire i rischi, non siamo mai completamente dipendenti da una sola di queste rotte. Il trasporto tra i Paesi vicini funziona senza intoppi perché abbiamo buoni rapporti. I nostri partner conoscono le strade e sanno quando è possibile muoversi e quando, invece, è meglio di no", afferma l'importatore.

Mina Shirin
Le melagrane sono un altro dei prodotti di punta di questa azienda. "Il kaki è il nostro primo figlio, ma dieci anni fa abbiamo iniziato a sviluppare una varietà speciale di melagrana: la Mina Shirin. L'Europa ha melagrane sia estremamente dolci che aspre. Il sapore della Mina Shirin è un mix tra questi due sapori e colma una lacuna sul mercato che altre varietà non riescono a fare. La Mina Shirin è stata brevettata e infine riconosciuta e registrata dal governo dell'Azerbaigian come nona varietà ufficiale di melagrana. Trasformiamo questo frutto in succo e in confettura fatta a mano (entrambe senza zuccheri aggiunti), e in gustosa melassa".

L'azienda vorrebbe iniziare a vendere anche kaki freschi. "Attualmente, dal punto di vista del prezzo non possiamo competere con i kaki spagnoli, ad esempio. Tuttavia, il governo azerbaigiano sta iniziando a fornire dei sussidi, sperando che ci permettano di entrare in questo segmento dal prossimo anno. Tuttavia, sono già molto soddisfatto dei risultati raggiunti. È fantastico vedere la fiducia che i nostri partner commerciali hanno in noi. Prevedo un futuro estremamente luminoso, una volta che tutti avranno acquisito familiarità con i nostri frutti. Noi e i nostri partner continueremo a crescere", conclude Georgi.

Per maggiori informazioni:
Georgi Bourdjanadze
Geobas
4 A04 Slagmolen
6229 PP, Maastricht - Paesi Bassi
Tel.: +31 (0) 631 354 849
Email: info@geobas.eu 
Web: www.geobas.eu


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto