Preoccupazione per il Faitrade

"Fyffes trae profitto dall'avvicinarsi di una possibile soluzione alla "guerra delle banane"

Sembra che durante i prossimi giorni - entro fine novembre 2009 - potrebbe essere finalmente raggiunto un accordo su una graduale riduzione del dazio europeo sulle importazioni di banane dai paesi dell'America Latina.

Il Commissario Europeo Catherine Ashton, già la scorsa settimana, aveva lasciato intendere che si sarebbe raggiunto un accordo in breve tempo. Nel caso in cui questo accadesse davvero, si porrebbe fine ad una controversia - detta anche "guerra delle banane" - che dura già da 13 anni.

Sebbene l'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) abbia già più volte incaricato la UE di porre fine alla disparità di trattamento tra i vari paesi esportatori di banane, non vi è stato finora alcun adeguamento della linea politica. Se passasse l'accordo, il dazio sull'importazione di banane, oggi fissato a 176 euro/ton, potrebbe ridursi a 148 euro/ton e poi gradualmente, nell'arco di 7 anni, diminuire fino a 114 euro/ton.

Quando le voci di un possibile accordo sono diventate di pubblico dominio, la quotazione delle azioni della società irlandese Fyffes - una delle principali compagnie di importazione di banane in Europa - è cresciuta del 6,5%. Il mercato si attende infatti che la riduzione del dazio possa avere un influsso positivo sui margini della compagnia irlandese di frutta.

D'altra parte, a preoccuparsi per il nuovo scenario commerciale che si aprirebbe dopo l'accordo, sono invece i paesi cosiddetti ACP (Africa, Pacifico e Caraibi), finora esenti dall'applicazione della tariffa doganale, in quanto tutti ex-colonie europee. A risentirne in modo particolare potrebbe essere il segmento delle banane Faitrade (del commercio equo e solidale): i prezzi delle banane infatti diminuiranno, erodendo i margini anche di questa particolare area di commercio che devolve parte del prezzo di vendita a programmi e progetti di sostegno sociale ed economico nei paesi poveri.

Uno studio preliminare mostra che le importazioni di banane dai paesi ACP potrebbero subire un declino fino al 14% nell'arco dei prossimi 7 anni. Proprio per riequilibrare la situazione, questi paesi riceveranno - per un periodo di quattro anni - un contributo di 190 milioni di euro per migliorare la loro competitività.

Data di pubblicazione:
Author:
©



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto