Avvisi

La clessidra

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

E se scompaiono le banane? Ricercatori studieranno l'ipotesi

La mutazione della malattia di Panama che sta falcidiando le produzioni di banane Cavendish (ad oggi l'unica varietà scambiata a livello internazionale, ndr) non è solo un problema della produzione agricola. Stiamo infatti parlando di uno dei prodotti maggiormente commercializzati al mondo e in diversi paesi, come ad esempio il Regno Unito, del frutto più consumato. Cosa accadrà se i timori di un bananageddon (= di una scomparsa del frutto tipo giorno dell'Armageddon) dovessero rivelarsi fondati?

Grazie a un finanziamento da 1,2 milioni di sterline (1,3 milioni di euro, ndr) un pool di biologi ed economisti dell'Università di Exeter, dell'Università di Oxford, della FAO, dell'ONG BananaLink e del centro di consulenza 3Keel proveranno a dare una risposta mentre, come stanno facendo tanti altri centri di ricerca nel mondo, cercheranno anche una soluzione alla malattia.



Al netto della parte biologica, il gruppo studierà anche come si forma il prezzo nel mercato delle banane e come questo sta cambiando e cambierà con il diffondersi della malattia; analizzerà la percezione dei consumatori e come questi reagiranno a un inevitabile, visto il diminuire dei volumi, aumento dei prezzi del frutto. Infatti il timore che ha spinto alla formazione di questo pool di ricercatori è che, da problema produttivo, questo nuovo ceppo della malattia di Panama possa trasformarsi in un problema sociale, di salute pubblica: se il prezzo delle banane dovesse salire troppo, si teme che il consumatore abbandoni l'acquisto delle banane per ripiegare sugli snack, meno salutari ma anche più a buon mercato.

Parallelamente il team studierà nuovi modelli di formazione del prezzo da poter applicare al mercato delle banane colpito dalla malattia.

Rielaborazione FreshPlaza su varie fonti.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto