Avvisi

Ricerca di personale

Speciale continua

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Spagna

Grandi quantità di merci provenienti dall'America Latina e dal Marocco bloccate nel porto di Algeciras

Le attività al porto di Algeciras sono collassate il 22 dicembre, nel pieno del traffico merci natalizio. Da allora, si è creato un enorme collo di bottiglia di camion e container bloccati al porto. Il collasso è in parte dovuto all'aumento dell'attività del periodo, alla mancanza di personale presso il Posto d’ispezione frontaliera (BIP), in particolare presso l'Agenzia sanitaria esterna, e ad una modifica dei protocolli di ispezione sanitaria.

"C'è un caos tremendo", ha dichiarato Manuel Cozar, presidente dell'Associazione degli spedizionieri della Baia di Algeciras. “Il livello di disperazione coinvolge tutti, non solo gli spedizionieri ma tutti coloro che sono collegati alla logistica marittimo-portuale. Ci sono camion e container in attesa dei controlli sanitari dal 22 dicembre. Siamo nel pieno del traffico natalizio e tutto ciò che ogni giorno arriva al porto, rimane bloccato, e non sappiamo quando questa situazione si sbloccherà", ha detto Manuel.

"Ci sono molte merci deperibili che si deteriorano, con perdite economiche per gli operatori che non possono fare nulla, per i vettori che rimangono bloccati, e per gli importatori che non ricevono la loro merce", ha affermato Alvaro Partida dell'agenzia delle dogane Partida Logistics e operatore logistico. "Nessuno sa quando tutti i camion che stanno causando code chilometriche nel porto, riusciranno a partire".

"Diverse agenzie PIF registrano da anni una carenza di personale. Ogni anno, nei giorni festivi come questi, molti lavoratori si prendono dei giorni di ferie, quindi c'è meno personale per un periodo con un'attività d’esportazione così alta. Normalmente riceviamo la maggior parte dei camion e dei container nei fine settimana, soprattutto dal Marocco, un Paese che sta aumentando le sue esportazioni verso l'Europa. A peggiorare le cose, quest'anno sia Natale che Capodanno cadevano nel fine settimana, e tra il 5 e 6 gennaio la Spagna ha celebrato la Giornata dei Re Magi. Ciò ha causato un scandaloso collo di bottiglia", ha dichiarato Alvaro Partida. "Questo genere di cose accade ogni anno, con effetti negativi sull'immagine del porto di Algeciras".

Grandi quantità di frutta e verdura dall'America Latina e dal Marocco sono bloccate nel porto e alcune merci sono già state dirottate verso altri Paesi come Francia, Portogallo e Germania. "Abbiamo la possibilità di deviare le merci verso altri porti spagnoli, ma non risolve il problema e, inoltre, non possiamo portare al collasso altri posti di ispezione alle frontiere".

Alcuni operatori dei mercati europei hanno affermato che c'è già una notevole carenza di pomodori marocchini, una situazione che favorisce temporaneamente gli esportatori spagnoli ma che potrebbe anche causare un eccesso di fornitura nelle prossime settimane.

"I protocolli sanitari sono quintuplicati, in periodi già molto complicati. Da tre settimane gli ispettori sono costretti a rimanere sulla banchina per tutta la durata dell'ispezione, il che impedisce loro di far uscire ciò che necessita solo di un controllo documentale. Le autorità sanitarie hanno deciso che non è più sufficiente avere un ausiliario ufficiale presente durante i prelievi e le ispezioni, ora deve essere presente il veterinario, il che significa che non può più continuare il suo lavoro di raccolta dei fascicoli", ha affermato Manuel Cozar.

"Il personale manca da molti anni, ma il caos non è mai arrivato a questo livello. Assumere più personale è fondamentale. È mancata una pianificazione complessiva che risponda alle esigenze dei tempi attuali", ha dichiarato Alvaro Partida.

Per maggiori informazioni:
Álvaro Partida
PARTIDA – Logistics
Tel: +34 956 58 16 11
Cell: +34 652 09 44 32
Email: apartida@partidalogistics.com 
Web: www.partidalogistics.com


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto