I consumatori inglesi chiedono ad Asda e Tesco piu' banane Fairtrade

Nel Regno Unito consumatori e attivisti stanno chiedendo ad Asda e Tesco di acquistare più banane Fairtrade, in modo da non danneggiare i produttori dei Paesi in via di sviluppo. Per novembre sono attese decine di migliaia di messaggi di questo genere, dato che si tratta del mese in cui i retailer effettuano le negoziazioni per l'anno successivo.

Le banane sono il frutto preferito dai consumatori inglesi, che spendono ogni anno oltre 700 milioni di sterline per acquistarne 5 miliardi. Nonostante ciò, i produttori sono in seria difficoltà: in Ecuador, per esempio, solo una famiglia su quattro che lavora nell'industria bananicola guadagna abbastanza per superare la soglia di povertà. 

Negli ultimi 20 anni il prezzo al dettaglio delle banane sfuse è dimezzato, a fronte di costi di produzione quasi raddoppiati. E sono i produttori e gli operatori a pagare lo scotto della frutta venduta a basso costo. I retailer che procurano le banane dal circuito Fairtrade possono però assicurare ai propri clienti che, nonostante la guerra dei prezzi, i produttori ricevano prezzi e premi in modo trasparente.

Al momento una banana su tre di quelle vendute nel Regno Unito proviene dal circuito Equo e Solidale. La campagna è focalizzata su Asda e Tesco perché sono i due principali venditori di banane nel paese che vendono ancora banane non Fairtrade (meno del 10% del totale).

Ai consumatori premono le condizioni dei bananicoltori e la correttezza dei retailer: otto acquirenti su dieci (incluso l'85% dei clienti Asda e l'84% di Tesco) affermano di essere disposti a pagare di più purché produttori e operatori ne traggano beneficio.

Un recente sondaggio condotto dal Department for Business, Innovation and Skills ha poi scoperto che per quasi due terzi dei consumatori non è sufficiente che i retailer si dichiarino etici, ma devono anche fornirne le prove, come ad esempio certificazioni da parte di enti terzi o l'etichetta Fairtrade.

Secondo uno studio condotto di recente sulle piantagioni in Colombia (paese da cui proviene la maggior parte delle banane vendute nel Regno Unito), il 96% dei produttori ha migliorato la propria situazione economica del 34% da quando è entrato a far parte del circuito Fairtrade. Il 100% dei lavoratori nelle piantagioni facenti parte del programma ha confermato che la qualità di vita è migliorata.

"Sembra assurdo che le banane siano il frutto preferito nel Regno Unito ma che molti dei produttori vivano in povertà - ha detto Michael Gidney, amministratore delegato della Fairtrade Foundation - Non è ciò che vogliono i consumatori: a loro importa delle condizioni dei lavoratori e chiedono garanzie sull'operato dei retailer. Se Waitrose, Sainsbury's e Co-operative possono vendere il 100% delle banane Fairtrade, allora anche Asda e Tesco possono fare meglio. Ecco perché esortiamo le persone a mandare messaggi a queste due insegne. È un piccolo gesto ma, facendolo ora, quando i retailer negoziano i contratti per l'anno successivo, c'è una possibilità in più di ottenere qualcosa". 

Visita www.fairtrade.org.uk/bananas per maggiori informazioni.

Testo e traduzione FreshPlaza. Tutti i diritti riservati.

Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto