Finocchi: in ripresa i prezzi dopo un periodo di calo a 60 centesimi di euro al chilo

Sul mercato cesenate le quotazioni del finocchio sono in ripresa. Ormai infatti nel mercato all'ingrosso la produzione locale è agli sgoccioli, lasciando così campo libero per le produzioni del Sud Italia: meno offerta e temperature che favoriscono la domanda stanno spingendo le vendite dopo alcuni giorni di calo.



Ma andiamo con ordine. Ai primi d'ottobre è partita la stagione del finocchio invernale del Sud; stagione che continuerà per svariati mesi, fino anche a marzo/aprile, con l'arrivo sul mercato delle produzioni da zone sempre più a Nord: tra alcune settimane toccherà alla produzione barese, all'inizio del 2015 a quella di Foggia.

Un avvio abbastanza positivo, nonostante l'accavallamento con le ultime produzioni locali: per i primi 10-15 giorni di ottobre il prezzo di vendita all'ingrosso si aggirava intorno agli 80 centesimi di euro al chilo, per un prodotto venduto in padelle da 10 pezzi l'una.

A seguire però vendite e quotazioni hanno rallentato, probabilmente a causa del colpo di coda del caldo che ha raffreddato i consumi e, al contempo, prolungato la stagione del local. In questo periodo di ribasso si sono persi anche 20 centesimi di euro al chilo, arrivando a un prezzo di vendita di 60 centesimi di euro al chilo.

Da 4-5 giorni invece, con l'uscita di scena del finocchio locale, i prezzi sono in ripresa e nel cesenate si è arrivati agli 80 centesimi di euro, anche ai 90, con l'esaurimento totale del prodotto in vendita. In mercati più a Nord, dove il locale ha ceduto il passo prima, questa salita dei prezzi ha permesso di arrivare anche a 1 euro al chilo.

Anche per le prossime settimane le prospettive sono di un aumento di prezzi, ma molto dipenderà dal meteo e dal persistere delle attuali temperature autunnali che incentivano la domanda. Le stime sono di poter raggiungere l'euro al chilo, considerato un buon prezzo di vendita, anche nel cesenate.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto