Guarda il nostro reportage fotografico dagli Stati Uniti!

New York: alla scoperta della vendita al dettaglio di frutta e verdura nelle strade di Manhattan

Ci sono tanti ambulanti di frutta e verdura agli angoli delle strade, cioè agli incroci fra Street e Avenue, con molta offerta di IV gamma nei negozi. La New York che abbiamo visitato la scorsa settimana ci ha fatto capire quanto sia modesto il livello di distribuzione di frutta e verdura in un distretto (perché Manhattan non è altro che una grande zona da 1,6 milioni di abitanti, il distretto più famoso del mondo) fra i più ricchi della terra, dove l'affitto di un ufficio da 100 mq costa almeno 250mila dollari l'anno. Modesto non dal punto di vista quantitativo, ma piuttosto sul fronte qualitativo e organizzativo.

Clicca qui per sfogliare l'album fotografico completo!
 

Fa un po' sorridere vedere agli angoli delle strade questi carrettini con la frutta e la verdura che tutto evocano fuorché tecnologia, professionalità, igiene. Sì, anche igiene, perché la città è molto inquinata, caotica e soggetta a un traffico continuo e la frutta che staziona tutto il giorno nell'angolo di queste vie difficilmente a sera non sarà ricoperta da polvere e smog...

Clicca qui per sfogliare l'album fotografico completo!


Tutto a Manhattan è caro, un po' come qualsiasi grande e frequentata città turistica europea. Abbiamo visto tre pesche vendute a 2 dollari, due susine a 1 dollaro, tre pere a 2 dollari, oppure 1 dollaro se si comprava un singolo pezzo. Al cambio attuale, sarebbe come acquistare una singola pera a 0,90 euro!

 

Molto spesso questi chioschetti ambulanti stazionano a fianco a quelli che cucinano gli hot dog, vere esalazioni di pessimi odori di grasso bruciacchiato su piastre dall'aspetto disgustoso e parcheggiati, di notte, in androni piuttosto malsani. Anche i carretti degli ambulanti di frutta e verdura, spesso, stazionano in questi garage delle vie laterali... e non osiamo pensare al costo dell'affitto.

Clicca qui per sfogliare l'album fotografico completo!


Abbiamo visitato anche qualche negozio. Non era specializzato solo in frutta e verdura, ma aveva una scelta piuttosto ordinata e ampia. I prezzi erano comunque piuttosto elevati rispetto alla media italiana (due arance a 1 dollaro), ma va ribadito che Manhattan è una delle zone più frequentate, vissute e ricercate del mondo. In albergo, una persona ci ha riferito che l'attico dell'ultimo grattacielo costruito, il secondo più alto della città, è stato venduto a 600 milioni di dollari. Probabilmente più di un milione di dollari al metro quadrato.



Abbiamo chiesto informazioni circa la provenienza della merce esposta, ma le risposte sono state vaghe. In una città cosmopolita, dove convivono persone di tutte le razze e di tutto il mondo, la provenienza della frutta non pare essere importante. Anzi, un cileno può essere contento di trovare in vendita i kiwi del suo paese, così come lo sarebbe un italiano se vedesse delle mele del Trentino.

Clicca qui per sfogliare l'album fotografico completo!


Nei punti vendita fissi qualche indicazione sulla provenienza l'abbiamo vista (i kiwi cileni, appunto), mentre nessuna informazione era presente presso gli ambulanti. Nei prossimi giorni pubblicheremo un servizio su come, cosa e dove mangiano turisti e abitanti di Manhattan.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto