Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Focus sul mercato mondiale delle banane

Nonostante la produzione abbondante, i fan delle banane in tutto il mondo potrebbero presto assistere a un incremento dei prezzi, dal momento che il prezzo del popolare frutto è influenzato dall'aumento del costo delle materie prime in tutto il mondo. Nel complesso, comunque, le prospettive per le banane sono buone, dato che il frutto rimane l'articolo più popolare del suo genere in Italia, e l'Australia raggiunge il suo secondo più alto livello di produzione di sempre. Il freddo in Sudafrica ha però causato un calo della produzione per quest'anno, e il ceppo TR4 della malattia di Panama continua a minacciare il futuro delle banane.

Paesi Bassi: un mercato delle banane stabile, ma con preoccupazioni per la carenza di materie prime per il prossimo anno
Nei Paesi Bassi, il mercato delle banane si sta sviluppando in modo stabile attualmente. Secondo un insider dell'industria delle banane, tutto procede in modo piuttosto ordinario. "L'offerta è a un livello normale. Sul mercato libero, i prezzi sono molto stabili. Tuttavia, attualmente tutti sono occupati a redigere il bilancio per il prossimo anno. L'offerta è limitata per molte materie prime, come l'energia, il gas, il trasporto e i pallet, e tutta l'industria dei prodotti freschi, comprese le banane, ne risentirà. Pertanto, per il prossimo anno, prevedo un aumento dei prezzi delle banane".

Germania: estate tranquilla con un leggero vantaggio
Un'azienda della Germania settentrionale offre banane coltivate in modo convenzionale dal Sud America. Secondo il commerciante, l'estate 2021 è stata abbastanza tranquilla, per quanto riguarda l'interesse per le banane, ma rispetto all'anno scorso i prezzi sono leggermente aumentati. L'azienda inizierà la stagione a fine ottobre o inizio novembre 2021 e la concluderà verso febbraio-marzo 2022. I loro prodotti provengono principalmente dalla Colombia, anche se alcune banane provengono dall'Ecuador. Secondo il commerciante, le banane colombiane sono tra le migliori.

A causa dell'aumento dei costi dei container e del trasporto, le tariffe sono un po' aumentate rispetto all'anno scorso, anno in cui i prezzi sono stati estremamente bassi (al di sotto dei 9 euro circa a cartone), a causa delle importazioni a prezzi più bassi dai Paesi Bassi.

L'azienda lavora con un importante partner di importazione ad Amburgo e uno a Berlino, e con due a Brema. La merce viene consegnata tramite pallet o container. In estate ci sono stati problemi di consegna con alcuni prodotti dalla Colombia, che erano probabilmente legati ai disordini in questa nazione, registrati all'inizio dell'anno. Di conseguenza, ci sono stati ritardi di settimane.

La domanda sul mercato tedesco non è così grande rispetto all'anno scorso. Tuttavia, si può notare un leggero vantaggio. Anche se i prezzi sono aumentati per molti prodotti, le banane sono economiche come sempre, dice il commerciante. La sua azienda ha anche offerto banane biologiche per un breve periodo, ma secondo lui non era più redditizio continuare.

Regno Unito: calo dei prezzi delle banane
Questa settimana i prezzi delle banane sui mercati all'ingrosso di Birmingham e Londra sono diminuiti. Il calo maggiore è stato registrato per le banane importate dal Belize, che sono passate da 0,79 sterline al kg a 0,57 sterline, con un calo di 0,22 sterline. Le importazioni dalla Colombia e dalla Costa Rica sono diminuite di 0,07 e 0,08 sterline, rispettivamente a 0,70 (Colombia) e 0,83 sterline (Costa Rica). Da altre fonti come Ecuador e Guatemala i prezzi delle banane sono diminuiti leggermente (0,02 £) con l'offerta da Panama che è rimasta la stessa della settimana scorsa.

Italia: gli acquisti di banane sono quelli più frequenti
Secondo i dati di GfK Consumer Panel, le banane sono la categoria che in assoluto genera più traffico nel punto vendita, considerate non solo le categorie dei freschi (tipologie di ortofrutta, piuttosto che gastronomia, formaggi e salumi), ma anche quelle del confezionato. Nell'arco dell'ultimo anno, le banane hanno infatti realizzato oltre 368 milioni di atti di acquisto da parte delle famiglie Italiane considerando qualsiasi canale di approvvigionamento. Di media, le banane vengono acquistate 17,4 volte/anno (ben più di una volta al mese) contro per esempio 12,1 per le mele, 10,2 per le arance, 8,1 per i limoni. L'acquisto medio è di circa 1 kg per atto d'acquisto, stabile negli ultimi 3 anni. Il trend dei principali indicatori di comportamento di acquisto è stato tuttavia negativo, nell'ultimo anno, anche per via del confronto con un 2020 (primo anno della pandemia) molto alto, in termini di acquisti. Oltre 6,1 milioni di famiglie italiane acquistano banane bio (pari al 23,6% della popolazione famiglie totale), ma il loro tasso di penetrazione è sceso, nel 2021 in confronto al 2020.

Un importante operatore del nord, che importa e matura banane dal Costarica, dice che dopo un mese di agosto molto negativo, e un assestamento a settembre, in questi primi giorni di ottobre il mercato delle banane in Italia sta ritrovando un proprio volto. Le ultime due settimane hanno segnato un rialzo delle quotazioni con 15-16 euro a cartone per il prodotto giallo.

Ma quasi tutto l'aumento viene assorbito dai maggiori costi di logistica e imballaggio. Un imballo di cartone classico, che fino a qualche mese fa costava 1,30 dollari, oggi ne costa 2. Inoltre la logistica ha raggiunto costi da record, senza parlare del rafforzamento del dollaro nei confronti dell'euro che penalizza gli importatori.
 
Secondo l'operatore, nel mese di agosto vi è stata una forte crisi dovuta a un accumulo di frutti e bassi consumi che hanno causato il crollo dei prezzi, l'export verso mercati esteri, e molto prodotto gettato via. Però, dall'inizio del mese di ottobre anche in concomitanza con l'entrata a regime delle scuole, i consumi sono aumentati e divenuti più regolari. Ma in generale è un mercato strano, schizofrenico, che non dà possibilità di programmazione a lungo termine.

Sudafrica: il freddo rallenta la produzione di banane, causando prezzi alti
Le forti piogge di fine estate, seguite da un inverno freddo e da molti giorni di clima nuvoloso, hanno rallentato il tasso di crescita delle banane. Il risultato è stato che attualmente sul mercato ci sono un sacco di banane di medie dimensioni e la stagione ha subito un leggero ritardo.

Le ultime tre settimane, per esempio, sono state fresche, e ciò ha rallentato il raccolto di banane. I prezzi delle banane sono più alti del solito di circa il 10-15% in questo periodo dell'anno, con circa R100 (5,8 euro) - R120 (6,8 euro) sulle medie dimensioni, R150 (8,7 euro) - R160 (9,3 euro) sulle grandi e R180 (10,45 euro) - R200 (11,62 euro) sulle extra large, ma su banane selezionate i prezzi possono arrivare fino a R220 (12,78 euro) per cartone da 18 kg.

Il Mozambico ha superato la produzione di banane del Sudafrica nel 2012 e secondo la FAO, il Mozambico ha prodotto quasi 725.000 tonnellate di banane nel 2019 contro le 405.000 tonnellate del Sudafrica. Il ciclo di produzione è più veloce in Mozambico, i terreni sono privi di fitopatie, il clima è più tropicale con terreni più caldi e i frutti sono più grandi.

La maggior parte delle banane del Mozambico viene esportate verso i dettaglianti e i mercati all'ingrosso sudafricani, e una parte va anche al mercato interno.

Il Mozambico è uscito da una siccità di 7 anni con le ultime piogge adeguate nel 2014; il 2020 è stato il primo anno con piogge buone da allora.

Le piantagioni di banane sudafricane sono state rimosse per far posto ad altre colture come agrumi, avocado e noci di macadamia, mentre ci sono nuove piantagioni di banane in via di costituzione vicino al fiume Nkomati che attraversa il Sudafrica, l'Eswatini e il Mozambico.

Il temuto ceppo TR4 della malattia di Panama è ancora contenuto in aree localizzate nel nord del Mozambico. Nel Mozambico meridionale, dove si coltiva gran parte delle banane sudafricane, le aziende agricole stanno attuando severe misure di biosicurezza.

Cina: prezzi bassi nonostante l'alta qualità
In Cina, questi ultimi mesi sono stati di bassa stagione per la vendita delle banane. L'offerta di banane nelle aree di produzione nazionale è generalmente sufficiente, e il numero di ordini è stato notevolmente ridotto. Anche la domanda del mercato per le specialità di banane è diminuita.

L'offerta nelle aree di produzione della provincia di Guangdong è gradualmente diminuita, e il prezzo di mercato è andato avanti in modo costante e debole. I prezzi mainstream dei prodotti di buona qualità nelle aree di produzione sono per lo più intorno a 1-1,4 yuan/kg (0,13-0,19 euro). Le banane del Guangdong Yangjiang sono nella stagione di picco per il mercato, e le banane Yangjiang stanno sperimentando un buon anno di raccolta. Quest'anno colore, sapore e qualità generale delle banane sono migliorati rispetto agli anni precedenti, con una resa di 8-9 tonnellate per mu (120-135 tonnellate per ettaro). L'attuale prezzo di acquisto sul campo è di 0,8 yuan/kg (0,11 euro), vale a dire quasi tre volte più basso del prezzo degli anni precedenti.

L'offerta di banane dalla zona del Guangxi è gradualmente aumentata, ma recentemente i commercianti non hanno mostrato entusiasmo nell'acquisto, e le transazioni nelle zone di produzione sono diminuite, indebolendo leggermente i prezzi. Il prezzo principale per i prodotti di buona qualità nella zona di produzione di Nanning è di 2-2,5 yuan/kg (0,27-0,33 euro), ma il livello generale dei prezzi continua a essere più alto delle altre zone di produzione.

Attualmente in varie zone di produzione di Hainan le banane sono entrate nella fase di conclusione, e la maggior parte dei bananeti sono stati sgomberati. La qualità delle ultime banane è diversa, e i prezzi nelle zone di produzione sono abbastanza diversi. Il prezzo principale delle banane della zona di produzione di Chengmai è di circa 1,6 yuan/kg (0,21 euro).

Banane del Laos in Cina
Secondo un annuncio emesso il 7 ottobre dalla Commissione sanitaria dello Yunnan, uno spedizioniere transfrontaliero al porto di Zhonglao Mohan è stato confermato come positivo al Covid-19. Molti addetti ai lavori dell'industria delle banane del Laos hanno confermato che l'attuale carico del porto è stato effettivamente chiuso, ed è difficile per le banane del Laos passare alla dogana per il momento. Alcune centri scelgono di conservare i frutti in celle frigorifere, ma il tempo di stoccaggio è limitato.

Banane vietnamite in Cina
In Vietnam alcune delle piantagioni di banane hanno ampliato la superficie dedicata alla piantagione. Il volume complessivo della produzione è cresciuto del 20%-30% rispetto all'anno scorso. In Vietnam la maggior parte delle piantagioni di banane che esporta in Cina è in realtà di proprietà di società cinesi. La produzione avviene principalmente per il mercato cinese e spesso queste piantagioni vendono tutto il loro raccolto in Cina, il che influenza le condizioni del mercato cinese delle banane.

Banane filippine in Cina
Alcune delle piccole piantagioni di banane nelle Filippine non hanno le risorse per far fronte alle difficoltà aggiuntive che si sono create durante la pandemia. Ecco perché la qualità del prodotto delle loro banane sta diminuendo. Molte piantagioni più piccole lottano contro la malattia di Panama. L'esportazione di banane dalle Filippine alla Cina è diminuita di quasi il 30%. Tuttavia, la gestione nelle piantagioni più grandi rimane all'altezza degli standard regolari. Sia il loro volume di produzione che la qualità del prodotto rimangono inalterati. Queste banane sono molto popolari sul mercato cinese.

Banane della Birmania in Cina
I disordini interni in Birmania influenzano le esportazioni di banane del paese. Se a questa situazione si aggiunge la pandemia e il suo impatto sul trasporto via terra, si può notare che l'export di banane dalla Birmania verso la Cina è notevolmente diminuito.

Banane sudamericane in Cina
Il volume delle esportazioni di banane sudamericane verso la Cina è diminuito di quasi il 60% a causa della pandemia Covid-19. Il Sud America è molto lontano dalla Cina e la distribuzione è difficile. Se si aggiunge la vicinanza del sud-est asiatico al mercato cinese, è facile capire perché la posizione delle banane sudamericane si è indebolita. C'è ancora una fornitura costante di alcuni container per settimana che arrivano a Dalian, nel nord della Cina, ma la maggior parte delle aziende ha temporaneamente interrotto l'importazione di banane dal Sud America.

Nord America: le banane biologiche e socialmente responsabili sono sempre più popolari
Le forniture di banane biologiche si stanno avvicinando alla fine del picco di produzione dell'anno.

"Mentre all'inizio dell'anno l'offerta è stata interessata da una serie di tempeste, oggi l'offerta è proprio dove ci si può aspettare", dice un coltivatore-spedizioniere di prodotti biologici, che aggiunge che le forniture sono simili a quelle dell'anno scorso in questo periodo.

Le sue principali operazioni di coltivazione si trovano a Colima, in Messico, insieme a una rete di agricoltori sia in Messico che in Ecuador. Tuttavia, il prodotto concorrente arriva anche dal Perù. Il coltivatore-spedizioniere nota che il Messico sta espandendo il suo ruolo nella categoria delle banane biologiche. "L'industria delle banane biologiche in Messico ha fornito più di sette milioni di cartoni di banane agli Stati Uniti negli ultimi 12 mesi - afferma - Recentemente il Messico è diventato la seconda fonte di banane biologiche per l'America, subito dopo l'Ecuador". L'azienda aggiunge che con questo tasso di crescita, nei prossimi anni il Messico potrebbe diventare la più grande fonte di banane biologiche per gli Stati Uniti.

Nel frattempo, per le banane biologiche la domanda continua ad aumentare a livello globale, ma in particolare negli Stati Uniti, in Canada e in Asia. "Non ci aspettiamo un rallentamento nel consumo di prodotti biologici, per il momento, dato che i numeri mostrano una crescita e una penetrazione di mercato consistenti - continua - Questo ha senso perché il biologico sta diventando la norma. Quasi tutti i rivenditori stanno cercando di offrire prodotti biologici". Ciò che sta diventando sempre più un elemento di differenziazione del prodotto è la responsabilità sociale.

Anche se questa è una buona notizia, ce n'è pure una cattiva, ovvero il fatto che l'aumento dei costi delle banane biologiche costituisce una notevole preoccupazione. "Abbiamo assorbito i costi crescenti per quanto riguarda i prezzi dei contratti. Ma anche i costi complessivi di produzione sono aumentati in modo significativo - dice il coltivatore-spedizioniere - I prezzi dei materiali da imballaggio sono aumentati di quasi il 20%, i sacchetti di plastica sono saliti del 15% e i prezzi dei fertilizzanti sono raddoppiati". Il coltivatore aggiunge anche che il costo del lavoro è aumentato quasi a due cifre.

Mentre queste sono preoccupazioni pressanti, ce ne sono anche altre, tra cui i problemi della catena di approvvigionamento globale (che hanno anche messo sotto pressione i costi della logistica) e i recenti disastri climatici, in particolare gli uragani Dolores e Nora che hanno colpito le aree di produzione e generato perdite di frutta e ulteriori costi imprevisti.

A loro volta, questi costi di produzione più alti su rese inferiori per ettaro si stanno ripercuotendo sui prezzi. "Anche con i prezzi più alti sul mercato spot, i coltivatori non sempre riescono a trarre vantaggio dai prezzi migliori a causa dei prezzi praticati nei contratti. Il prezzo sul campo per le banane biologiche è sceso del 20% negli ultimi anni, anche se i costi dei coltivatori sono aumentati a causa dell'aumento dei costi di manodopera e degli input", dice il coltivatore-spedizioniere. A sua volta, egli incoraggia i rivenditori a sostenere i piccoli coltivatori biologici pagando un prezzo equo.

Australia: la seconda produzione di banane più alta di sempre
L'ultimo anno finanziario è stato un grande successo per l'Australia, con l'industria che ha raggiunto la seconda produzione più alta di sempre nel 2020/21: le 403.000 tonnellate del 2020/21 sono state superate solo nel 2016/17 con 414.000 tonnellate. Sebbene le cifre esatte debbano essere confermate, questi importi forniscono un'approssimazione, ma non tengono conto della frutta che non viene venduta, mentre ci può essere anche un ritardo su alcune vendite di giugno. Il settore bananicolo australiano finanzia, mediante un apposito prelievo fiscale, progetti di ricerca e sviluppo, come la commercializzazione e la gestione della malattia di Panama Tropical Race 4, e per condurre attività che mirano a migliorare la biosicurezza nell'industria delle banane.

Le forti stime di produzione arrivano nonostante le molte difficoltà per l'industria, compresa la carenza di lavoratori che ha colpito il settore orticolo a livello nazionale a causa della chiusura delle frontiere dovuta alla pandemia di Covid-19. L'estremo nord del Queensland ha dovuto anche riprendersi da una grave situazione di maltempo, che ha causato alcuni danni ingenti alle aziende agricole di banane, con un calo di fornitura di ben il 20%, e nemmeno con il problema del TR4 si sta andando da qualche parte. Al Congresso sulle banane, tenutosi all'inizio dell'anno, il membro del consiglio dell'ABCG e coltivatore Paul Inderbitzin ha descritto l'anno passato, dicendo: "Non siamo arrivati alla posizione in cui qualcuno è seriamente a corto di frutta, ma è stata una delle sfide più significative e incredibili che tutti noi abbiamo dovuto affrontare". Attualmente l'industria australiana delle banane non esporta volumi significativi, e l'offerta rimane esclusivamente sul mercato interno.


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Facebook Twitter Linkedin Instagram Rss

© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto