C'è concorrenza sul mercato europeo del mango

Dire che è un anno difficile per le esportazioni del mango brasiliano è un eufemismo. Finora, il mercato locale ha assorbito bene i suoi frutti, ma le esportazioni verso l'Europa sono in difficoltà.

Gli ultimi anni sono stati volatili per i mango. Nel 2020, durante la pandemia, il commercio del frutto si è praticamente arrestato. "Nel 2021, il mercato si è ripreso bene. Quest'anno è di nuovo tutto diverso", riferisce dal Brasile Eryvan Pires della Fruitmarket Agribusiness. Attualmente, sono diversi i fattori che stanno ostacolando il commercio brasiliano. "In primo luogo, il Paese sta affrontando i costi alle stelle del trasporto marittimo. Quest'anno i prezzi dei container sono raddoppiati, fino a 8.000 dollari".

"Anche i costi di produzione sono aumentati di ben il 20%. L'Ucraina è il principale fornitore di fertilizzanti del Brasile. Dallo scoppio della guerra, le importazioni sono state difficili, oltre che costose. E infine, il tasso di cambio è sfavorevole. Il valore del Real è fortemente diminuito quest'anno. Vale circa il 62% in meno. Nel complesso, i prezzi sono aumentati di almeno il 44%. È fattibile?" si chiede Eryvan.

Fruitmarket commercializza frutta tropicale ed è specializzata nei mango. L'azienda ha un ufficio per l’export in Brasile e acquista i frutti direttamente da due grandi società di produzione, che controlla. Inoltre, Fruitmarket importa i mango dall'Africa occidentale, dal Messico e dal Perù. Secondo Eryvan, il Brasile produce frutti per tutto l'anno ed è il più forte operatore del settore nell'America centrale e meridionale.

"Il Brasile dispone di tutto quello che concerne la coltivazione, i prodotti fitosanitari, l'irrigazione, l'imballaggio, la logistica e il commercio. In Europa, la Spagna è diventata un concorrente particolarmente forte. Questo Paese produce mango da agosto a dicembre. Quindi non per tutto l'anno, ma quasi. Ciò significa che possono lasciare i loro manghi sugli alberi più a lungo".

Meno esportazioni in Europa
A fine settembre, il mercato europeo è altamente competitivo. Una gran quantità di manghi sono disponibili da altri Paesi in crescita, come Spagna e Israele. A questo si aggiungano gli elevati costi di trasporto e l'inflazione persistente. "Un numero decisamente inferiore di mango brasiliani sta arrivando sul mercato europeo. Fortunatamente, il mercato locale è buono e le vendite negli Stati Uniti rimangono significative", afferma Eryvan.

"Tuttavia, la forte domanda locale di mango è destinata a diminuire. Qui sta facendo più caldo, quindi i frutti maturano prima. Ciò significa una quantità maggiore di mango e il rischio di una sovrapproduzione. Ciò comporterà nuovamente un aumento delle spedizioni. Ci aspettiamo che la domanda dall'Europa aumenti. Tuttavia, una quantità inferiore di mango arriverà sul mercato europeo. Le persone non vogliono correre dei rischi, c'è molta incertezza".

Eryvan dice che due importanti produttori brasiliani hanno deciso di non spedire i mango in Europa. "Stanno lasciando i frutti sugli alberi perché costa meno della raccolta, dell'imballaggio e della spedizione. Le esportazioni dirette, senza intermediari, stanno andando bene. Stiamo cercando il più possibile di esportare direttamente. A parte questo, tutto ciò che possiamo fare è aspettare e vedere. Abbiamo già sperimentato qualcosa del genere. Arriveranno tempi migliori", conclude Eryvan.

Per maggiori informazioni:
Eryvan Leal Pires
Fruitmarket Agribusiness BV
Lichtenauerlaan 102-120
3062 ME Rotterdam - Paesi Bassi
+31 10 340-0125
eryvan@fruitmarket.nl
www.fruitmarket.nl


Data di pubblicazione:
© /



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto