Johan Vanhaeren, BioVibe

Mercato saturo per gli ortaggi biologici, la domanda potrebbe essere migliore

La domanda di ortaggi biologici si è stabilizzata al livello precedente la pandemia. Johan Vanhaeren, dell'azienda belga all'ingrosso di prodotti biologici BioVibe, spiega: "Durante la pandemia abbiamo venduto circa il 50% in più del normale, ma ora la domanda si è un po' ridotta".

Secondo il commerciante, per alcuni prodotti la domanda potrebbe essere un po' più alta. "Attualmente il mercato delle carote, dei porri e delle cipolle mostra un'offerta abbondante. La disponibilità di questi ortaggi è abbastanza consistente, ma la domanda è un po' indietro. A maggio e giugno è successo lo stesso per la lattuga e gli spinaci, ma fortunatamente il mercato di questi prodotti è tornato in equilibrio. Anche le mele, le pere, le patate e le zucche stanno iniziando a tornare in buon numero, quindi l'offerta è abbondante".

Questo non significa certo che le vendite si siano fermate. "Al contrario, in questo periodo estivo abbiamo venduto abbastanza bene. Naturalmente alcuni rivenditori e commercianti ai quali normalmente avremmo consegnato erano chiusi. Tuttavia, non possiamo lamentarci del commercio delle ultime settimane". Johan ritiene che il costo dell'energia sia un ostacolo per i consumatori che scelgono i prodotti biologici. "Infatti, automaticamente guardano più al loro portafoglio che all'origine, quindi vediamo una preferenza per i prodotti convenzionali più economici".

I prezzi rimangono quindi a un livello simile a quello degli anni precedenti. "Forse sono anche un po' più bassi, cosa che ovviamente non dovrebbe essere possibile. I coltivatori hanno avuto costi enormemente più alti dovuti al più alto costo dell'energia, a salari orari più alti e alla necessità di fertilizzanti e irrigazione a causa della recente siccità, ma i prezzi sono rimasti simili. Sia per il convenzionale che per il biologico, si nota che i coltivatori a volte si limitano a consegnare quasi a prezzo di costo, quindi per loro sono tempi difficili".

BioVibe acquista frutta e verdura esclusivamente da produttori locali. "Nella quasi totalità dei casi lavoriamo con coltivatori belgi, talvolta integrati da prodotti olandesi. Nel caso non riuscissimo a trovare il prodotto, ci fermeremmo. Non inizieremo a importare. Lavoriamo quindi con prodotti stagionali, ma grazie a migliori tecniche di conservazione, ora abbiamo prodotti come mele e cipolle belghe disponibili quasi tutto l'anno".

Per maggiori informazioni:
Johan Vanhaeren
BioVibe
Kempenarestraat 44A
2860 Sint-Katelijne-Waver (Belgio)
+32 (0)15 70 0092
info@biovibe.be       
www.biovibe.be


Data di pubblicazione:



Ricevi gratuitamente la newsletter giornaliera nella tua email | Clicca qui


Altre notizie relative a questo settore:


Iscriviti alla nostra newsletter giornaliera e tieniti aggiornato sulle ultime notizie!

Iscriviti Sono già iscritto