Avvisi

Ricerca di personale

Top 5 -ieri

Top 5 -ultima settimana

Top 5 -ultimo mese

Prezzi all'ingrosso dell'energia in aumento: un incremento di oltre il 1.000% in 2 anni!

"Senza l'intervento del governo il settore delle pomacee francese dovrà affrontare la bancarotta e un taglio massiccio dei posti di lavoro"

Nell'ultimo fine settimana di agosto, i prezzi dell'elettricità all'ingrosso hanno raggiunto nuovi record e, se non si interverrà in alcun modo, questo porterà alla morte economica di un terzo dei frutticoltori francesi.

Il 26 agosto, un giorno dopo il lancio della campagna francese delle mele e delle pere che annunciava un raccolto minore ma di qualità per il 2022, il prezzo dell'elettricità sul mercato all'ingrosso ha superato i 1.000 €/MWh in Francia. Un aumento di oltre il 1.000% in 2 anni!

I centri di imballaggio di mele e pere sono preoccupati da mesi per l'evoluzione dei prezzi dell'energia. Quasi un terzo delle strutture deve rinnovare il contratto di acquisto di energia elettrica entro la fine del 2022. Un'analisi condotta dall'ANPP lo scorso giugno ha rivelato che, per un'unità di confezionamento di 20.000 tonnellate all'anno (media francese) con 300€/MWh, la bolletta annuale era passata da 270mila euro a 1,3 milioni di euro. Oggi, siamo sopra i 4 milioni di euro!

Il risultato economico annuale di questi centri frutticoli non supera i 300mila euro all'anno. Firmare un contratto di 4 milioni di euro equivale a dichiarare bancarotta. Anche i fornitori non si lasciano ingannare, non propongono nemmeno più questi contratti ai player del settore. Aggiungere questo carico alla già fragile produzione è impossibile, ed è anche difficile trasferire tutto questo aumento dei costi ai rivenditori e ai consumatori. Sentendosi in trappola, i produttori francesi di mele e pere e le loro migliaia di dipendenti sono ora in grande difficoltà psicologica, poiché si sentono completamente abbandonati dal governo francese. 

Eppure, le operazioni di raccolta sono iniziate e i frutti stanno entrando in magazzino. Contrariamente a molte industrie, la produzione non può essere interrotta, a meno che tutti i frutti non vengano distrutti. Ma nutrire la popolazione francese è ancora la priorità del settore.

Le autorità francesi condividono questo obiettivo, quindi solo una misura di protezione chiara e immediata aiuterà a superare questa fase. Bisogna garantire che le mele e le pere francesi siano disponibili a un prezzo accessibile per tutta la stagione e proteggere i 22.500 dipendenti del settore.

L'ANPP chiede che la misura energetica del piano di resilienza venga adattata in questo modo, senza ulteriori ritardi. È in gioco una parte della sovranità alimentare francese.

Per maggiori informazioni: 
Association Nationale Pommes Poires 
lapomme.org
vergers-ecoresponsables.fr


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto