Op Primo Sole fa un bilancio del 2020

Grazie al Dolce Lucano non abbiamo perso l'entusiasmo

Avere in cantiere dei progetti, essere in fase creativa e cominciare a proporre le proprie idee al mercato ha reso meno pesante il difficile periodo della pandemia per la Op Primo Sole di Montescaglioso (Matera, Basilicata), in quest'annata che volge al termine.

"Per noi il 2020 non è stato un anno facile, ma siamo comunque riusciti a concretizzare parte di quello che avevamo pianificato: è stato un periodo ricco di emozioni altalenanti rispetto a un qualsiasi altro anno. Il coronavirus ci ha solo rallentato, senza influire negativamente sul nostro umore" spiega Francesca Appio, responsabile comunicazione e amministrazione della della Op Primo Sole.

La sorella Rosangela, responsabile commerciale della Op, aggiunge: "La pandemia ha permesso di avere una soddisfacente annata dal punto di vista delle vendite. Sul finire della precedente campagna del finocchio, l'accaparramento di merci confezionate nei supermercati aveva spinto anche i consumi del nostro Dolce Lucano, un brand che ha segnato una continua crescita. E' vero anche che c'è stato un avvio in sordina per la nuova stagione del finocchio, nell'ultimo trimestre dell'anno. Il semi-lockdown attuale ha infatti avuto un risvolto diverso dal blocco totale di marzo-maggio".


Rosangela e Francesca Appio.

"E la situazione non è che sia migliorata molto nelle ultime settimane, anche essendo in periodo pre-festivo, sia in Italia che all'estero. Ad ora il mercato è calmo; speriamo che la situazione si riprenda un po' a gennaio-febbraio 2021, con una maggiore propensione all'acquisto" sottolinea Giuseppe Appio, amministratore della Op, che delinea anche le dinamiche di produzione. "Il clima ci è venuto in aiuto in questa campagna produttiva, quindi non abbiamo registrato problemi in fase di coltivazione o raccolta. Qualche difficoltà si è registrata solo per il peperone e nelle prime produzioni di finocchio dei nostri soci calabresi, che hanno subito un'alluvione nelle scorse settimane".

"I primi sei mesi del 2020 sono stati abbastanza soddisfacenti. Con l'arrivo delle produzioni estive, come i meloni, nonostante la qualità ottimale della merce abbiamo assistito a diverse oscillazioni di prezzo. Nella campagna autunnale di finocchi e cavolfiori, la qualità è stata abbastanza buona e si mantiene ancora tale. A preoccupare, al momento, sono però consumi e prezzi di vendita".

Dolce Lucano e le ultime novità
"Il nostro brand - spiega Francesca Appio - si è differenziato dall'andamento registrato sui mercati. Questo per due motivi: il primo è legato al fatto che sin dall'inizio non siamo scesi a compromessi mantenendo il nostro posizionamento dato dal valore del brand, dell'imballo e del prodotto, senza oscillazioni e attestandoci su un prezzo costante; il secondo riguarda il riconoscimento da parte della Grande distribuzione organizzata e del consumatore del valore aggiunto del nostro Dolce Lucano".

Di recente, è stato lanciato anche il bauletto da 2 kg di finocchi a brand Dolce Lucano. "Volevamo partire subito, già durante il lockdown, ma inserire una nuova referenza in un momento di tale caos, è risultato difficile. Per noi, in fin dei conti, è stato anche un bene rallentare un po', in quanto ci ha fornito il tempo necessario ad analizzare le varie componenti. E' così che abbiamo optato per un bauletto in cartone riciclabile al 100%, con una buona tenuta del finocchio bagnato e che non cede in fase di impilaggio".


Il nuovo bauletto da 2 kg di finocchio Dolce Lucano.

Inoltre, grande attenzione è stata dedicata alla stampa digitale e ai messaggi da veicolare. "In ogni bauletto sono infatti presenti ricette random, studiate ad hoc con una food blogger, tutte dedicate al consumo del finocchio crudo. Il nostro pay off è per l'appunto 'gustalo crudo' e stiamo perciò segmentando l'offerta di ricette focalizzandoci su questo. Anche per Natale ci saranno dei nuovi spunti, quindi stay tuned!", continua Francesca Appio.

Coordinatrici per la Basilicata dell'Associazione Nazionale Le Donne dell'Ortofrutta
Lo scorso 15 dicembre, Francesca e Rosangela Appio sono state nominate coordinatrici regionali, per la Basilicata, dell'Associazione Nazionale Le Donne dell'Ortofrutta. "Siamo doppiamente onorate di ricoprire questo ruolo, in quanto siamo entrate nell'Associazione solo un anno fà. Inoltre siamo giovani e più inesperte rispetto ad altre donne che ricoprono ruoli decisionali, con un bagaglio di esperienza più ampio del nostro. Essere parte di questa realtà rappresenta un momento di networking importantissimo. Durante il lockdown, abbiamo tenuto riunioni settimanali, dove ci siamo tenute aggiornate sulle nostre attività e sui modi di comunicare l'ortofrutta in maniera diversa".

"Si parla, ci si confronta e non si mette mai al centro la singola azienda, ma si cerca di trovare le tematiche comuni da analizzare e da cui trarne vantaggi per tutte. E' uno stimolo continuo nell'inseguire obiettivi non solo aziendali ma anche personali, come donne appartenenti al settore ortofrutticolo. Nell'Associazione, infatti, non è rappresentato solo il mondo della produzione, ma l'intero comparto, compreso quello della comunicazione", concludono Francesca e Rosangela Appio.

Contatti
Rosangela Appio
Cell.: +39 3891569876
OP Primo Sole
S.S. 175 km 30,500 sc
75024 Montescaglioso (MT)
Tel./Fax: +39 0835 201993
Email: info@opprimosole.com / op.primosole@pec.it
Facebook: @FinocchioDolceLucano


Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2021

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto