Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Si semina in settembre e si scava a fine maggio. Ettari piu' che dimezzati

Cipolla a raccolta primaverile in continuo calo

C'è chi dà la colpa alle produzioni del nord Europa, chi alle scorte sempre maggiori, chi alle importazioni. Fatto sta che nel nord Italia la cipolla a semina autunnale, cioè nel mese di settembre, che viene poi scavata in maggio-giugno, ormai è ai minimi termini. I coltivatori la stanno abbandonando perché i prezzi non sono più remunerativi".



"Negli ultimi anni gli ettari sono più che dimezzati - spiega l'esperto Marco Bastoni - e stimo che, nel nord d'Italia, siano passati da circa 700 a 250 in pochissimi anni. Ed è un peccato perché si trattava di una buona produzione sia per i consumatori, sia per i produttori che la inserivano nel piano delle rotazioni. Solo che i prezzi sono crollati".

Francesco Sarti, produttore di Budrio di Bologna, attualmente coltiva tre ettari, molti di meno rispetto a qualche anno fa. "Il nostro prodotto precoce sarebbe ottimo, ma si scontra con quello del nord Europa. Molte nazioni in maggio e giugno hanno ancora giacenze e non importano più come una volta. Le nostre cipolle di giugno devono essere vendute in fretta perché non hanno una lunga conservazione".

Il prodotto cresciuto durante l'inverno ha la caratteristica di essere molto gradevole dal punto di vista organolettico. Non dolce, ma di certo più digeribile e "leggero" rispetto a quello che si scava in agosto. Perché dall'estero sono diminuite le importazioni di questa cipolla italiana? Queste le motivazioni che abbiamo raccolto: stock di prodotto, importazioni in Europa provenienti dall'altro emisfero, produzioni locali, ad esempio nei Paesi Bassi, molto precoci grazie a nuove varietà.

"Per garantire ai consumatori italiani cipolla nazionale 365 giorni l'anno - afferma un altro esperto del settore - questo prodotto a semina autunnale sarebbe indispensabile. Invece ora abbiamo delle lacune produttive che andiamo colmando con importazioni. Non mi sembra molto intelligente. La Gdo, che spesso si fa pubblicità parlando del km zero e dell'italianità, dovrebbe richiedere, e vendere ai consumatori, cipolla italiana tutto l'anno".

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto