Avvisi





Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

A dichiararlo Franklin Ginus della BeFrank Bananas

Un settore delle banane sostenibile non si limita a un 75 per cento del reddito minimo nel 2025

Intorno a lui, Franklin Ginus della BeFrank Bananas vede diversi player dell'industria delle banane prendere iniziative per ottenere salari minimi per il settore. L'ex direttore di Chiquita, tuttavia, ha i suoi dubbi su come tutto ciò stia accadendo. "Si parla del 75% dei salari minimi nel 2025. E nei prossimi cinque anni?".

Questo è esattamente il motivo per cui Ginus ha lanciato la BeFrank Bananas l'anno scorso, una nuova etichetta per le banane. Il suo obiettivo è contribuire a rendere il mondo onesto e vivibile. Se tutto procederà al meglio, le prime banane BeFrank saranno sugli scaffali dei fruttivendoli olandesi e belgi entro la nona settimana del 2020. "Vogliamo fare le cose in modo molto diverso".

"Vogliamo iniziare una rivoluzione nel mercato delle banane, uno sviluppo di più ampia portata rispetto al solo commercio equo e solidale. Vogliamo lavorare in modo del tutto trasparente. Cosa che solitamente non accade nel settore ortofrutticolo. I nostri prezzi sono del tutto trasparenti. Tutti vedono ciò che paghiamo ai nostri partner di filiera e ciò che il cliente finale risparmia. Inoltre, lavoriamo a un prezzo fisso con tutti", dice Ginus.

"Per noi, quella Fairtrade è una certificazione di base. Pensiamo che tutti abbiano diritto a un salario equo. Ciò non vale solo per i produttori, ma anche ad esempio per i nostri maturatori, importatori o coloro che forniscono la logistica. Ciò rende le nostre banane le prime al mondo a includere il 100% dei costi nascosti. Questo è dimostrato dal prezzo sociale e ambientale".

"Dopotutto, la sostenibilità va ben oltre il semplice prezzo di un prodotto. Si pensi all'inquinamento del suolo o ai rifiuti lungo le strade. Si parla molto del fungo TR-4 della banana: la sua prevenzione è tuttavia ancora carente. Da consumatore, se vuoi entrare in una piantagione di banane, devi attenerti ad alcune regole. Però l'intera piantagione non è recintata. Riteniamo quindi che si debbano adottare molte altre misure preventive", spiega Ginus.

"In Ecuador lavoriamo con piccoli agricoltori che usano microrganismi. Pertanto, forniamo banane standard con tutte le proposte di sostenibilità della BeFrank Bananas. Abbiamo anche disponibile una varietà biologica. I clienti che prendono la scelgono, hanno un prodotto davvero distintivo".

A partire dalla fine di febbraio, i primi negozi specializzati inizieranno a vendere le prime banane europee BeFrank attraverso i grossisti Gebrs van Aarle, Postuma AGF e Willem Dijk AGF. "Queste aziende hanno il coraggio di fare la differenza", afferma Ginus.

Non sono ancora stati stipulati contratti con la Grande distribuzione. "Tutti sono super interessati fino a quando non vedono il prezzo. Ecco perché abbiamo bisogno di un rivenditore coraggioso che sappia osare, con banane che dovrebbero costare 2,49 euro/kg. Avremo quindi la possibilità di rendere la filiera delle banane davvero più sostenibile".

"Le banane BeFrank non sono costose. Altre sono semplicemente troppo economiche. Dopo tutto, non è così difficile assumersi la responsabilità e fare una scelta che vada oltre. La vera sostenibilità si raggiunge solo collaborando. Quindi, eroi dell'Europa e del mondo fatevi avanti!", conclude il portavoce di BeFrank Bananas.

Per maggiori informazioni:
Email: franklin@befrank.world    


Data di pubblicazione:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


© FreshPlaza.it 2020

Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto