Officina Mingozzi di Argenta (Ferrara)

Nuove attrezzature per facilitare la coltivazione dell'asparago

Per una corretta coltivazione dell'asparago, e per risparmiare sulla manodopera, esistono delle macchine apposite di nuova concezione. Officine Mingozzi, specializzata nella produzione di macchine per il trattamento termico con la fiamma (pirodiserbo), ha messo a punto una serie di attrezzature che consentono di migliorare le tecniche di coltivazione di questa specie e, nello stesso tempo, di ridurre il fabbisogno di manodopera. La prima cosa a cui si è voluto dare importanza è stata la preparazione del terreno.

"Tutti i produttori di asparago - dice Luciano Trentini, esperto del settore - sanno che l'asparago non tollera la presenza di ristagni idrici e ha bisogno di importanti quantità di sostanza organica che deve essere correttamente interrata in un terreno areato, fino alla profondità di 70-80 cm. Questa sarà a disposizione delle radici, che forniscono gli elementi nutritivi alla pianta".

Il mescolatore delle Officine Mingozzi è un'attrezzatura appositamente studiata che, per mezzo di elementi rotanti, è in grado di muovere uno strato di terreno per la larghezza di 100 cm, alla profondità di 70-80 cm, senza creare suola di lavorazione, stratificando la sostanza organica precedentemente distribuita sulla fila, su tutto il profilo del terreno. La macchina, del peso di due tonnellate circa, ha una velocità di avanzamento di circa 800-1.200 mt/ora e necessita per il suo avanzamento di un trattore della potenza di 120-140 cv a seconda del tipo di terreno, se sciolto o di medio impasto. Si adatta molto bene per quegli impianti di nuova generazione, dove le file semplici o binate sono posizionate alla distanza di oltre 2,5 metri. Il canale che si crea dopo il passaggio della macchina favorisce l'asparago nel corretto sviluppo del proprio apparato radicale, che può raggiungere i due metri di profondità.

Una volta preparato il terreno, le zampe debbono essere messe a dimora nel periodo primaverile, in presenza di un terreno in tempera, alla profondità di 20-30 cm. La trapiantatrice in oggetto necessita di 4 persone a bordo della macchina: due per preparare il materiale vivaistico e due per porre le zampe negli appositi alloggiamenti e un operatore che conduce il trattore della potenza di 70-80 Hp. Le operazioni che la macchina è in grado di eseguire sono: l'apertura del solco, la posa del tubo per la sub irrigazione, la posa a dimora della zampa in fila semplice o binata, la copertura delle zampe stesse con circa 10-15 cm di terreno.

La macchina è portata dalla trattrice e ha una capacità di lavorazione variabile dalle 3.000 alle 4.000 zampe/ora. Il vantaggio dell'uso della macchina è la omogenea posa a dimora delle zampe alla medesima profondità e il limitato calpestio del suolo, grazie a un solo passaggio. L'irrigazione può essere posizionata anche lungo la fila in superficie.

La lotta alle erbe infestanti è una delle problematiche maggiori che oggi i produttori di asparagi devono affrontare, insieme alla lotta alle malattie fungine. Una delle pratiche consigliate dopo lo sfalcio della vegetazione, l'asportazione della stessa e la sua bruciatura. Obiettivo che si intende raggiungere con questa operazione è l'eliminazione parziale o totale dei patogeni fungini quali Stemfillium e Ruggine, capaci di creare gravi danni all'asparagiaia. La bruciatura dei residui sul terreno garantisce anche un eccellente controllo dei semi di infestanti presenti in superficie al suolo. Per ovviare a questo problema, si possono impiegare le macchine che utilizzano calore prodotto dalla combustione del GPL.

"Le Officine Mingozzi, oggi leader in Europa per questo tipo di applicazioni, hanno messo a punto una serie di macchine come la macchina da pirodiserbo abbinata al trancia-sarmenti, macchinario combinato per effettuare sia la disinfezione e il diserbo sulla fila sia l'intervento di diserbo in fase vegetativa dell'asparago".

Queste tematiche saranno presentate dalle Officine Mingozzi (Ferrara–IT) in collaborazione con Luciano Trentini e Roberto Tomasone (CREA–IT) durante il Convegno Mondiale sull'Asparago organizzato da ISHS Asparagus, che avrà luogo a Cordoba in Spagna dal 12 al 15 giugno 2022.

Per maggiori informazioni
Officine Mingozzi 
Via Val d'Albero, 25/b
44010 Argenta, Ferrara (Italy)
0532 807106
info@pirodiserbo.it 
www.officinemingozzi.it 


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto