Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

"Le antiche varietà di melo crescono anche nei "Territori.COOP"

Impegnata nel "rendere ai territori quello che i territori le danno", Coop privilegia le filiere produttive delle regioni in cui opera, offrendo l’opportunità alle economie locali di essere più competitive.

Nell’ambito di "Territori.COOP", questo percorso di valorizzazione e recupero si traduce spesso nella riscoperta di antiche tradizioni e coltivazioni che, paradossalmente, si dimostrano ancora attuali.

È quanto accaduto con la mela Campanina (nelle foto del Comune di San Possidonio, Modena), un'antica varietà delle pianure a sud del Po, che all’inizio del 2000 era relegata in soli 25 ettari del comprensorio modenese, con una produzione annua di circa 250 quintali.

Grazie alla tenacia di quindici agricoltori dei comuni di San Possidonio, Mirandola, Novi, San Felice sul Panaro e San Prospero – oltre che alla attenzione e al sostegno della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Modena e di alcune amministrazioni locali – la mela Campanina è stata recuperata e poi rilanciata, anche se su piccola scala, a livello commerciale.

Il piccolo gruppo di agricoltori della "Bassa modenese" ha impiegato portinnesti a bassa-media vigoria e un diverso sistema di allevamento per facilitare le operazioni colturali e migliorare la resa produttiva. Così, dal 2005, le mele Campanine si trovano sugli scaffali dei reparti ortofrutta di alcuni supermercati delle province di Piacenza, Reggio Emilia, Modena e Ferrara e ora si programma la messa a dimora di nuovi impianti per aumentare la fornitura, ancora limitata.

Di piccole dimensioni, con la buccia sottile che vira a un caratteristico colore rosso quando matura e una polpa croccante, dolce e profumata, oggi le originarie qualità della Campanina sono tornate interessanti e attrattive per il consumatore.

Innanzitutto, come molte altre antiche varietà, è una mela resistente o molto tollerante alle principali malattie e richiede pertanto meno trattamenti fungicidi e insetticidi. Inoltre, uno studio svolto dall'Università di Bologna ha dimostrato che la mela Campanina contiene sostanze antiossidanti in quantità decisamente superiore alle altre mele. Proprietà che peraltro si mantiene inalterata dopo la cottura, come pure la consistenza e compattezza della polpa che inizialmente l'ha fatta preferire per il consumo da cotta.

Come ogni anno, anche lo scorso 16 ottobre il Comune di San Possidonio (MO), ha dedicato una domenica d'autunno alla Festa della "sua" mela Campanina, conosciuta come "Al pom campanin" o "la mela della nonna": le degustazioni e la mostra pomologica sono state accompagnate dalla gradita distribuzione, da parte della Provincia di Modena, di piantine di mela Campanina da coltivare nel proprio giardino.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto