Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Freon: prezzi in salita a causa dell'eliminazione dei liquidi refrigeranti

A causa dei regolamenti europei che limitano sempre più l'uso dei refrigeranti sintetici, il loro prezzo è in forte aumento. I refrigeranti naturali sono un'alternativa, ma non sono nuovi. Frank Boeijen della Van Kempen Koudetechniek ha riferito che la società costruiva già impianti di raffreddamento con ammoniaca negli anni '50 e '60. L'azienda olandese celebra quest'anno il suo 70mo anniversario.



Situata nel cuore della regione olandese della produzione di frutta, non è passato molto tempo prima che i coltivatori bussassero alla porta della Van Kempen per un magazzino refrigerato. Nel 1947 fu fondata la Van Kempen Machine in Apparatenfabriek, che in seguito divenne la Van Kempen Koudetechniek. Tre anni dopo, l'azienda fornì il suo primo impianto di refrigerazione a un frutticoltore. "Nei primi anni avevamo per lo più coltivatori di frutta come clienti - ha dichiarato Frank - Molti di questi sono ancora nostri clienti". Partendo dai frutticoltori, l'azienda cominciò a ricevere richieste attraverso le aste, per impianti di raffreddamento.

Graduale eliminazione
"La Van Kempen ha cominciato ad applicare nuove tecniche e a costruire grandi sistemi - ha continuato Frank - Negli anni '50 e '60, tutte gli impianti di raffreddamento erano costruiti con l'ammoniaca". Questo è tornato di nuovo molto attuale, perché continua l'eliminazione progressiva del freon. "E' iniziato con le normative europee che eliminavano gradualmente l'R12, seguito dall'R22, e ora sono stati eliminati anche l'R404 e l'R507. Dopo il 2020, non potranno più essere costruiti impianti di raffreddamento che utilizzano questi refrigeranti sintetici. Tra il 2020 e il 2030, i sistemi esistenti andranno ricaricati solo con refrigeranti riciclati.

"L'eliminazione graduale del freon continua e ora stiamo assistendo ad un forte aumento dei prezzi di questi gas" ha detto Frank, aggiungendo che non c'è un consiglio per tutte le società. "Se un impianto è abbastanza recente, non lo si dovrebbe cambiare, significherebbe la distruzione del capitale. Quando si amplia o si ripara e l'installazione è già un po' datata, vale la pena considerare di passare ai refrigeranti naturali e non scegliere più il freon".



L'ammoniaca o l'anidride carbonica offrono una garanzia per il futuro
Investire in un impianto con refrigeranti naturali costa di più, ma le aziende possono utilizzare i sussidi EIA. "Si avrebbe quindi un sistema non intaccato da influenze esterne per anni, perché i refrigeranti naturali non saranno eliminati. Questo è il caso dei refrigeranti sintetici, è iniziato con l'R12 e l'R22, e chissà cosa succederà fra dieci anni. "Anche la produzione di questi refrigeranti è limitata, il che si riflette nell'aumento dei prezzi. Siamo convinti che i prezzi dei freon aumenteranno in maniera considerevole nei prossimi anni".

"Abbiamo inviato a tutti i nostri clienti una lettera sulle modifiche dei regolamenti e abbiamo spiegato cosa significano per loro. C'è un po' di agitazione su questa questione - ha spiegato Frank - Abbiamo spiegato che ci aspettiamo che i prezzi dei freon aumentino e avvieremo dei colloqui con i nostri clienti per esaminare separatamente le situazioni di ciascuno, in modo da consigliarli ad hoc".

Un impianto relativamente nuovo a freon può continuare a funzionare per anni, se preventivamente mantenuto in modo corretto. Frank ha notato che in caso di nuovi impianti, si sceglie una soluzione di ammoniaca e anidride carbonica. Questa soluzione va bene per le strutture più grandi e nei locali in cui lavorano molte persone. Questo investimento è per lo più interessante quando si utilizzano da 250 a 300 kW o più.



I guasti si annunciano da soli
Negli ultimi anni, molto è cambiato anche nel campo dell'automazione. All'inizio, la Van Kempen è cresciuta con le aste. Negli anni '80, ha ampliato il suo portfolio con il settore floristico, quello della carne e del pesce. In quegli stessi anni sono stati costruiti i primi impianti di raffreddamento computerizzati. Nei primi anni 2000, l'assortimento si è ampliato ulteriormente con il controllo climatico.

Nel 2012 è stata aperta la sala di controllo o VK Live Center. "Potremo gestire gli impianti per i nostri clienti - ha affermato Frank - Abbiamo costruito molti grandi centri di distribuzione per una grande catena di negozi, a livello nazionale e internazionale, che vuole una gestione degli impianti a distanza. E noi lo facciamo 24 ore al giorno".

Questo accade sempre più spesso. "Molte aziende ci affidano la gestione del loro impianto. Attraverso il software VK Dynamics, può essere controllato a distanza. Abbiamo un pannello nel software che ci consente di controllare con un'occhiata le prestazioni delle singole celle di raffreddamento. Diciamo sempre: ogni guasto si annuncia da solo, quindi monitorando le prestazioni, possiamo fare le riparazioni prima che si verifichino".



Minore consumo di energia
Il software contribuisce anche a ridurre i costi energetici. "Cerchiamo sempre di usare meno energia possibile - ha continuato Frank - Ad esempio, un aggiornamento di un software obsoleto può portare a un risparmio energetico del 20-30%, senza una regolazione effettiva nell'impianto di raffreddamento. Abbiamo già vari progetti che dimostrano che l'investimento in nuovi controlli tramite VK Dynamics, si recupera in pochi anni".

L'utilizzo di energia è il tema del futuro. "Continueremo ad essere pionieri nel limitare ulteriormente il consumo energetico, senza che ne risentano i prodotti". Il calore residuo dell'impianto, ad esempio, può essere utilizzato per riscaldare gli uffici o per riscaldare l'acqua. "Molte aziende non utilizzano queste opzioni. Quando i clienti vogliono un nuovo impianto, cerchiamo di portare la loro attenzione sulla possibilità di recuperare il calore".



Celle di maturazione
Negli ultimi anni, è aumentata significativamente la costruzione di celle di maturazione per la frutta esotica. Anche per una clientela innovativa, la Van Kempen Koudetechniek ha acquisito una posizione di primo piano su questo mercato. "Cerchiamo costantemente di prevenire i danni per i nostri clienti nei processi di produzione o di stoccaggio. Ecco perché guardiamo con fiducia al futuro e continuiamo ad affermare il nostro slogan: Van Kempen Koudetechniek, Freddo oggi. Freddo domani".

"VK Dynamics è dotato di una sorta di libreria, che memorizza tutte le impostazioni per le celle di maturazione, a livello di prodotto". Sebbene la Van Kempen abbia costruito la sua prima cella di maturazione nel 2004, il mercato negli ultimi anni ha preso il volo.

Per maggiori informazioni: fb@vkkt.nl

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto